Chloé Zhao e Francis McDormand trionfano con Nomadland, Hopkins la spunta su Boseman: tutti i vincitori degli Oscar 2021

Autore: Elisa Giudici ,
Copertina di Chloé Zhao e Francis McDormand trionfano con Nomadland, Hopkins la spunta su Boseman: tutti i vincitori degli Oscar 2021

Nomadland vince e consegna uno storico, doppio risultato alle donne dietro il progetto. Chloé Zhao vince due Oscar per miglior film e miglior regia, la protagonista della pellicola Francis McDormand vince come produttrice e attrice. È al terzo Oscar per la sua interpretazione ed è la prima attrice a riuscire a vincere anche in veste di produttrice, nello stesso anno. Comprensibile quindi che durante il discorso di ringraziamento omaggi la compagnia itinerante di nomadi con cui ha lavorato e il suo personaggio, Fern, ululando.

Nel campo degli attori arriva qualche sorpresa. Daniel Kaluuya è il primo del quartetto dei vincitori attoriali a prendere la statuetta, con una vittoria blindatissima. Poi esorta tutti a cambiare il mondo...da martedì, perché oggi si festeggia, dice divertito. Segue a ruota la vittoria della prima interprete coreana della storia, Yuh-Jung Youn per il ruolo della nonna in Minari. Lei invece si stupisce quando è Brad Pitt (produttore del film) a darle il premio e spiega di aver visto la cerimonia tante volte in TV, ma di non aver mai immaginato di presenziarvi dal vivo, figuriamoci di vincere.

Advertisement

Contrariamente a quanto previsto (ma correttamente pronosticato nel nostro Toto Oscar), Chadwick Boseman non vince il suo Oscar postumo. A spuntarla è Anthony Hopkins per il suo ruolo di un anziano che sta affrontando le avvisaglie della demenza in The Father

Guarda Nomadland in streaming

Nel campo delle sceneggiature, Emerald Fennell vince il primo Oscar della serata con Una donna promettente e si ripromette di non piangere perché in quanto inglese non se lo perdonerebbe. Ride invece Florian Zeller, collegato da Parigi (dove vive) e novello vincitore per l'adattamento del suo stesso spettacolo teatrale in film The Father. 

Advertisement

Le lacrime non riesce a trattenerle Thomas Vinterberg, che come anticipato regala alla Danimarca un nuovo Oscar nella competizione internazionale con Un altro giro. Il regista ha parlato apertamente della tragica morte della figlia Ida, che ha tanto influenzato il tono del suo film.

Niente Oscar per l'Italia 

Nonostante la presenza di tre candidature nostrane davvero importanti, l'Italia non riesce a centrare nemmeno una nomination. Le candidature tecniche di Pinocchio a trucco e acconciature e costumi sono state fagocitate da Ma Rainey's Black Bottom. Niente da fare anche per Laura Pausini, dato che la miglior canzone è (a sorpresa) Fight for you di H.E.R., inserita nei titoli di coda di Judas and the Black Messiah.

Oscar 2021, tutti i vincitori 

Miglior Film

  • The Father
  • Judas and the Black Messiah
  • Mank
  • Minari
  • Nomandland
  • Una donna promettente
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior Regia

  • Thomas Vinterberg, Un altro giro
  • David Fincher, Mank
  • Lee Isaac Chung, Minari
  • Nomadland, Chloé Zhao
  • Emerald Fennel, Una donna promettente

Una donna promettente Una donna promettente Cassie è una donna giovane, divertente e affascinante, che sembra avere avuto tutto dalla vita. Tuttavia, senza amici, ancora a casa con i genitori e con un lavoro che non ... Apri scheda

Miglior Attore Protagonista

  • Riz Ahmed, Sound of Metal
  • Chadwick Boseman, Ma Reiney's Black Bottom
  • Anthony Hopkins, The Father
  • Gary Oldman, Mank
  • Stephen Yeun, Minari

Miglior Attrice Protagonista

  • Viola Davis, Ma Rainey’s Black Bottom
  • Andra Day, The United States vs. Billie Holiday
  • Vanessa Kirby, Pieces of a Woman
  • Francis McDormand, Nomadland
  • Carey Mulligan, Una donna promettente

Nomadland Nomadland Empire, stato del Nevada. Nel 1988 la fabbrica presso cui Fern e suo marito Bo hanno lavorato tutta la vita ha chiuso i battenti, lasciando i dipendenti letteralmente per strada. ... Apri scheda

Miglior Attore non Protagonista

  • Sacha Baron Cohen, Borat - Seguito di film cinema 
  • Daniel Kaluuya, Judas and the Black Messiah
  • Leslie Odom Jr, Quella notte a Miami
  • Paul Raci, Sound of Metal
  • Lakeith Stanfield, Judas and the Black Messiah

Miglior Attrice Non Protagonista

  • Maria Bakalova, Borat - Seguito di film cinema 
  • Glenn Close, Elegia americana 
  • Olivia Colman, The Father
  • Amanda Seyfried, Mank
  • Yuh-Jung Youn, Minari

Judas and the Black Messiah Judas and the Black Messiah A Chicago, verso le fine degli anni Sessanta, il criminale minorenne Bill O'Neal accetta di fare l'informatore per l'FBI dopo il suo arresto. Infiltrato da un agente nell'influente Black Panther ... Apri scheda

Advertisement

Miglior Sceneggiatura Originale

  • Judas and the Black Messiah 
  • Minari
  • Una donna promettente
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior Sceneggiatura Non Originale

  • Borat - Seguito di film cinema 
  • The Father
  • Nomadland
  • One Night in Miami...
  • The White Tiger

Quella notte a Miami... Quella notte a Miami... All'indomani della sconfitta inflitta a Sonny Liston nel 1964, il giovane pugile Cassius Clay incontra Malcolm X, Sam Cooke e Jim Brown. Durante il corso della serata, finiranno per cambiare ... Apri scheda

Miglior Film Internazionale

  • Bosnia and Herzegovina - Quo Vadis, Aida?
  • Danimarca - Un altro giro
  • Hong Kong - Better Days
  • Romania - Collective
  • Tunisia - The Man Who Sold His Skin

Miglior Lungometraggio Animato

  • Onward
  • Over the Moon
  • A Shaun Sheep Movie: Farmageddon
  • Soul
  • Wolfwalkers

Miglior Documentario

  • Collective
  • Crip Camp
  • The Mole Agent
  • My Octopus Teacher
  • Time

Miglior Fotografia

  • Judas and the Black Messiah
  • Mank
  • Notizie dal mondo
  • Nomadland
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior Montaggio

  • The Father
  • Nomadland
  • Una donna promettente
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Migliori Scenografie

  • The Father
  • Ma Rainey's Black Bottom
  • Mank
  • Notizie dal mondo 
  • Tenet 

Migliori Costumi

  • Emma.
  • Ma Rainey's Black Bottom
  • Mank
  • Mulan
  • Pinocchio

Miglior Sonoro

  • Greyhound
  • Mank
  • Notizie dal mondo
  • Soul
  • Sound of Metal

Miglior Trucco e acconciature

  • Emma.
  • Elegia americana
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mank
  • Pinocchio

Migliori Effetti speciali

  • Love and Monsters
  • The Midnight Sky
  • Mulan
  • The One and Only Ivan
  • Tenet

Miglior colonna sonora

  • Da 5 Bloods
  • Mank
  • Minari
  • Notizie dal mondo
  • Soul

Miglior canzone originale

  • “Fight For You” - Judas and the Black Messiah
  • “Hear My Voice” - Il processo ai Chicago 7
  • “lo Sì (Seen)” - La vita davanti a sé
  • “Husavik” - Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga
  • “Speak Now” - Quella notte a Miami

Miglior cortometraggio animato 

  • Burrow
  • Genius Loci
  • If Anything Happens I Love You
  • Opera
  • Yes-People

Miglior cortometraggio - documentario

  • Colette
  • A Concerto Is a Conversation
  • Do Not Split
  • Hunger Ward
  • A Love Song for Latasha 

Miglior cortometraggio 

  • Feeling Through
  • The Letter Room
  • The Present
  • Two Distant Strangers
  • White Eye 

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Perché Frances McDormand ha ululato come un lupo agli Oscar 2021?

Nomadland ha lasciato il segno alla cerimonia degli Oscar 2021. Per le 3 statuette vinte, sicuramente. Ma anche per il selvaggio ululato lanciato da Frances McDormand. Il bizzarro comportamento è stato un toccante tributo a una persona scomparsa.
Autore: Silvia Artana ,
Perché Frances McDormand ha ululato come un lupo agli Oscar 2021?

Gli Oscar 2021 hanno proposto agli spettatori una cerimonia decisamente diversa dal solito. La pandemia ha riscritto il copione della serata più glamour (e attesa) del mondo del cinema, ma le emozioni non sono mancate. E neppure i momenti "bizzarri".

Daniel Kaluuya che ha parlato dei suoi genitori che facevano sesso (provocando un epocale imbarazzo alla mamma e alla sorella sedute tra il selezionatissimo pubblico) e Glenn Close che ha ballato Da Butt si sono contesi fino all'ultimo il primato dell'episodio più strano e memorabile dell'edizione, ma Frances McDormand li ha battuti (per così dire) sul filo di lana. Alla fine del (serissimo) discorso di accettazione dell'Oscar per il Miglior film a Nomadland, l'attrice ha ululato come un lupo, lasciando a bocca aperta i presenti e gli spettatori a casa (trovate la scena nel video di seguito):

Sto cercando altri articoli per te...