Non aprite quella porta, Mark Burnham sarà Leatherface nel sequel diretto del primo film

Autore: Simona Vitale ,
Copertina di Non aprite quella porta, Mark Burnham sarà Leatherface nel sequel diretto del primo film

Non aprite quella porta (The Texas Chainsaw Massacre) del 1974 è stato il film capostipite di un franchise horror di gran successo, tale da generare ben quattro sequel, un prequel, un remake e il prequel di quest'ultimo.

I due primi film del franchise sono stati diretti da Tobe Hooper, mentre ad altri registi sono stati affidati i film successivi. Occorre dire che i sequel, pur riprendendo il genere e il meccanismo narrativo del primo film, hanno raccontato storie del tutto slegate da esso, con personaggi ed eventi non correlati alla pellicola del 1974.

Advertisement

I fan di Non aprite quella porta saranno però sicuramente al corrente che è in fase di produzione un altro film, davvero unico rispetto ai precedenti. Non aprite quella porta del 1974, infatti, avrà un sequel diretto avente come protagonista il terribile killer mascherato presente in tutti i film del franchise. La notizia è stata confermata nei giorni scorsi da Fede Alvarez - produttore della pellicola - nel corso di un'intervista concessa a Bloody Disgusting:

È un sequel diretto ed è lo stesso personaggio. Il vecchio Leatherface. Tutto è girato in modo classico, con uno stile da vecchia scuola. L'approccio è simile a quello del film La casa, senza effetti visivi e facendo tutto davanti alla macchina da presa.

Non aprite quella porta Non aprite quella porta Mentre è in corso una serie di misteriose razzie nei cimiteri della zona, Sally (Marilyn Burns), assieme al fratello paraplegico Franklin (Paul A. Partain) e a un gruppo di amici, ... Apri scheda

Come riportato in esclusiva proprio da Bloody Disgusting, è stato finalmente scelto l'attore che interpreterà Jedidiah Sawyer ovvero Leatherface, l'iconico assassino noto in Italia come Faccia di Cuoio (perché indossa una maschera fatta di cuoio) che era solito brandire una motosega con la quale torturava le sue vittime. 

L'attore chiamato a vestire i panni di Faccia di cuoio è Mark Burnham, famoso - tra le altre cose - per la sua partecipazione al film Wrong Cops del 2013.

Advertisement

Non solo, però. Il sequel è molto atteso dai fan anche perché riporterà sul grande schermo il personaggio di Sally Hardesty (unica superstite del massacro di Leatherface) per la prima volta dal film originale. A parte un piccolo cameo nel film Non aprite quella porta IV (1994), Sally Hardesty è stata assente da tutti i film successivi a quello del 1974. Sally sarà interpretata per questo sequel dall'attrice Olwen Fouéré, che andrà a sostituire Marilyn Burns, interprete di Sally nel film originale e venuta a mancare nel 2014.

Occorre ricordare che purtroppo anche Gunnar Hansen, l'attore che nel 1974 ha interpretato Faccia di cuoio, è morto nel 2015. Nel sequel i due - decisamente più anziani - si ritroveranno nuovamente faccia a faccia anni dopo il loro primo terribile incontro. Riuscirà anche stavolta Sally a sfuggire alle torture di Leatherface? Lo scopriremo presto.

Advertisement
Legendary Pictures
Non aprite quella porta, poster del sequel
Il poster del sequel di Non aprite quella porta (1974)

Nella nuova pellicola reciteranno anche Elsie Fisher (Castle Rock), Sarah Yarkin, Moe Dunford, Alice Krige, Jacob Latimore, Nell Hudson, Jessica Allain, Sam Douglas, William Hope e Jolyon Coy. La regia del sequel di Non aprite quella porta è stata affidata a David Garcia, mentre la sceneggiatura è stata scritta da Chris Devlin. Nell'agosto del 2020, il film ha cambiato regista a causa delle differenze creative tra Ryan e Andy Tohill (scelti inizialmente per dirigere la pellicola) e Legendary Pictures (che ha prodotto il sequel). Una settimana dopo l'inizio delle riprese, infatti, Legendary Pictures decise di allontanare i fratelli Tohill e far cominciare nuovamente le riprese con Garcia alla regia. 

Sebbene non sia ancora stata resa nota una data di uscita ufficiale per la pellicola, sembra che - pandemia di Covid-19 permettendo - il sequel di Non aprite quella porta arriverà nei cinema statunitensi entro il 2021.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Non aprite quella porta, il finale dell'horror Netflix e la scena extra che apre al sequel

È sulla piattaforma il reprise del capolavoro di Tobe Hooper, con Olwen Fuéré nella parte di Sally Hardesty e quattro nuove vittime da massacrare: è chiaro che si punta a rilanciare il franchise, come mostrano il finale e la scena extra.
Autore: Alessandro Zoppo ,
Non aprite quella porta, il finale dell'horror Netflix e la scena extra che apre al sequel

C'era tanta attesa per Non aprite quella porta, il "legacy sequel" del capolavoro diretto da Tobe Hooper nel 1974, capostipite di una saga andata avanti per sette film fra sequel, prequel, remake e reboot. Non solo per il ritorno del personaggio di Sally Hardesty (a interpretarla è Olwen Fuéré, chiamata a sostituire Marylin Burns, scomparsa nel 2014 all'età di 65 anni), ma soprattutto per il coinvolgimento nelle vesti di produttori di Fede Álvarez e Rodo Sayagues, la coppia di #Man in the Dark e del remake di La casa.

Il franchise slasher di Faccia di cuoio mancava dagli schemi da cinque anni, quando Alexandre Bustillo e Julien Maury hanno realizzato l'origin story #Leatherface. L'"aggiornamento" del 2022 è disponibile su Netflix dal 18 febbraio ed è stato affidato allo sceneggiatore Chris Thomas Devlin e al regista texano David Blue Garcia, al suo secondo lungometraggio dopo l'esordio con l'action-thriller Tejano. Texas Chainsaw Massacre è pronto ad un rilancio come quello messo a punto da Blumhouse e David Gordon Green con Halloween? Tutto lascia supporre di sì, considerando il finale del film di Garcia e la sua scena post credits.

Sto cercando altri articoli per te...