Profumo di Oscar per Jessica Chastain in The Eyes of Tammy Faye

Autore: Carlo Lanna ,
Copertina di Profumo di Oscar per Jessica Chastain in The Eyes of Tammy Faye

Conosciamo fin troppo bene le qualità artistiche di Jessica Chastain. L’attrice originaria di Sacramento, anno dopo anno si è imposta come una vera diva del grande schermo. Non solo icona di moda, bellezza e di femminilità, ma è anche un’attrice versatile capace di passare da un ruolo a un altro con disinvoltura. È stata candidata agli Oscar per ben due volte, grazie ai ruoli di The Help e Zero Dark Thirty, vincendo poi un Golden Globe come migliore attrice in un film drammatico. Ora sbarca il lunario con The Eyes of Tammy Faye - in italiano come Gli occhi di Tammy Faye -, pellicola di Michael Showalter, che ha aperto l’edizione numero 16 del Festival del cinema di Roma. Ed è stato subito una pioggia di applausi.

Advertisement


Basato su una straordinaria storia vera di caduta e redenzione, Jessica Chastian non è l’unica stella di The Eyes of Tammy Faye. Nel cast c’è anche Andrew Garfiled, l’ex divo di Amazing Spiderman, e Vincent D’Onofrio, ora tra i volti celebri della serie Godfather of Harlem (disponibile nel catalogo di Disney+). Un film profondo e di rara bellezza (anche se è stato ampiamente criticato) che romanza una storia vera che ha scosso l’opinione pubblica americana tra gli anni ’70 e ’80. Per la Chastain, raggiante nel ruolo che ricopre, si vocifera già una candidatura agli Oscar. Ecco perché The Eyes of Tammy Faye è un film da vedere assolutamente.

The Eyes of Tammy Faye The Eyes of Tammy Faye Apri scheda


La storia della telepredicatrice più famosa d’America

La Tammy Faye del titolo è la moglie di Jim Baker. La coppia ha fondato uno tra i più importanti network televisivi a sfondo religioso in cui entrambi predicavano la parola del Signore. Il film si sofferma non solo sugli anni in cui Tammy Faye raggiunge l’apice del successo, ma anche sui primi passi da donna di fede e nei primi momenti felici del suo matrimonio con Jim. Il successo cambia ogni cosa e la vita di Tammy diventa un vero incubo.

Advertisement

Fox Searchlight Pictures, Freckle Films, MWM Studios
In arrivo nelle sale il nuovo film con Jessica Chastain

Il successo e il denaro genera altro successo e altro denaro. Jim vuole realizzare un parco a tema di divertimenti per continuare a professare il “messaggio d’amore”, ma le irregolarità finanziare, i tradimenti reiterati non fanno altro che sfaldare l’impero religioso dei coniugi. Il film iconizza la figura di Tammy, amata per le sue idee progressiste, per il suo stile eccentrico e il modo in cui cantava la parola di Dio.


Rivalità e scandali di un impero della religiosità

Advertisement

Di solito i biopic sono delle rappresentazioni fredde e distaccate di eventi reali, concepiti solo per mistificare la “vittima” di turno. Nel film con Jessica Chastain invece il genere compie un passo in avanti. The  Eyes of Tammy Faye non racconta solo una storia vera di due predicatori fuori dagli schemi, ma si sofferma maggiormente su ciò che accade dietro la telecamera e a luci spente. La pellicola non fa altro che scoperchiare un Vaso di Pandora fatto di segreti, scandali e losche trame d’affari che si nascondono all’interno della comunità cristiana dell’epoca.

Fox Searchlight Pictures, Freckle Films, MWM Studios
The Yes of Tammy Faye perché vederlo

Una parabola di ascesa e discesa di Tammy e Jim. La prima, spettatrice passiva dei tradimenti del marito, che cura la sua solitudine con la preghiera, la Diet Coke, antidepressivi e una fede incommensurabile nei valori cristiani. Il secondo – interpretato da un convincente Andrew Garfield – è un uomo che sfrutta la fede solo per i suoi scopi. È il classico uomo che predica valori che non rispetta nella vita off screen. 


Una donna e il potere della fede in Dio  

È un biopic che non prende le difese di nessuno. Non si schiera né dalla parte di Jim né da quella di Tammy. È un film crudo, violento nei fatti e nelle recitazione che fotografa nella sua accezione più particolare il fanatismo religioso in America e nel mondo. Ma è anche un film femminista, in cui traspare il ritratto di una donna consapevole di avere un compito da portare avanti, e consapevole di essere una donna di fede a 360 gradi. L’unica che credeva in ciò che diceva e faceva, portando avanti gli ideali solo per il bene comune, senza pensare al mero guadagno. E la Chastain incarna alla perfezione la figura di una donna imperfetta, volutamente kitsch, motore della vicenda di un film pungente e che – sicuramente – farà strada.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
80
Jessica Chastain brilla come una vera stella di Hollywood in questo film visibilmente forte in cui si racconta una storia al femminile di riscatto, cadute e tradimenti
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock agli Oscar: storia e retroscena

Dallo schiaffo in diretta TV a Chris Rock al bando decennale dall'Academy: la ricostruzione di tutto lo scandalo che ha travolto Will Smith, continuamente aggiornato.
Autore: Elisa Giudici ,
Lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock agli Oscar: storia e retroscena

Una macchia che non si cancellerà mai dalla reputazione dell'attore Will Smith: la schiaffo dato a Chris Rock in diretta televisiva durante la cerimonia di consegna degli Oscar 2022 è stato questo. Da qui fino ai necrologi lui dedicati, Smith dovrà gestire la pesantissima eredità di un gesto (e del conseguente comportamento tenuto nei giorni successivi) per molto, molto tempo.

Lo scoppio d'ira di Will Smith è costato caro a tanti altri e ha avuto l'effetto in un terremoto per l'Academy, Netflix, la comunità afroamericana e il mondo del cinema in generale. Le discussioni su quanto fatto da Smith hanno tenuto banco per giorni, le reazioni si sono susseguite a settimane di distanza, fino alla storica decisione ufficiale di bandire Will Smith dall'Academy per un decennio e non ufficiale di mettere in stop tutti i progetti a cui stava lavorando, a data da destinarsi.

Sto cercando altri articoli per te...