Questa notte parlami dell'Africa: il romanzo di Alessandra Soresina diventa un film

Autore: Stefania Venturetti ,
Copertina di Questa notte parlami dell'Africa: il romanzo di Alessandra Soresina diventa un film

Nel 2014 pubblicava Questa notte parlami dell'Africa, il romanzo della ricercatrice Alessandra Soresina. Nel 2021 quel libro diventa un film, ambientato sull'accattivante sfondo del continente africano.

Il primo ciak è stato battuto in Kenya il 22 febbraio, con la regia di Carolina Boco (l'abbiamo vista all'opera sul docu-film Notturno) e Luca La Vopa (Il tocco dello sciamano, documentario). Le riprese, che dovrebbero durare circa sei settimane, si divideranno tra l'Africa (e per la precisione Watamu e Malindi, in Keya) e la Puglia.

Advertisement

Nel cast di Questa notte parlami dell'Africa troveremo Roberta Mastromichele, Corrado Fortuna, Diane Fleri, Marlon Joubert e Maria Grazia Cucinotta.

Di cosa parlano il romanzo di Alessandra Soresina e il film in arrivo?

La presentazione ufficiale della pellicola parla di Questa notte parlami dell'Africa come di "un film sul valore universale dell'amicizia". Qui, come nel libro originale, l'incontro tra l'europea Emma e l'africana Nuri si trasforma nel simbolo dei mondi e delle culture che rappresentano. Da una parte abbiamo quello Occidentale (europeo e italiano, ancor più nello specifico); dall'altra, quello arabo-africano, in un quadro reso ancor più complesso dalle origini miste di Nuri (che ha padre indiano e madre africana).

Prodotto Consigliato 7.99€ da Amazon 7.99€ da Soresina, Alessandra

La trama è raccontata appunto dall'incrociarsi (e l'alternarsi) delle voci delle due protagoniste. Emma è una trentenne di Milano, che da anni lavora come avvocatessa nello studio del marito, Lorenzo. Nonostante i successi personali e lavorativi, la donna sta vivendo una profonda crisi personale, e non riesce a sfuggire dal senso di oppressione che la perseguita ogni istante. Così prende una decisione radicale: parte per il Mozambico, alla scoperta di un mondo lontano da tutto ciò che ha conosciuto fino a quel momento.

Di questo mondo nuovo fa parte anche Nuri, una ventiduenne di Arusha (Tanzania) che non può confidare i suoi sogni e segreti più profondi a nessuno, se non al suo diario. La ragazza vive infatti come intrappolata dai rigidi codici morali della famiglia da cui proviene, che ostacola il suo desiderio di scoprire cosa c'è davvero al di fuori dell'ambiente in cui è costretta.

Advertisement

Quando le loro storie si incrociano, le due entrano in contatto anche con un gruppo di attivisti impegnati nella lotta al bracconaggio di elefanti. Le vicende che le coinvolgono fanno finalmente scoprire loro una nuova strada da percorrere, e come seguirla senza rimpianti.

Alessandra Soresina non ha scelto l'Africa come sfondo del suo romanzo solo per far presa da chi è attratto dal "fascino dell'esotico". Lei con questo continente aveva già un'esperienza di oltre 15 anni, nel momento in cui ha pubblicato il libro, per cui si è anche "complicata la vita", facendo ulteriori ricerche sul campo.

Advertisement

In particolare, come lei stessa ha rivelato in un'intervista che potete vedere nel video qui sopra, Soresina ha coltivato i rapporti con comunità musulmane della città di Arusha e con le donne Masai, che un poco alla volta l'hanno accettata nella loro comunità. Ma nonostante le tante e grandi differenze di cultura e stile di vita, la ricercatrice è arrivata a una conclusione: ci sono esperienze universali che legano tutti gli esseri umani.

Si crea una sorte di magia che ti fa sentire uguale a loro. Le donne alla fine sono sempre donne.

È anche per questo che si può dire che il suo Questa notte parlami dell'Africa è ispirato in parte a storie vere. Per prima la sua, anche lei affetta da quel "mal d'Africa" che la spinge a tornare sempre a visitare il continente ("È l'unico posto al mondo che ti dà questo tipo di energia"); ma anche quella di molte altre persone con cui ha avuto contatti nel corso degli anni, e che hanno aiutato a dare forma ai suoi personaggi nel libro.

via Ufficio Stampa Manzo Piccirillo
Il ciak di Questa notte parlami dell'Africa
Le riprese di Questa notte parlami dell'Africa sono iniziate a febbraio 2021

Al momento il film che adatterà Questa notte parlami dell'Africa non ha ancora una data di uscita.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

House of the Dragon al buio, HBO risponde ai fan furiosi

Leggi per scoprire come mai i fan di House of the Dragon si sono tanto arrabbiati dopo la messa in onda del settimo episodio.
Autore: Francesca Musolino ,
House of the Dragon al buio, HBO risponde ai fan furiosi

Sembra che stia diventando quasi un vizio di House of the Dragon quello di riportare nella serie non solo i tributi e i riferimenti a Il Trono di Spade, ma anche gli stessi errori. Nel terzo episodio dello spin-off infatti c'era già stata una svista che aveva fatto divertire i fan, perché ricordava proprio lo stesso scenario di quando ne Il Trono di Spade era comparso un bicchiere di Starbucks.

Questa volta invece da ridere c'è ben poco ed è dovuta intervenire la stessa HBO, per calmare le ire dei fan  furiosi per quanto è accaduto nel settimo episodio di House of the Dragon. Durante alcune scene ambientate nella tarda notte, il buio era talmente oscuro da non permettere quasi la visione di ciò che stava accadendo sullo schermo. La stessa situazione che era capitata nell'episodio La Lunga Notte de Il Trono di Spade durante la battaglia contro gli Estranei.

Sto cercando altri articoli per te...