Nuove accuse ad Allison Mack: le promesse alle schiave sessuali e le terribili diete imposte

Autore: Rina Zamarra ,

Le rivelazioni dell’orrore non hanno fine e la vicenda NXIVM continua a stupire per i dettagli sempre più crudeli riguardo il comportamento di Allison Mack e Keith Raniere. A parlare questa volta è una ex adepta dal banco dei testimoni. La giovane donna si chiama Nicole (il cognome non è stato reso pubblico nel tentativo di proteggerne l’identità).

Nicole ha raccontato di essere stata adescata da Allison Mack in un momento molto difficile della sua vita. Usciva da una crisi personale molto seria, funestata da pensieri suicidi, e l’ex attrice di Smalville l’aveva presa sotto la sua ala protettrice, inducendola a partecipare alle riunioni di un fantomatico gruppo femminile che avrebbe dovuto darle la forza di reagire e di ottenere quello che più desiderava. Nicole si è ritrovata così come membro del DOS, questa sorta di setta nella setta composta da sole donne.

Advertisement

La testimone ha raccontato di essere stata indotta a scrivere delle false lettere compromettenti sui suoi familiari. Tra le lacrime ha dichiarato persino di aver accusato il padre di molestie, come avrebbe fatto in una falsa lettera persino Allison Mack.

Ha raccontato, inoltre, di una sorta di iniziazione durante la quale alle adepte venivano assegnati dei compiti proprio dalla Mack. A lei, per esempio, era stato imposto il celibato per tre mesi e il divieto di avere rapporti sessuali con il suo fidanzato.

Non solo, Nicole ha raccontato della marchiatura a fuoco con le iniziali del guru Keith Raniere e delle diete a cui venivano sottoposte le adepte. Sembra, infatti, che l’uomo amasse le donne molto magre e private del sonno.

Una delle ragazze vittime di una dieta affamante è stata India Oxenberg, la figlia di Catherine Oxenberg (star di Dinasty).

Advertisement

India era stata obbligata a una dieta giornaliera di appena 500 calorie allo scopo di raggiungere il peso desiderato da Raniere: 48 chili. La testimone 31enne Nicole ha raccontato:

Quando io e India siamo diventate intime, loro hanno provato a usarla per manipolarmi. Alison stava tentando di farle raggiungere un determinato peso. Era veramente dura stare a guardare…

Catherine Oxenberg ha confermato a People la veridicità del racconto della testimone e ha parlato di sadismo e crudeltà senza fine da parte dei due leader della setta. Dalle testimonianze in aula è emerso che Raniere aveva una vera e propria ossessione per il cibo, al punto da mettere delle telecamere nelle cucine delle adepte per controllarle. Un’altra testimone, identificata come Daniela, ha raccontato:

Sorvegliava l’assunzione di cibo di tutti. Aveva cominciato ad avere un’attenzione assurda per ciò che si mangiava.

Keith Raniere continua a professarsi innocente, mentre Allison Mack si è dichiarata colpevole. La sentenza per l’attrice dovrebbe arrivare a settembre. Chissà quale pena l’attende dopo tutte queste rivelazioni!

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Perché Marvel si è presa il disturbo di cambiare il titolo che appare nella sigla di Jessica Jones, appena caricato su Disney+?
Autore: Elisa Giudici ,
Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Problemi contrattuali o una mossa a lungo, lunghissimo raggio che non abbiamo ancora modo di comprendere? Non è dato sapere, però un fatto è certo: Disney ha alterato il titolo di Jessica Jones, la serie Marvel con protagonista Krysten Ritter. 

Ve l'avevamo anticipato: Disney+ ha aggiunto al suo catalogo tutte e sei le serie TV originariamente prodotte da Marvel Television, una costola dell'universo produttivo Marvel ora assorbita dai Marvel Studios. Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist, The Defenders e The Punisher sono in sestetto di serie originariamente prodotte da Marvel e lanciate da Netflix sulla sua piattaforma. Correva l'anno 2015 e la Casa del Topo ancora non aveva una sua piattaforma di streaming. 

Sto cercando altri articoli per te...