Prey: il trucco sul corpo dei Comanche ha un significato preciso

Autore: Giulia Angonese ,
Copertina di Prey: il trucco sul corpo dei Comanche ha un significato preciso

Prey, prequel della saga Predator, offre una ricostruzione accurata e dettagliata della cultura Comanche del 1719, periodo precedente la colonizzazione. Abbiamo già visto perché il regista Dan Trachtenberg ha ambientato il film in questo preciso periodo storico; oggi, 8 agosto 2022, approfondiamo invece il significato dei disegni dipinti su viso e corpo dei guerrieri Comanche che vediamo nella pellicola. Un make-up di grande impatto visivo, al quale hanno contributo attivamente gli attori del cast, discendenti dei nativi americani.

A parlarne è la protagonista Amber Midthunder (nel film interpreta la giovane Naru, cacciatrice Comanche), discendente Sioux. Ecco cosa ha rivelato nel corso di una lunga intervista concessa a InStyle:

Advertisement
Advertisement

Abbiamo avuto parecchi giorni per testare acconciature e trucco e tutti sono stati coinvolti in queste prove. I ragazzi hanno dovuto collaborare alla pittura del viso e alla pittura per le scene di combattimento. Alcuni di loro hanno inserito i disegni tipici della loro famiglia, sul volto e sul corpo, il che è stato veramente incredibile, oltre ad essere un segno di profondo rispetto da parte della produzione che ha incluso noi con la nostra cultura.

La possibilità data agli attori di poter dipingere sul proprio viso motivi pittorici appartenenti alle loro famiglie d’origine, è un altro segno tangibile, forse più difficile da cogliere, della grande considerazione che la produzione ha avuto nei confronti della cultura nativa americana tout court, non solo Comanche. Non a caso la pellicola è stata promossa dalle comunità indigene. Il coming of age al femminile di Naru non è solo lotta per difendere il proprio popolo dal letale Predator, ma è anche battaglia per il riconoscimento della propria identità individuale. Una battaglia di cui la stessa Amber Midthunder si sta facendo portavoce, per dare spazio alla cultura nativa: 

Per molto tempo siamo stati al servizio di storie di altre persone, in generale al servizio di altri; dobbiamo sapere che noi stessi possiamo fare qualcosa, raccontare le nostre storie. O possiamo creare delle nostre attività e avere successo. Nessuno deve darci il permesso: possiamo fare qualcosa che funziona, che ha successo. E cosa più importante, abbiamo qualcosa da offrire agli altri.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Le (vere) case infestate che hanno ispirato film e serie TV

Il cinema e la televisione hanno ispirato produzioni horror di culto con protagoniste case infestate, ma alcuni di esse sono basate su fatti realmente accaduti.
Autore: Verdiana Paolucci ,
Le (vere) case infestate che hanno ispirato film e serie TV

Chi ha detto che la casa è il luogo più sicuro al mondo? Esistono strutture capaci di mettere i brividi anche solo a guardarle. In apparenza si presentano come ville o castelli lussuosi e ben mantenuti, ma per la le loro storie sono in grado di ispirare film e serie TV dell'orrore davvero terrificanti.

Se Amityville si annovera tra le case infestate più famose del cinema, la tenuta in cui è ambientata la trama della serie TV The Haunting of Hill House è ispirata a fatti realmente accaduti. Il suo sequel, #The Haunting of Bly Manor, invece, è basato su Il giro di vite del romanzo di Henry James, che a sua volta si è ispirato a racconti di fantasmi.

Sto cercando altri articoli per te...