Queen of the Desert è il nuovo film di Werner Herzog: il trailer!

Autore: Alfonsina Merola ,

Werner Herzog torna al cinema con The Queen of the Desert, un film biografico su Gertrude Bell: archeologa, agente segreto, funzionario politica e uno dei fattori grazie al quale l'Iraq è diventato uno Stato.

Il film racconta la vita di questa eroina in gonnella che riesce lì dove non riescono gli altri: Gertrude Bell, infatti, è stata chiamata dagli abitanti di Bagdad "la regina senza corona dell'Iraq".

Advertisement

Il personaggio realmente esistito della Bell incarna il classico eroe herzoghiano: in conflitto e alla ricerca di sé stesso, compie imprese memorabili. Ad interpretare il ruolo dell'eroina in gonnella è la splendida Nicole Kidman, che ben interpreta la natura british della vera Gertrude. La scelta del regista non è quella di realizzare un docu-film fedele in tutto e per tutto, perché vengono tralasciati alcuni fatti realmente accaduti.

In The Queen of the Desert, Nicole Kidman è altera, titanica e, infatti, il regista la affianca volutamente ad attori più bassi perché lo spirito e la grandezza della protagonista devono essere percepiti anche con gli occhi, dallo spettatore. Gli unici veri protagonisti della pellicola sono Gertrude Bell e il deserto.

Advertisement

Il cast

Il cast è molto vario ed è composto da: Robert Pattinson, che interpreta il ruolo del giovane T.E. Lawrence, Damian Lewis, che veste i panni del tenente colonnello Charles Doughty-Wylie, e James Franco che interpreta Henry Cadogan. E ancora Jenny Agutter nei panni di Florence Bell e Holly Earl che interpreta il ruolo di Cousin Florence.

Il film, in uscita il prossimo settembre nelle sale italiane, è stato presentato al Festival di Berlino 2015

La vera Gertrude Bell

Gertrude Bell è stata una donna di grande importanza ma non era ben vista nel mondo in cui aveva deciso di lavorare perché, appunto, di sesso femminile. La Bell si laureò in storia moderna in un periodo in cui le donne erano ancora di un numero esiguo all'Università.

Fondò a Baghdad le prime scuole per le donne musulmane ma a Londra si schierò contro le suffragette: forse è per questa ragione che i suoi meriti in Europa non sono molto noti.

Era una donna particolare, controversa e difficile da capire ed interpretare. Qualità queste, che le sono state utili per svolgere il suo lavoro di spia nell'intelligence britannica: fu lei a consigliare a Lawrence in che modo e dove scatenare la rivolta araba.

Advertisement

Gertrude Bell è morta a 58 anni, togliendosi la vita inghiottendo un'intera confezione di sonniferi.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza [RECENSIONE]

Leggi la recensione del lungometraggio Blonde dedicato alla vita di Marilyn Monroe, disponibile su Netflix dal 28 settembre 2022.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza [RECENSIONE]

La prima cosa da sapere prima di guardare su Netflix Blonde è che questo è in tutto e per tutto un film e non un documentario sulla vita di Marilyn Monroe. Quindi i fatti, narrati dallo sceneggiatore e regista Andrew Dominik e basati sul romanzo omonimo di Joyce Carol Oates, "prendono in prestito" dalla vita della bionda più famosa del cinema alcuni momenti di vita personale e pubblica. Su di essi è stata costruita una storia drammatica e in parte sconvolgente, soprattutto per chi si è sempre fermato all'abbagliante immagine di Marilyn Monroe senza documentarsi oltre.

Blonde ha lo scopo di portare alla luce la doppia vita di Marilyn: la star bella e appariscente e la donna estremamente fragile che le ha dato vita. Marilyn Monroe nasce come Norma Jeane ma le due personalità sono completamente all'opposto, separate da pensieri, atteggiamenti e parole. Norma è una bambina cresciuta senza un padre e con una madre rancorosa, lei è sempre stata una donna sola mentre Marilyn è sempre stata circondata da ammiratori, fotografi e amanti. Norma Jeane non ha mai avuto un vero e proprio disturbo dissociativo della personalità, o almeno non le è mai stato diagnosticato, ma il distacco emotivo vissuto da Norma verso Marilyn è stato sempre più forte e forse decisivo anche nella sua dipartita.

Sto cercando altri articoli per te...