Netflix: gli abbonati russi fanno causa

Autore: Giuseppe Benincasa ,
Netflix
1' 23''
Copertina di Netflix: gli abbonati russi fanno causa

I cittadini russi abbonati a Netflix stanno facendo causa al colosso americano dello streaming. Il motivo della causa legale è nato dal fatto che Netflix ha sospeso il servizio nel paese.

Gli abbonati russi hanno assunto lo studio legale Chernyshov, Lukoyanov & Partners per lanciare una class action contro il gigante dello streaming presso il tribunale distrettuale Khamovnichesky di Mosca. Il motivo della causa - secondo un comunicato riportato da Deadline - è una violazione dei diritti degli utenti russi a causa della sospensione del servizio decisa da Netflix. Il risarcimento chiesto è di circa 724 milioni di dollari.

Advertisement

Lo scorso 6 marzo 2022 un portavoce di Netflix ha detto (via Variety) che il servizio sarebbe stato sospeso in Russia a causa della guerra in corso con l'Ucraina:

Date le circostanze, abbiamo deciso di sospendere il nostro servizio in Russia.

Oltre a ciò Netflix ha anche fermato tutte le produzioni originali russe in corso. Netflix aveva ben quattro prodotti originali russi in lavorazione tra cui una serie crime thriller diretta dal regista Dasha Zhuk dal titolo Zato.

Advertisement

Sul territorio russo Netflix ha quasi un milione di abbonati e da poco meno di un anno ha inserito il russo tra le lingue del servizio. Secondo gli ultimi dati Netflix ha oltre 209 milioni di abbonati in oltre 190 paesi.

La programmazione di Netflix è universale, copre cioè tutti i generi cinematografici e televisivi. Inoltre, dove il servizio è attivo, c'è la volontà di produrre serie originali a livello locale. Con i russi Netflix ha già prodotto il film d'animazione Agenzia Segreta - Controllo magia, la serie TV thriller del 2019 dal titolo Meglio di noi e, più recentemente, il film Chernobyl 1986 e (il consigliatissimo) Major Grom: il medico della peste.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Dahmer, Netflix perché cancellare LGBT è un grave errore

Scopri quali sono le polemiche sulla categoria LGBT della serie Dahmer - Mostro: la storia di Jeffrey Dahmer, e perché seguirle è stato un grave errore.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Dahmer, Netflix perché cancellare LGBT è un grave errore

La serie Netflix Dahmer - Mostro: la storia di Jeffrey Dahmer è stata classificata dalla piattaforma streaming in alcune categorie come drammi TV a sfondo sociale, drammi TV, horror TV, serie TV americane. Inoltre al momento della sua uscita è anche stata classificata come serie TV a tematica LGBT. Si tratta dell'acronimo che individua prodotti che parlano di minoranze sessuali, e le quattro lettere indicano lesbiche, gay, bisessuali e trans. Attualmente le diciture più frequenti sono LGBTQ+ o LGBTQIA+, dove la Q indica persone queer, la I sta per intersessuali e la A per asessuali. Il simbolo "+" alla fine indica che esistono anche altre minoranze sessuali che vengono considerate parte della comunità LGBTQ.

Perché alcuni utenti dei social media hanno protestato

Alcuni utenti di social, su piattaforme come TikTok e Twitter, hanno protestato per l'inserimento di Dahmer - Mostro la storia di Jeffrey Dahmer nella categoria delle serie TV ad argomento LGBTQ+. Di seguito, alcuni tweet che segnalano il malcontento:


Sto cercando altri articoli per te...