Non aprite quella porta, Ryan e Andy Tohill saranno i registi del reboot

Autore: Alessandro Zoppo ,
News
2' 9''
Copertina di Non aprite quella porta, Ryan e Andy Tohill saranno i registi del reboot

Non aprite quella porta, il cult movie per eccellenza nella storia del cinema dell'orrore, è pronto a tornare sugli schermi per l'ennesima volta. Variety rivela che Legendary sta preparando il reboot dell'horror di Tobe Hooper del 1974 e ha affidato la regia a Ryan e Andy Tohill, i fratelli registi che hanno esordito con il thriller The Dig. Il film sarà sceneggiato da Chris Thomas Devlin e la produzione porta la firma prestigiosa di Fede Alvarez e Rodolfo Sayagues con la loro Bad Hombre.

Il regista uruguagio di #Man in the Dark e La casa ha commentato in maniera entusiasta l'arrivo dei Tohill alla guida del progetto.

Advertisement

La loro visione rispecchia esattamente quello che vogliono i fan: è violenta, emozionante e così perversa che rimarrà per sempre nella vostra testa.

Il censuratissimo Non aprite quella porta di Hooper, che ha generato il personaggio memorabile di Leatherface, ha dato vita ad un vero e proprio franchise. Dopo l'originale del 1974, sono arrivati altri sette film: il sequel di Hooper del 1986, il sequel eboot diretto da Jeff Burr nel 1990, il primo remake del 1994 #Non aprite quella porta IV (The Texas Chainsaw Massacre: The Next Generation) di Kim Henkel, il primo remake contemporaneo del 2003 di Marcus Nispel, il prequel del 2006 #Non aprite quella porta - L'inizio di Jonathan Liebesman, il sequel diretto dell'originale #Non aprite quella porta 3D di John Luessenhop e il più recente #Leatherface, origin-story su Faccia di Cuoio diretta da Alexandre Bustillo e Julien Maury nel 2017.

Legendary vuole rilanciare la saga con questo reboot, la cui trama è tenuta ancora sotto silenzio dallo studio. Non sappiamo da dove riprenderanno le avventure di "Bubba" e la sua famiglia. La scelta di Ryan e Andy Tohill sembra invece promettente. I due si sono fatti notare nel 2018 al Toronto Film Festival con il loro lungometraggio d'esordio, The Dig, già vincitore come miglior film irlandese al Galway Film Fleadh.

Advertisement

Il thriller racconta la storia di un uomo che torna a casa, nell'Irlanda del Nord, dopo aver passato quindici anni in carcere per aver commesso un terribile omicidio. Da allora, il padre della vittima ha trascorso tutto il suo tempo a scavare alla ricerca dei suoi resti.

La ricomparsa del colpevole di quell'atrocità scatena in lui e nella sua famiglia sentimenti contrastanti: da un parte un odio profondo e un feroce sentimento di vendetta, dall'altra la possibilità di poter finalmente sapere dov'è sepolta la ragazza.

Non aprite quella porta Non aprite quella porta Mentre è in corso una serie di misteriose razzie nei cimiteri della zona, Sally (Marilyn Burns), assieme al fratello paraplegico Franklin (Paul A. Partain) e a un gruppo di amici, ... Apri scheda

Un mix di suspense e dolore che appare perfetto per un horror che ha fatto delle atmosfere malsane e angoscianti il suo punto di forza.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Non aprite quella porta, il finale dell'horror Netflix e la scena extra che apre al sequel

È sulla piattaforma il reprise del capolavoro di Tobe Hooper, con Olwen Fuéré nella parte di Sally Hardesty e quattro nuove vittime da massacrare: è chiaro che si punta a rilanciare il franchise, come mostrano il finale e la scena extra.
Autore: Alessandro Zoppo ,
Non aprite quella porta, il finale dell'horror Netflix e la scena extra che apre al sequel

C'era tanta attesa per Non aprite quella porta, il "legacy sequel" del capolavoro diretto da Tobe Hooper nel 1974, capostipite di una saga andata avanti per sette film fra sequel, prequel, remake e reboot. Non solo per il ritorno del personaggio di Sally Hardesty (a interpretarla è Olwen Fuéré, chiamata a sostituire Marylin Burns, scomparsa nel 2014 all'età di 65 anni), ma soprattutto per il coinvolgimento nelle vesti di produttori di Fede Álvarez e Rodo Sayagues, la coppia di #Man in the Dark e del remake di La casa.

Il franchise slasher di Faccia di cuoio mancava dagli schemi da cinque anni, quando Alexandre Bustillo e Julien Maury hanno realizzato l'origin story #Leatherface. L'"aggiornamento" del 2022 è disponibile su Netflix dal 18 febbraio ed è stato affidato allo sceneggiatore Chris Thomas Devlin e al regista texano David Blue Garcia, al suo secondo lungometraggio dopo l'esordio con l'action-thriller Tejano. Texas Chainsaw Massacre è pronto ad un rilancio come quello messo a punto da Blumhouse e David Gordon Green con Halloween? Tutto lascia supporre di sì, considerando il finale del film di Garcia e la sua scena post credits.

Sto cercando altri articoli per te...