Ritorno al crimine: Il trailer ufficiale coi gangster da ridere Giallini e Leo

Autore: Emanuele Zambon ,
Copertina di Ritorno al crimine: Il trailer ufficiale coi gangster da ridere Giallini e Leo

Sono tornati più idioti che mai gli amici romani di Non ci resta che il crimine che nella pellicola diretta da Massimiliano Bruno viaggiavano nel tempo mettendosi nei guai. 01 Distribution ha infatti rilasciato il primo trailer ufficiale di Ritorno al crimine, sequel che si preannuncia ancora più demenziale del primo capitolo.

Il filmato mostra Sebastiano (Alessandro Gassman), Moreno (Marco Giallini), Giuseppe (Gian Marco Tognazzi) e Gianfranco (Massimiliano Bruno) alle prese con boss della camorra e, addirittura, faccia a faccia col re del narcotraffico Pablo Escobar (segno, questo, che i quattro viaggeranno nuovamente nel tempo). Come se non bastasse, una vecchia conoscenza arriverà nel presente dal lontano 1982: si tratta dello spietato leader della Banda della Magliana Enrico De Pedis (Edoardo Leo).

Advertisement

Advertisement
01 Distribution
Il poster di Ritorno al crimine

Se il primo film si era ispirato nel titolo (e naturalmente anche nell'impianto narrativo) ad un classico della commedia italiana, Ritorno al crimine scimmiotta quello della saga di Robert Zemeckis. Il plot, invece, amplia le dinamiche di Non ci resta che il crimine, proiettando lo sgangherato gruppo di quarantenni nel mondo della malavita organizzata, con tutte le conseguenze del caso. In più, il villain del precedente, il "Renatino" (De Pedis) di Leo, dovrà fare i conti col futuro ("Chi caz*# è Totti?", si chiede il personaggio nel trailer, dal momento che gli sono sconosciuti almeno 35 anni di Storia d'Italia).

In questo sequel Sebastiano, Moreno, Giuseppe e Gianfranco si ritrovano a Monte-Carlo sulle tracce della dirompente ragazza che aveva rapito il cuore di uno e i soldi di tutti. Ma nel frattempo la vita va avanti e prende strade inaspettate, e i quattro amici di sempre dovranno fare i conti con un marito, Ranieri, spregiudicato mercante d’arte, una figlia contesa, Lorella, e un boss, Renatino, più implacabile che mai e con un passato che torna con le pistole in pugno e intenzioni tutt’altro che pacifiche.

Ritorno al crimine arriverà nelle sale italiane il 12 marzo. Nel cast, oltre a Marco Giallini, Alessandro Gassman, Edoardo Leo, Gian Marco Tognazzi e Massimiliano Bruno, anche le new entry Carlo Buccirosso, Giulia Bevilacqua, Loretta Goggi. Partecipazione straordinaria di Ninetto Davoli.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

L'incesto di House of the Dragon paragonato a Ritorno al futuro

Leggi per scoprire che particolari dichiarazioni ha rilasciato Ryan Condal, lo showrunner di House of the Dragon, sulle strane pratiche dei Targaryen.
Autore: Francesca Musolino ,
L'incesto di House of the Dragon paragonato a Ritorno  al futuro

Nei romanzi di George R.R. Martin e in seguito anche nelle due serie TV tratte dai libri, Il Trono di Spade e House of the Dragon, i membri della casata Targaryen in qualità di discendenti del popolo di Valyria, ritengono di avere nelle proprie vene il sangue di drago. Sulla base di questa credenza decidono di combinare i matrimoni solo con altri Valyriani, tra cui i Velaryon. Ma allo stesso tempo, pur di mantenere integra la loro stirpe di sangue puro, sono soliti anche adeguarsi a unioni incestuose tra consanguinei.

Durante un'intervista con Variety, il co-showrunner della serie Ryan Condal nel commentare questa pratica, ha fatto un paragone con il film Ritorno al futuro:

Sto cercando altri articoli per te...