Perché Schwarzenegger non è stato ringiovanito per Terminator: Destino Oscuro?

Autore: Emanuele Zambon ,
Copertina di Perché Schwarzenegger non è stato ringiovanito per Terminator: Destino Oscuro?

Terminator: Destino Oscuro ha parecchi punti in sospeso da (ri)unire per fare un po' di chiarezza nel franchise sulle macchine ribelli. Un po' come accade in uno dei giochi/passatempo più noti della settimana enigmistica, occorre collegare tra loro i primi due film e l'atteso ultimo capitolo, bypassando gli altri titoli della saga, giudicati dal regista Tim Miller e dall'ideatore James Cameron non all'altezza.

Tante le domande a cui questa sesta avventura cibernetica dovrà rispondere, incluso il motivo per cui il T-800 di Arnold Schwarzenegger farà ritorno dopo quel finale inequivocabile di Terminator 2 - Il giorno del giudizio. E poi, perché lo "Schwarzy-cyborg" apparirà invecchiato nel film? A fare un po' di chiarezza ci ha pensato il regista Miller in un'intervista rilasciata al magazine Men's Health.

Advertisement

In Terminator: Destino Oscuro, quindi, vedremo un T-800 dalla capigliatura e barba canuta, sulla falsariga di quanto visto nel recente cinecomic Logan - The Wolverine. Una scelta estetica precisa, voluta a tutti i costi da Miller, interessato a mostrare l'ex Mr. Olympia, oggi 72enne, così com'è, rifiutando un ringiovanimento digitale del personaggio:

Advertisement

Non volevo un Arnold digitale, questo è sicuro. Volevamo mostrare cosa significasse essere una persona di una certa età che è chiamata ad un atto di eroismo. È un qualcosa che amo. Mi sono sempre piaciute storie come quella di Rooster Cogburn ne Il Grinta, cose di questo tipo - gli eroi imperfetti, dal mio punto di vista, sono molto più interessanti di quelli giovani e privi di difetto. E lui (Arnold) è davvero incredibile. C'erano tante donne sul set che ripetevano: 'Oh mio Dio, questo è il miglior Arnold che abbia mai visto'. È ovvio che non è più quello dei tempi di Mr. Olympia: allora era una sorta di divinità, ma in qualche modo ha mantenuto quella caratteristica. È regale.

L'età avanzata, in Terminator: Destino Oscuro, non riguarderà solamente il personaggio di Arnold Schwarzenegger. Anche Linda Hamilton, infatti, per ragioni puramente anagrafiche, non sarà la Sarah Connor dei primi anni '90. Ma, a giudicare dalle immagini fornite dai trailer del film, sembra non aver perso lo smalto e la grinta di un tempo, mostrandosi, se possibile, ancora più risoluta.

Paramount Pictures
Linda Hamilton in una scena de Il giorno del giudizio

Per quanto riguarda l'invecchiamento del T-800, che ne Il giorno del giudizio avevamo lasciato immerso nella lava col pollice all'insù, ciò si potrebbe spiegare con una tecnologia Skynet più avanzata, in grado di consentire ai cyborg di mostrare i segni del tempo, almeno dal punto di vista epidermico/somatico. I trailer di Destino Oscuro, poi, hanno mostrato che la Grace di Mackenzie Davis è un cyborg dalle caretteristiche umanoidi mentre Gabriel Luna interpreta un Terminator di nuova generazione chiamato Rev-9 capace di separare il suo endoscheletro metallico dalla parte liquida, raddoppiando il potenziale distruttivo. Parlando proprio del Rev-9, Arnold Schwarzenegger ha accennato a una resa dei conti tra il suo vecchio T-800 e il giovane mutaforma potenziato: "Spero di vincere contro questo cyborg".

Diretto da Tim Miller, Terminator: Destino Oscuro arriverà nelle sale italiane il prossimo 31 ottobre. Nel cast, oltre a Schwarzy e alla Hamilton, figurano anche Mackenzie Davis, Natalia Reyes, Diego Boneta, Gabriel Luna.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

La torta di The Last of Us che non mangereste mai [FOTO]

Guarda l'impressionante video in cui è stata realizzata un'insolita creazione ispirata alle particolari creature presenti nel mondo di The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
La torta di The Last of Us che non mangereste mai [FOTO]

Tratta dall'omonimo videogioco di Naughty Dog, la serie TV The Last of Us ha ottenuto un grande successo già dopo l'uscita del primo episodio. In onda su Sky e in streaming su NOW TV, la serie TV The Last of Us è diventata un fenomeno virale in ogni settore. E a quanto pare anche nel mondo della cucina.

Come si può vedere nel seguente tweet infatti, il pasticcere Ben Cullen ha realizzato una torta ispirata proprio a The Last of Us, in cui ha rappresentato un Clicker. Ovvero una delle terrificanti creature infette presenti sia nella serie TV che nel videogioco di The Last of Us.

Sto cercando altri articoli per te...