Puma riporta in vita le sue scarpe da corsa RS-Computer del 1986

Autore: Mario Spagnoletto ,
Copertina di Puma riporta in vita le sue scarpe da corsa RS-Computer del 1986

Puma, negli anni '80, lanciò sul mercato uno dei primi modelli di scarpe da running con sensori incorporati: le RS-Computer. Oggi una scarpa del genere non farebbe sicuramente notizia, ma in allora fu un qualcosa di rivoluzionario e innovativo nell'ambito delle calzature intelligenti. Le RS-Computer, che furono messe in commercio per la prima volta nel lontano 1986, sono pronte a ritornare sul mercato con un look vintage - molto simile all'originale - ma con componenti interne rinnovate. 

La versione aggiornata conserva l'aspetto dell'originale, ma aggiunge nuove funzionalità come un accelerometro a tre assi, indicatori LED, una memoria integrata che permette di immagazzinare ben 30 giorni di dati, una porta USB per la ricarica e Bluetooth per collegare la scarpa in modalità wireless al telefono. Puma rilascerà solo 86 coppie numerate individualmente che saranno vendute nei negozi Puma a Berlino, Tokyo e Londra. 

Advertisement

Advertisement

In realtà le RS-Computer non sono state le prime scarpe da running con sensori incorporati a essere lanciate sul mercato. Adidas, infatti, due anni prima aveva proposto le sue Micropacer, scarpe da running che registravano distanza, ritmo di corsa e calorie bruciate attraverso un microsensore installato sulla punta della scarpa sinistra. 

Gallery: Le RS-Computer targate Puma

Tuttavia, le RS-Computer erano senza dubbio in anticipo sui tempi. Anche se ora esistono tantissimi dispositivi per il fitness, Puma ha deciso di realizzare diversi modelli delle sue scarpe RS per i più nostalgici. Infatti le RS-0 sono state presentate lo scorso aprile e una collaborazione con Ader Error ha prodotto le RS-100.

Via The Verge

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Nicolas Cage non è stato pagato per il suo ruolo da Oscar

Scopri perché Nicolas Cage non ha mai ricevuto il compenso che gli era dovuto per il film Via da Las Vegas, come ha dichiarato il regista Mike Figgis.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Nicolas Cage non è stato pagato per il suo ruolo da Oscar

Nicholas Cage è un attore con una lunga, straordinaria carriera, con ruoli importanti come l'impetuoso Ronnie di Stregata dalla luna e il supereroe Ghost Rider nei due film del franchise Marvel. Il suo lavoro nel mondo del cinema è stato premiato con l'Oscar al miglior attore per il film Via da Las Vegas del 1995. Proprio per questo film l'attore non ha mai ricevuto il pagamento che gli era stato concordato, una somma di 100.00 dollari.

Il regista Mike Figgis ha fatto questa sorprendente dichiarazione nella sua intervista per il podcast It Happened in Hollywood, curato dalla testata The Hollywood Reporter. Figgis ha aggiunto che egli stesso avrebbe dovuto ricevere lo stesso compenso, secondo gli accordi con la produzione, ma non gli è stato mai versato. Secondo quanto ha dichiarato Figgis, Lumiere Pictures, che produceva l'opera, gli ha comunicato che la pellicola non aveva prodotto un utile. La vicenda appare quantomai strana, visto che la casa di produzione aveva fornito un budget di 4 milioni di dollari e il film ha incassato 32 milioni di dollari al botteghino mondiale, secondo i dati riportati da Box Office Mojo. Il film Via da Las Vegas è un dramma straziante che narra le vicende di Ben, uno sceneggiatore alcolista che non riesce più a trovare un motivo di vivere, e di Sera, una prostituta che diventa amica di Ben, interpretata da Elisabeth Shue.

Sto cercando altri articoli per te...