Phil Spencer sul passato del brand Xbox: dopo il lancio di Xbox One, era in serio pericolo

Autore: Pasquale Oliva ,
Copertina di Phil Spencer sul passato del brand Xbox: dopo il lancio di Xbox One, era in serio pericolo

Con il lancio di Xbox Series X e Xbox Series S inizia una nuova era per la divisione gaming di Microsoft. Le due console di nuova generazione sono già disponibili sul mercato, anche in Italia, e dalle prime recensioni pubblicate in rete sembrano avere tutte le carte in regola per conquistare milioni di giocatori a suon di potenza e titoli in esclusiva e non. Dal team Xbox trapela una certa serenità, nonostante sia scesa in campo anche la proposta rivale (ovvero PlayStation 5), e ciò è la conseguenza di una precisa strategia studiata unicamente per il settore videoludico. Insomma, il contrario di quanto successo in passato.

Microsoft e gaming fanno rima dal 2001, anno del lancio della prima Xbox (in Europa è arrivata nel 2002, ndr). Affermarsi e rubare utenti a Sony e alla sua PlayStation non è mai stato semplice, anzi. E quando le idee sono poco chiare è tutto terribilmente più complicato. Nella settimana di lancio di Series X|S, Phil Spencer - a capo della divisione Xbox - ha risposto ad alcune domande della redazione di Shacknews e raccontato un periodo a dir poco turbolento del brand che lui ha contribuito a risollevare.

Advertisement

Dopo il lancio di Xbox One (2013/14) un terremoto scosse la divisione gaming di Microsoft. Don Mattrick lasciò infatti la guida di quest'ultima e Satya Nadella venne nominato nuovo CEO del gigante statunitense. A quel tempo, racconta Spencer, c'era molta confusione. Il team Xbox era frammentato in comparti e la gestione era nel segno della disomogeneità. Il caos regnava sovrano e lo scenario peggiore iniziava a manifestarsi pericolosamente. Andare avanti nonostante tutto o fermarsi definitivamente?

Satya divenne amministratore delegato a febbraio. La domanda che ci ponevamo era questa: andiamo avanti con Xbox? Il dubbio c'era, ormai avevamo perso molto terreno su PlayStation. Continuiamo a investire in questo mercato oppure prendiamo una decisione diversa?

A quel punto fu proprio Spencer a farsi avanti, essendo ben consapevole dell'importanza dell'industria dei videogiochi. Microsoft non poteva farsi da parte. Spencer allora avanzò una proposta a Nadella:

Advertisement

Quella dei videogiochi è una categoria consumer molto importante per l'azienda, gli dissi. Si dimostrò disposto a scommettere su di noi come team. Così gli dissi che era necessario riunire tutta la divisione. Non potevo avere il team hardware da una parte e il team che si occupava della piattaforma dall'altra, e i team first-party da un'altra parte ancora. Avevo bisogno di un team coeso. Lui [Nadella] accettò e io smisi di lavorare per la divisione Windows.

Questa è solo l'ennesima testimonianza che dietro la rinascita del marchio Xbox ci sia Phil Spencer, dirigente molto rispettato e amato (non solo da chi fa il tifo per Xbox) che ha dalla sua anche ottime doti comunicative. Cosa che non guasta mai.

E non a caso nel giorno del lancio di Xbox Series X|S ha voluto ringraziare tutta la community con un breve video:

Xbox Series X (499 euro) e Xbox Series S (299 euro) sono acquistabili in Italia a partire dal 10 novembre 2020. Quale modello acquisterete o avete già acquistato?

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Lo strano record dello Speciale dei Guardiani della Galassia

Guardiani della Galassia Holiday Special uscito oggi 25 novembre su Disney+ ha uno strano record, è il primo film dell'MCU a avere questa caratteristica.
Autore: Gianluca Ceccato ,
Lo strano record dello Speciale dei Guardiani della Galassia

James Gunn che è il regista di due film importantissimi del Marvel Cinematic Universe ( Guardiani della Galassia vol. 1 e vol. 2) ha rivelato, tramite un'intervista per Variety, la particolarità del suo nuovo progetto dell'MCU ossia lo Speciale di Natale dei Guardiani della Galassia. 

Il regista ha confermato che lo Speciale di Natale dei Guardiani della Galassia non ha un villain e quindi batte uno strano record (è il primo film dell'MCU a non avere un cattivo). Lo speciale rappresenta un progetto in completa contrapposizione con i film supereroistici odierni che vedono la figura del cattivo come perno centrale della pellicola.

Sto cercando altri articoli per te...