Perché Nick Fury non ha contattato prima Captain Marvel? Risponde Samuel L. Jackson

Autore: Giuseppe Benincasa ,

Il nuovo film Marvel Studios è nei cinema e chi lo ha visto si sta già chiedendo: che fine ha fatto Captain Marvel?

Le avventure di Carol Danvers si svolgono negli anni '90, quindi prima della gran parte dei fatti narrati finora nell'Universo Cinematografico Marvel (MCU) ed è naturale chiedersi dove sia stata questa così potente supereroina per tutto questo tempo.

Advertisement
Advertisement

Facendo un piccolo passo indietro, al 2018, Captain Marvel viene introdotta mostrando il logo del personaggio in un dispositivo dall'aspetto vintage nell'unica scena dopo i titoli di coda del film Avengers: Infinity War. Da quella scena è facile, per i fan dei fumetti, dedurre che Fury conosca Carol Danvers e che le stia chiedendo aiuto. Non viene, ovviamente, spiegato come la conosca, che cosa sia quel dispositivo e soprattutto dove si trovi Captain Marvel. 

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Una parte dei dubbi è stata chiarita durante la visione del film Captain Marvel (in sala dal 6 marzo): i due si sono incontrati sulla Terra e, dopo un'iniziale e giustificata diffidenza, si sono uniti per scoprire i misteri dietro la natura umana di Carol. Il dispositivo viene identificato come un cerca-persone che, però, è modificato dalla stessa Danvers in modo che Fury la possa contattare anche a distanza di una o due galassie.Durante il film, Carol Danvers si mostra estremamente potente più di ogni altri supereroe già mostrato nell'MCU. Ma, allora, perché Fury non l'ha chiamata prima per risolvere altre importanti emergenze come quella, per esempio, di The Avengers?A questa annosa domanda, risponde lo stesso Samuel L. Jackson:

Lei ha detto solo in caso di emergenze. Altre emergenze potevano essere gestite dalle persone che erano presenti. [Quella di The Avengers] è solo un'invasione aliena, è qualcosa che poteva essere gestita. Metà della popolazione non stava morendo e scomparendo. Avevamo finalmente un'emergenza per la quale sentivo necessaria la sua presenza. Questo era senza precedenti. Come fai a combatte una cosa del genere? Io non posso combatterla. Se non sono presente, ho bisogno di trovare qualcuno che venga e possa gestirla. Tutte quelle persone sono inefficaci. Sono eccezionali per la normalità, per i disastri di tutti i giorni. Ma l'osso duro intergalattico che possiede tutte le Gemme dell'Infinito ha bisogno di qualcosa di più. 

Brie Larson invece ammette di non avere una risposta a questa domanda e i due registi, Anna Boden e Ryan Fleck, dicono semplicemente che Fury non volesse che il mondo scoprisse l'esistenza di Captain Marvel.Potete vedere e sentire le loro risposte a questa domanda nel video qui sotto pubblicato da IGN: I due registi del film sembrano aver "dimenticato" che la loro stessa protagonista si è già manifestata agli umani giungendo sulla Terra negli anni '90: ha combattuto alieni per strada e in metropolitana, e inoltre la sua amica Monica e la figlia sono a conoscenza di tutta la storia. Samuel L. Jackson riesce invece a dare una spiegazione che molti potrebbero accettare come soddisfacente.Voi pensate che l'invasione aliena e il conseguente bombardamento nucleare - da parte dello stesso S.H.I.E.L.D. - di Manhattan non potessero essere un'emergenza di vitale importanza? Se questa davvero non lo è, perché non chiamare Carol Danvers quando ormai Thanos era nel Wakanda pronto a decimare l'Universo? Come protettrice intergalattica, sarebbe dovuta intervenire quando Asgard è stata distrutta e il suo popolo vagava disperso nello spazio?

Queste sono solo alcune delle innumerevoli domande che sorgono dopo la visione di Captain Marvel: voi quali risposte vorreste?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

I migliori anime del 2022 (finora)

Quali anime hanno dominato la prima metà del 2022? Ecco i titoli d'animazione della prima metà dell'anno che ci sono piaciuto di più.
Autore: Elisa Giudici ,
I migliori anime del 2022 (finora)

Quali sono i migliori anime del 2022? Dopo i primi sei mesi, si può già dire che il 2022 è stato un anno particolarmente ricco di anime popolari e memorabili. 

A farla da padre sono sempre gli shounen (anime tratti da manga destinato a un pubblico giovane e maschile) ma anche altri filoni ci hanno regalato titoli sorprendenti e appassionanti. 

Sto cercando altri articoli per te...