Netflix? No grazie: Luca Guadagnino spiega perché non fa per lui

Autore: Elisa Giudici ,
News
1' 54''
Copertina di Netflix? No grazie: Luca Guadagnino spiega perché non fa per lui

Netflix? No grazie, senza offesa. Questo è, in estrema sintesi, il Guada-pensiero riguardo al servizio di streaming più popolare al mondo. Un cortese rifiuto da parte di uno dei registi italiani più amati a livello internazionale. 

Durante un incontro col pubblico a Boston al Provincetown International Film Festival, il regista ha spiegato perché per ora non ha intenzione di collaborare con Netflix e servizi similari per realizzare film che finiscano subito sulle piattaforme di streaming a pagamento, senza passare per la sala. 

Advertisement

Ebbene sì. Guadagnino s'inserisce nella lunga lista di registi che amano e sostengono la sala, per una ragione molto particolare: la memoria e la longevità di un film. 

IndieWire ha riportato le sue parole in merito: 

Non è mia intenzione essere cortese verso chi lavora con Netflix, ma non è una cosa che fa per me. Il problema è come i film riescano a diventare qualcosa di longevo nel tempo. La mia sola paura rispetto (ai film che vanno direttamente) in streaming è che senza un'uscita in sala, i lungometraggi non esistano, vadano perduti. Andare direttamente in streaming è l'equivalente di uscire direttamente in videocassetta nell'epoca delle VHS. 

Guadagnino si riferisce agli anni '80 e '90, in cui, parallelamente alle uscite classiche in sala, c'era un vasto mercato di pellicole che arrivavano al consumatore direttamente su supporto VHS. Si trattava in genere di pellicole di qualità medio-bassa, "non meritevoli" del passaggio in sala e per la gran parte dimenticate. 

Advertisement

Come affrontare la crisi delle sale che, a eccezione di alcuni titoli molto forti, si prolunga sin dalle prime fasi della pandemia? La soluzione per Luca Guadagnino è una sola: 

Penso che il pubblico tornerà in sala per i film giusti. 

Chissà se uno dei suoi nuovi due progetti saprà riempire le sale. In autunno vedremo Bones at All, l'horror romantico e molto violento che vede il regista tornare a girare con Timothée Chalamet (lanciato proprio dal suo Chiamami col tuo nome).

Attualmente Guadagnino è al lavoro su Challengers, un dramma ambientato nel mondo del tennis con protagonisti Zendaya e Josh O’Connor. Guadagnino ha già fatto capire che, anche in questo caso, possiamo aspettarci un sottotesto queer nella storia. 

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

Altre 300 persone hanno perso il lavoro a causa della crisi Netflix, che comunque continua a investire su prodotti originali.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

È la stessa azienda ad annunciarlo. Netflix ha purtroppo licenziato altri 300 dipendenti, dopo averne "mandati a casa" 150 il mese scorso. Si tratta di un nuovo taglio del personale pari al 3% della forza lavoro dell'azienda che conta circa 11 mila dipendenti.

La dichiarazione di un portavoce di Netflix ha fatto sapere che:

Sto cercando altri articoli per te...