Olivia Newton-John sta combattendo il cancro per la terza volta

Autore: Simona Vitale ,

L'abbiamo apprezzata tantissimo nel ruolo della bellissima ed energica Sandy in Grease, accanto ad un travolgente John Travolta nel 1977.

Parliamo, ovviamente, dell'attrice e cantante australiana Olivia Newton-John che, ad una carriera di successo (prevalentemente in campo musicale) ha, purtroppo, alternato una salute non sempre al top.

Advertisement

La Newton-John, infatti, nel corso della sua vita ha combattuto contro il cancro per ben due volte ed ora dovrà farlo di nuovo. L'ospite non gradito è tornato a farle visita. 

L'attrice di Grease, che compirà 70 anni il prossimo 26 settembre, ha dichiarato al programma Sunday Channel dell'emittente australiana Channel Seven che i medici hanno trovato un tumore alla base della sua colonna vertebrale. Olivia ha raccontato di aver deciso di curare questo tumore con medicine "moderne" e rimedi naturali, oltre ad eliminare completamente gli zuccheri ed assumere olio di cannabis per il dolore. Ha confermato che per il momento il trattamento sta funzionando davvero bene e si sente molto ottimista per il futuro.

Parlando di olio di cannabis, Olivia Newton-John ha rivelato di essere "fortunata" a vivere in California, uno stato in cui è legale coltivare una certa quantità di cannabis per scopi medicinali. Ecco le sue parole:

In California è legale coltivare una certa quantità di piante per i propri scopi medicinali. Il mio sogno è che presto, anche in Australia, possa essere disponibile per tutti i malati di cancro e le persone che attraversano il dolore causato dalla malattia. 

Mentre la star ha mostrato tanto coraggio durante l'intervista, ha al tempo stesso rivelato di avere i suoi momenti di disperazione, che però non intende far vedere dinanzi alle telecamere.

Ci sono anche quei momenti. Sono umana. Quindi, se ci cado dentro, vivo una grandissima paura.

La terza diagnosi di cancro per l'attrice è arrivata dopo essere stata curata per la prima volta nel 1992, in seguito ad un controllo che ha evidenziato una protuberanza sul suo seno destro. In passato la Newton-John ha già parlato dello "shock" della diagnosi, avvenuta nello stesso fine settimana in cui il suo amato padre è scomparso proprio a causa del cancro.

Advertisement

In quell'occasione subì una mastectomia parziale e sei mesi di cura, compresi trattamenti a base di erbe medicinali e una certa attenzione per la dieta e il fitness. Tuttavia, superato quel momento, nel 2013 le fu diagnosticato una recidiva del cancro, che si era esteso alla spalla, nel 2013, dopo essere stata coinvolta in un incidente stradale di poco conto. Il tutto a pochi mesi da quando sua sorella, Rona, era morta per un cancro al cervello.

Advertisement

Nonostante tutte le difficoltà e i brutti momenti vissuti, però, Olivia cerca di essere positiva e crede che ci siano persone là fuori a stare molto peggio di lei:

Vivo in questo bellissimo posto. Ho un marito meraviglioso. Ho tutti gli animali che adoro. Ho una carriera incredibile. Non ho nulla di cui lamentarmi, davvero.

Insomma, Olivia è una donna umile e intraprendente che si prepara ad affrontare questa nuova e difficile battaglia con il coraggio che l'ha sempre contraddistinta.

Via: Yahoo

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Leggi per scoprire le nuove rivelazioni, in merito al polverone che i dipendenti VFX hanno alzato contro Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Da oltre un decennio attraverso il Marvel Cinematic Universe, ci siamo appassionati nel vedere anche sullo schermo i supereroi di carta, che da sempre ci hanno regalato grandi emozioni con le loro storie a fumetti.
Tanti racconti diversi, su quelle che da semplici persone comuni, per svariati motivi da un giorno all'altro si sono ritrovate ad avere superpoteri e abilità particolari.
Ed ecco quindi che possiamo vedere Iron Man sfrecciare nel cielo con le sue armature, Thor mentre si teletrasporta da un mondo all'altro, Wanda che altera la realtà costruendo scenari immaginari e Wasp che si rimpicciolisce o ingrandisce ogni volta che una situazione lo richiede.
Ma affinché tutto questo sia possibile, dietro c'è un grande lavoro fatto da altri tipi di eroi: gli eroi invisibili.

Come spettatori, siamo da sempre abituati a ricevere il prodotto finito, giudicando solo ciò che vediamo sullo schermo.
Ma poche volte ci soffermiamo a domandarci quante persone, quante ore di lavoro, quanti sacrifici siano stati impiegati su ogni singolo pixel; perché un puzzle, per essere completo, ha bisogno di ogni suo pezzo al posto giusto.
Questa è una regola che vale in ogni ambiente e in ogni contesto. Ma purtroppo l'era del consumismo ci ha abituati a essere troppo superficiali; e con la scusante de "il cliente ha sempre ragione", valutiamo soltanto i contenuti finali, senza mai fare un percorso a ritroso per capire la storia che c'è dietro a quel contenuto. 
Ed è proprio sul binomio domanda-offerta che ruotano il mondo dell'economia e di tutti i settori annessi, incluso quello dell'intrattenimento. Perché è chiaro che se il consumatore non ottiene ciò che vuole, si rischia un flop; e di conseguenza, va sempre accontentato.

Sto cercando altri articoli per te...