Noomi Rapace interpreterà 7 donne nello sci-fi Seven Sisters di Tommy Wirkola

Autore: Alfonsina Merola ,

Tommy Wirkola ritorna sul grande schermo con lo sci-fi Seven Sisters che, siamo certi, terrà con il fiato sospeso gli spettatori. Dopo Afterburn (2014), il film tratto dall'omonimo fumetto, il regista continua a prediligere il genere fantascientifico e l'ambientazione cinematografica in mondi surreali.

Lo spettatore viene catapultato in un mondo in cui la sovrappopolazione rende difficile trovare lo spazio necessario ad ospitare l'umanità. Ogni anno si assiste ad un aumento spropositato di esseri umani, il cibo scarseggia, le strade sono sempre più affollate e le condizioni climatiche stanno distruggendo pian piano l'intero pianeta.

Advertisement

Questa situazione apocalittica sembra non avere soluzioni e, soprattutto per l'uomo, si prospetta un futuro angosciante.

Le unità governative cercano una soluzione efficace per tentare di arginare il problema, e la cosa più semplice da fare è quella di limitare e controllare le nascite. In che modo? Ogni famiglia ha l'obbligo di mettere al mondo un solo figlio.

Ciascun abitante viene schedato all'interno di un database governativo e quotidianamente, prima di poter accedere nelle città, nelle strutture scolastiche o lavorative, deve sottoporsi alla scansione identificativa attraverso un braccialetto elettronico personale.

Noomi Rapace in una scena del film Seven Sisters
 

E se dovessero nascere altri bambini in uno stesso nucleo familiare? Questi ultimi verrebbero criopreservati per poter tornare a vivere in futuro con condizioni di vita migliori.

Il governo sembra aver pensato a tutto, o quasi, per poter limitare e controllare le nascite - ma qualcuno potrebbe ribellarsi a queste leggi e, forse, farla franca.

Seven Sisters: la trama

Terrence Settman (Willem Dafoe) non ha più notizie della figlia da anni, ma quando la vede nuovamente la situazione che gli si presenta davanti non è semplice da gestire: la figlia è morta di parto mettendo al mondo 7 gemelle.

Advertisement

Terrence Settman, stando alle leggi vigenti sulle nascite, dovrebbe denunciare tutte le sue 7 nipoti che, fatta eccezione per la primogenita, verrebbero ibernate senza avere possibilità di conoscersi e vivere insieme.

Advertisement

L'uomo decide di aggirare il sistema, chiamando ciascuna con il nome di un giorno della settima e dichiarando al governo una sola identità: quella di Karen Settman, lo stesso nome della figlia morta.

Ogni bambina può uscire di casa solo durante il giorno della settimana che corrisponde al proprio nome e non deve mai rivelare a nessuno di avere altre sorelle. All'interno delle mura domestiche ciascuna è libera di essere ciò che vuole, ma fuori casa tutte dovranno avere la stessa sembianza, modo di vestire e d'interagire con gli altri.

Lara Decaro e Willem Dafoe durante una scena di Seven Sisters

Gli anni passano, e le gemelle Settman (Noomi Rapace) diventano donne. Tutte hanno il proprio carattere e la propria personalità, sono affiatate tra loro ma sofferenti di non poter vivere la propria vita liberamente e di poter creare legami duraturi con qualcuno.

Le loro vite, nonostante le difficoltà e le regole da rispettare per non essere scoperte dal governo, procedono per il meglio e senza grandi problematiche. Un lunedì, inaspettatamente, Lunedì non ritorna a casa e non avvisa le sorelle di un suo eventuale ritardo: la donna sembra sparita nel nulla.

Cosa sarà accaduto a Lunedì? Il governo avrà scoperto la sua vera identità o avrà fatto un incidente mortale? Anche le altre sorelle Settman sono in pericolo?

Advertisement

Per scoprire le risposte a tutte queste domande non vi resta altro da fare che guardare Seven Sisters, la pellicola uscirà nelle sale italiane il prossimo 30 novembre.

Buona visione!

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

Altre 300 persone hanno perso il lavoro a causa della crisi Netflix, che comunque continua a investire su prodotti originali.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

È la stessa azienda ad annunciarlo. Netflix ha purtroppo licenziato altri 300 dipendenti, dopo averne "mandati a casa" 150 il mese scorso. Si tratta di un nuovo taglio del personale pari al 3% della forza lavoro dell'azienda che conta circa 11 mila dipendenti.

La dichiarazione di un portavoce di Netflix ha fatto sapere che:

Sto cercando altri articoli per te...