Parasite, HBO vuole Mark Ruffalo nell'adattamento televisivo

Autore: Andrea Guerriero ,
News
1' 48''
Copertina di Parasite, HBO vuole Mark Ruffalo nell'adattamento televisivo

A pensarci meglio, quello di Parasite agli Oscar 2020 è stato un successo non esattamente inaspettato. Vi raccontiamo perché nel nostro articolo dedicato, in cui andiamo a fare "pelo e contropelo" al lungometraggio (forse non) capolavoro di Bong Joon-ho, capace di strappare le statuette per miglior film, miglior film internazionale, miglior regia e miglior sceneggiatura originale nella notte più lunga del cinema.

Un trionfo tanto dirompente si deve al lento ma inesorabile cambiamento all'ombra dell'Academy, tanto affamata di un cinema nuovo e indipendente da arrivare, come ricorda il portale Collider, a "contagiare" pure i colossi della TV. HBO è infatti riuscita a spuntarla nelle preannunciate trattative per un adattamento seriale di Parasite, che andrà così ad abbracciare la stessa narrazione apprezzata sul grande schermo, con le dovute modifiche utili a strizzare l'occhio al pubblico occidentale. Il tutto con un cast ancora da definire, e una sceneggiatura ancora tutta da scrivere.

Advertisement

Quel che è certo, sempre a sentire il sito, è che il network e il regista Adam McKey (La grande scommessa e Vice – L'uomo nell'ombra) vorrebbero Mark Ruffalo come protagonista della miniserie ispirata al fenomeno sudcoreano, che già in passato si era meritato la Palma d'Oro a Cannes e il Golden Globe per il miglior film straniero. 

Advertisement

La fonte che vorrebbe Ruffalo come front runner sembrerebbe piuttosto affidabile. Per il momento, però, i piani per l'adattamento televisivo di #Parasite restano ancora del tutto inespressi: il processo di sviluppo è appena agli inizi e il casting ufficiale deve ancora iniziare, mentre rimangono confermate la partecipazione dello stesso Bong Joon-ho in fase creativa e la volontà di raccontare la storia in un massimo di cinque o sei episodi.

Parasite Parasite Tutta la famiglia di Ki-taek è senza lavoro. Ki-taek è particolarmente interessata allo stile di vita della ricchissima famiglia Park. Un giorno, suo figlio riesce a farsi assumere dai Park ... Apri scheda

A voi piacerebbe un coinvolgimento effettivo di Mark Ruffalo? Vi ricordiamo che nel cast della pellicola troviamo Song Kang Ho, Lee Sun Kyun, Cho Yeo Jeong, Choi Woo Shik, Park So Dam, Lee Jung Eun e Chang Hyae Jin. La trama, invece, si concentra sulla astuta famiglia Kim, che si ingrazia lentamente con l'inganno i favori della ricca famiglia Park, fino ad arrivare a conseguenze scioccanti.

Intanto, restando in tema Oscar, a questo indirizzo scoprirete come e dove guardare in streaming tutti i film candidati nell'ultima edizione.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Parasite, se hai amato il film premio Oscar ora puoi anche leggerlo: lo storyboard del film è disponibile in italiano

La Nave di Teseo ha pubblicato l'edizione italiana dello storyboard creato, disegnato e commentato dal regista Bong Joon-ho; il punto di partenza nella creazione del film premio Oscar Parasite.
Autore: Elisa Giudici ,
Parasite, se hai amato il film premio Oscar ora puoi anche leggerlo: lo storyboard del film è disponibile in italiano

Come è nato Parasite, il film coreano capace di vincere la statuetta di miglior film agli Oscar 2020, segnando una vittoria storica per il cinema "straniero" e asiatico? La risposta è contenuta in un elegante volume dalla copertina argentata appena pubblicato dalla casa editrice La Nave di Teseo. S'intitola Parasite ed è molto di più di un semplice omaggio al film, con contenuti extra ed illustrazioni dedicate. Per spiegare esattamente cosa troverete in questo volume bisogna però approfondire un po' il modus operandi del regista coreano di Memorie di un assassino e Okja. 

Se infatti quasi tutti i film vengono girati a partire da un copione, ovvero dalla versione scritta dei dialoghi dei film divisi per scene, contenente anche la descrizione degli ambienti e talvolta qualche notazione di regia, non è così comune imbattersi in un regista metodico e pianificatore come Bong Joon-ho. Il suo modo di scrivere e pianificare un film ricorda molto quello del collega inglese Alfred Hitchcock, che soleva dire: "la parte più noiosa di un film è girarlo". Hitchcock infatti (omaggiato con un piccolo easter egg proprio in Parasite) era solito pianificare ogni singola scena con una tale livello di dettaglio - scegliendo già dove posizionare la cinepresa e come muoverla - da rendere il set una mera messa in pratica del piano iniziale.

Sto cercando altri articoli per te...