Non aprite quella porta, quello che sappiamo sul sequel di Netflix

Autore: Simona Vitale ,
Netflix
2' 25''
Copertina di Non aprite quella porta, quello che sappiamo sul sequel di Netflix

Non aprite quella porta è un autentico classico del cinema horror. La pellicola, diretta nel 1974 da Tobe Hooper, è stata la capostite di tutta una serie di film che hanno dato il vita ad un franchise di successo. 

Tuttavia, Non aprite quella porta del 1974 non ha mai avuto un sequel diretto. Almeno, fino ad ora. 

Advertisement

Non aprite quella porta Non aprite quella porta Mentre è in corso una serie di misteriose razzie nei cimiteri della zona, Sally (Marilyn Burns), assieme al fratello paraplegico Franklin (Paul A. Partain) e a un gruppo di amici, ... Apri scheda

Netflix, infatti, ha prodotto Texas Chainsaw Massacre, diretto da David Blue Garcia e basato su una sceneggiatura di Chris Thomas Devlin, a partire da una storia originale co-scritta da Fede Álvarez e Rodo Sayagues. Questo film rappresenta il primo sequel effettivo e diretto di Non aprite quella porta (1974) e si snoda completamente da tutti gli altri film del franchise. Il progetto è nato dalla collaborazione tra Legendary Pictures, Bad Hombre ed Exurbia Films.

Advertisement

Il film originale ha raccontato la sfortunata storia di un gruppo di cinque ragazzi texani che finiscono per diventare prigionieri di una squilibrata famiglia di cannibali. Il personaggio più celebre è sicuramente quello di Leatherface, che si caratterizza - oltre che per la ferocia e la brutalità nell'uccidere le sue vittime - per il fatto di indossare una maschera di pelle umana e di brandire una motosega con cui torturare i malcapitati di turno. Leatherface, protagonista indiscusso del franchise, è diventato nel tempo una vera e propria icona horror per tutti gli appassionati del genere.

La trama ufficiale del sequel

Melody (Sarah Yarkin), sua sorella adolescente Lila (Elsie Fisher) e i loro amici Dante (Jacob Latimore) e Ruth (Nell Hudson), si mettono in viaggio verso la remota città di Harlow, in Texas, per cimentarsi in una nuova improbabile e idealistica attività imprenditoriale. Ben presto il loro sogno si trasforma in un autentico incubo ad occhi aperti quando accidentalmente distruggono la casa di Leatherface, il feroce e inquietante serial killer la cui eredità intrisa di sangue non manca di continuare a perseguitare gli abitanti della zona, compresa Sally Hardesty (Olwen Fouéré), l'unica superstite del sanguinoso massacro del 1973 e desiderosa di vendetta.

Il cast

Netflix
Il serial killer di Texas Chainsaw Massacre
Mark Burnham è Leatherface
  • Sarah Yarkin è Melody, una 25enne di San Francisco che trascina con sé la sorella minore adolescente in Texas in viaggio d'affari, pur di non lasciarla sola in città
  • Elsie Fisher è Lila, la sorella adolescente di Melody
  • Mark Burnham è Leatherface
  • Jacob Latimore è Dante, caro amico di Melody e Lila
  • Olwen Fouéré è Sally Hardesty: unica sopravvissuta alla follia omicida di Leatherface nel film originale del 1974. 
  • Alice Krige è la signora Mc
  • Jessica Allain è la fidanzata di Dante, amica intima di Melody e Lila.
  • Nell Hudson è Ruth
  • Sam Douglas è Herb
  • William Hope è lo sceriffo Hathaway

Texas Chainsaw Massacre, quando arriva su Netflix?

La pellicola sarà disponibile alla visione su Netflix a partire dal 18 febbraio 2022

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Dove si colloca esattamente I Am Groot nella timeline dell'MCU

Scopri qual è il punto preciso in cui si colloca la serie I Am Groot, originale Marvel/Disney+. Leggi la dichiarazione del produttore Brad Winderbaum.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Dove si colloca esattamente I Am Groot nella timeline dell'MCU

Se vi state chiedendo quando è ambientato I Am Groot nella Timeline del Marvel Cinematic Universe (MCU), siete nel posto giusto. La serie animata I Am Groot arriva in esclusiva Disney+ il 10 agosto 2022, con un totale di cinque episodi che avranno per protagonista il simpatico Guardiano della Galassia dalla forma di albero. Fortunatamente il produttore della serie ha risposto alla domanda sulla collocazione temporale di I Am Groot nell'MCU, chiarendo così ogni dubbio.

A Comicbook, il produttore di Marvel Studios Animation Brad Winderbaum ha dichiarato che c'è una collocazione temporale molto precisa: i corti sono ambientati dopo il finale di Guardiani della Galassia Vol. 2, ma prima della scena dei titoli di coda del medesimo film, quindi in un breve arco di tempo.

Sto cercando altri articoli per te...