Outcast: Recensione episodio 2x06. Torna con me

Autore: Chiara Poli ,

Sventrato come una trota.

Così - con un’immagine ben poco felice - lo definisce l’assistente del Dottor Park, che sembra darsi un gran da fare per salvare la vita di #Kyle Barnes.

Ed eccolo lì, #Kyle Barnes, il protagonista di Outcast, con la camicia da notte dell’ospedale, che si risveglia da solo sul freddo tavolo operatorio in un ospedale deserto.

Advertisement

Pare l’episodio pilota di #The Walking Dead… Fino a quando Kyle incontra il primo “morto vivente”: sua madre.

La versione giovane e sana di sua madre. La donna che era prima della possessione. La donna che lo amava. La donna a cui Kyle chiede scusa… Poco prima che lei torni a essere il mostro che Kyle ricordava.

Un inizio coi fiocchi per un episodio coi fiocchi, incentrato sulla mitologia della serie e “giocato” sulla notizia-bomba del momento: Kyle Barnes è morto.

Mentre la piccola Amber si offre di affiancare il #reverendo Anderson per “guarire” le persone come faceva suo padre, Outcast esplora lo scenario di Rome senza Kyle: insieme a lui, morirebbe l’intera città.

Quel ragazzo era la nostra migliore possibilità di sconfiggerli. Ora non ci resta che aspettare.

dice #Giles. Mentre noi telespettatori ci godiamo la nostra posizione privilegiata.

Diversamente da come accadrebbe se questa fosse una qualsiasi altra serie anziché #Outcast, non siamo sulle spine.

Non stiamo aspettando il “miracolo” che ci spiegherà perché Kyle Barnes non è morto. No. Noi sappiamo già che Kyle è tenuto in ostaggio dai suoi nemici (non abbiamo dimenticato per chi lavora il dottor Park).

Lo sappiamo tanto quanto lo sa Amber, certa che suo padre sia vivo. E non può sbagliarsi.

Advertisement

Una scena da Outcast 2x06
L'incubo di Kyle

Ora nemmeno #Megan si sbaglia, non più:

L’errore più grande che abbiamo commesso è stato non credergli.

dice ad #Allison durante il loro confronto. Subito dopo, il confronto coinvolge Anderson e Giles. E poi… Tocca a Kyle e #Sidney.

Advertisement

Faccia a faccia. Corpo a corpo. Ferito contro malato. Demone contro esorcista.

La mitologia della serie si arricchisce del racconto di Dakota, al Faro, e della presenza del misterioso ragazzino dal grande potere.

Ma c’è anche qualcun altro che è molto più potente di quanto sospettassimo. Amber Barnes. Così potente da salvare suo padre.

Advertisement

Le lucciole possono vedere le altre lucciole.

Outcast episodio 2x06
La lotta fra Kyle e Sidney

Per il piano di Sidney, la liberazione di Kyle è un fuori programma. Come la morte del ragazzino “speciale”, ammazzato da Aaron. 

E mentre Rose Giles prende parte alla guerra uccidendo Evelyn a sangue freddo, capiamo come procederanno i buoni: uno alla volta.

Elimineranno i nemici uno alla volta. Ciascuno darà il suo contributo.

Vale per tutti, anche per Sidney: il suo, di nemico, adesso è Aaron. Sebbene non ci venga mostrato, pare che Sidney l’abbia ucciso. Finalmente, aggiungerei...

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...