Prey 2 si farà? L'indizio nei titoli di coda

Autore: Giulia Angonese ,
News
2' 6''
Copertina di Prey 2 si farà? L'indizio nei titoli di coda

Disney regalerà ai fan un sequel di Prey? A giudicare da un indizio ben preciso, i presupposti ci sono tutti. Attenzione, tratteremo il finale del film, quindi parte dell'articolo contiene spoiler. Cliccate per visualizzare il contenuto.

Advertisement
Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Nelle battute finali del film, la protagonista Naru (Amber Midthunder), guerriera Comanche, dopo aver ucciso il Predator, torna all’accampamento, dove la sua gente la aspetta. Ha il volto dipinto con il sangue fluorescente del predatore (immagine quest’ultima che è stata scelta per uno dei poster del film). Dopo gli onori per la sua vittoria, Naru avverte però i compagni:

Si avvicina un pericolo, ci dobbiamo spostare su un terreno più sicuro.

È molto probabile, quasi certo, che la giovane protagonista di Prey tema che il suo popolo venga presto attaccato dai colonizzatori, che lei stessa ha incontrato durante la sua avventura contro il Predator. Ma il suo sottile ingegno le potrebbe forse suggerire che altri alieni potrebbero arrivare, dopo la morte del loro compagno.

Questo dubbio viene alimentato dai titoli di coda: i fatti salienti del film vengono ripercorsi con un’animazione che si rifà alla pittura rupestre e che si conclude proprio con dei disegni raffiguranti l’arrivo di una flotta navale aliena in terra Comanche.

20th Century Studios / Disney
Prey - le astronavi nei titoli di coda

 

Il finale del film sembra insomma alludere apertamente a un possibile sequel di Prey. Per alcuni fan si tratta di un vero e proprio teaser di Prey 2. Senza correre troppo (non si hanno ancora notizie in merito), non è però azzardato pensare che il topos narrativo di Prey possa espandersi ancora.

Il film di Dan Trachtenberg, disponibile su Disney + dal 5 agosto, si è guadagnato il plauso della critica (qui la nostra recensione) e si è distinto per un approccio innovativo e originale nei confronti del franchise, aperto nel 1987 dal film Predator di John McTiernan, seguito da altri sette capitoli, tra sequel e crossover. I principali elementi di novità, alcuni dei quali già esaminati da noi, comprendono un’ambientazione storica inedita, tra i nativi americani del 1700, un focus su una protagonista femminile e sul suo coming of age, un’attenzione particolare riservata al tema della caccia, allo scontro mortale tra uomo e natura e tra umano e alieno. Tutte idee vincenti, che meriterebbero di essere ulteriormente sviluppate in un altro film, Prey 2.

 

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Le (vere) case infestate che hanno ispirato film e serie TV

Il cinema e la televisione hanno ispirato produzioni horror di culto con protagoniste case infestate, ma alcuni di esse sono basate su fatti realmente accaduti.
Autore: Verdiana Paolucci ,
Le (vere) case infestate che hanno ispirato film e serie TV

Chi ha detto che la casa è il luogo più sicuro al mondo? Esistono strutture capaci di mettere i brividi anche solo a guardarle. In apparenza si presentano come ville o castelli lussuosi e ben mantenuti, ma per la le loro storie sono in grado di ispirare film e serie TV dell'orrore davvero terrificanti.

Se Amityville si annovera tra le case infestate più famose del cinema, la tenuta in cui è ambientata la trama della serie TV The Haunting of Hill House è ispirata a fatti realmente accaduti. Il suo sequel, #The Haunting of Bly Manor, invece, è basato su Il giro di vite del romanzo di Henry James, che a sua volta si è ispirato a racconti di fantasmi.

Sto cercando altri articoli per te...