Pinocchio: tutti i dettagli sul nuovo film di Matteo Garrone

Autore: Claudio Rugiero ,
Copertina di Pinocchio: tutti i dettagli sul nuovo film di Matteo Garrone

Si è fatto parecchio desiderare, ma finalmente ci siamo: Pinocchio di Matteo Garrone uscirà nelle sale italiane il prossimo 19 dicembre con 01 Distribution. Un'attesa che è durata un anno (sebbene di questo progetto si vociferasse già prima del rilascio di #Dogman) di post condivisi sul profilo Facebook del regista, qualche imprevisto (l'abbandono di Matilda De Angelis dovuto ad altri impegni) e prime immagini ufficiali in grado di accendere i sogni e le speranze dei fan di tutti i futuri spettatori. Tante ragioni che hanno spinto 01 Distribution ad anticipare l'uscita del film, inizialmente fissata per il 25 dicembre, a pochi giorni dalle festività natalizie.

Quindi niente scuse: tra un cenone e un pranzo, il tempo di sgaiattolare via per fiondarsi al cinema sicuro si trova!  

Advertisement

Dopo aver trionfato ai David di Donatello 2019 con il pittoresco Dogman, Garrone è pronto a farci sognare con il suo nuovo e faticoso lavoro. Non è neanche la prima volta che il regista romano si cimenta con un fantasy di derivazione letteraria: lo aveva già fatto nel 2015 con Il racconto dei racconti - Tales of Tales, tratto dalla raccolta di fiabe di Giambattista Basile Lo cunto de li cunti. Con Pinocchio si avventura però in un testo ben più popolare e già ampiamente saccheggiato dal cinema, ovvero Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi, una favola che ha segnato intere generazioni.

01 Distribution
Poster ufficiale di Pinocchio di Matteo Garrone

Il materiale diffuso promette davvero faville, a cominciare dal poster qui sopra riportato. Su uno sfondo dall'aura magica campeggia a destra un bambino di legno e rosso vestito (Federico Ielapi), ma ad occupare spazio è il suo lunghissimo naso, simile al ramo di un albero, sul quale si adagiano quattro pettirossi.

Come possiamo vedere nel trailer ufficiale che troviamo all'inizio di questo articolo, la storia è quella che tutti conosciamo, ma la regia di Garrone gli dona quel tocco fiabesco in più che lo porta a recuperare la sua antica nozione di racconto popolare. I personaggi sono appassionanti e sembrano provenire da un universo felliniano, ma noi li vediamo muoversi in un racconto a metà strada tra il picaresco e l'horror.

Tutto sembra presagire un secondo David consecutivo per il regista ben due volte insignito del Grand Prix Speciale della Giuria a Cannes (nel 2008 per Gomorra e nel 2012 per Reality). Liberate la fantasia, quest'anno a Natale la magia è vera ed è "made in Italy"!

Advertisement

Cosa sappiamo di Pinocchio: cast e anticipazioni

Una delle prime notizie che abbiamo appreso su questo progetto è stata sicuramente la presenza di Roberto Benigni nel ruolo di Geppetto. Si tratta di un dettaglio non da poco e che potrebbe rivelare forse qualche sorpresa a livello di omaggi al grande cinema: lo stesso Benigni nel 2002 aveva diretto una sua versione del romanzo di Collodi interpretando lui stesso il ruolo del bambino di legno (mentre la parte di Geppetto era invece affidata a Carlo Giuffré).

Il ruolo della Fata Turchina, come sopra accennato, avrebbe in un primo momento dovuto essere di Matilda De Angelis. Quest'ultima è stata poi rimpiazzata dalla splendida Marine Vacth, attrice francese nota soprattutto per le sue collaborazioni con François Ozon (Giovane e bella e Doppio amore).

Advertisement

La narrazione prende avvio quando mastro Geppetto, un povero e solitario falegname, viene tentato dal desiderio di paternità. Decide quindi di costruire un burattino ricavato da un tronco di legno, che tratta come se fosse un figlio e a cui dà il nome di Pinocchio. Quest'ultimo prende vita e diventa a tutti gli effetti un bambino vivace e disobbediente. Le sue avventure lo porteranno però ad abbandonare la retta via rifiutando i consigli del Grillo Parlante e gli avvertimenti della Fata Turchina.

Qui sotto trovate il cast completo del film con interprete e rispettivo ruolo:

  • Federico Ielapi (Pinocchio)
  • Roberto Benigni (Geppetto)
  • Gigi Proietti (Mangiafuoco)
  • Rocco Papaleo (Gatto)
  • Massimo Ceccherini (Volpe)
  • Marine Vacth (Fata adulta)
  • Alina Baldari Calabria (Fata bambina)
  • Alessio Di Domenicantonio (Lucignolo)
  • Maria Pia Timo (Lumaca)
  • Davide Marotta (Grillo Parlante)
  • Paolo Graziosi (Mastro Ciliegia)
  • Gianfranco Gallo (Civetta)
  • Teco Celio (Gorilla)
  • Maurizio Lombardi (Tonno)
  • Enzo Vetrano (Maestro scuola)
  • Nino Scardina (Omino di burro)

Tra gli attori accreditati compare anche il comico toscano Massimo Ceccherini, che oltre a vestire i panni della Volpe firma anche la sceneggiatura insieme al regista.

Con Pinocchio Garrone collabora con parte del suo team di Dogman, alcuni dei quali freschi vincitori di un David: il direttore della fotografia Nicolai Brüel, il montatore Marco Spoletini, lo scenografo Dimitri Capuani e tanti altri.

Advertisement

Tra un mese, sarete tutti spettatori di questa meraviglia e potrete finalmente dirci se ne è valsa la pena, ma... occhio alle bugie che vi cresce il naso!

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

5 lezioni che ci insegna Pinocchio

Cosa ci insegna Pinocchio? Dal classico Disney fino all'adattamento più recente con Tom Hanks, ecco cosa abbiamo imparato dal burattino più famoso.
Autore: Elisa Giudici ,
5 lezioni che ci insegna Pinocchio

Ha più di 130 anni, ma li porta benissimo: Pinocchio, il burattino di legno che voleva essere un bambino, continua a essere un’icona planetaria. Non male per un personaggio nato dall’immaginazione di uno scrittore toscano sul finire dell’Ottocento, le cui avventure risultano ancor oggi sorprendenti (drammatiche, talvolta crudeli) anche a un lettore moderno. Viene da stupirsi al pensiero di ciò che combina e subisce Pinocchio negli scritti di Collodi, al pensiero che il suo sia anche un racconto didattico per bambini.

A onor del vero, la storia nota a livello globale del burattino non è tanto quella di Collodi - già popolarissima a fine Ottocento - ma la versione del 1940 resa celebre dal classico ideato e prodotto da Walt Disney in persona. È cosa nota che le versioni animate dalla Casa del Topo, soprattutto agli albori dalla sua fondazione, fossero tutt’altro che fedeli. Pinocchio non fa eccezione e, pur conservando i tratti fondamentali del personaggio, viene ingentilito di molto nella sua trasformazione in cartone animato.

Sto cercando altri articoli per te...