Robbie Williams commenta le voci sulla sua presunta omosessualità

Autore: Silvia Artana ,

44 anni, una moglie da copertina e 2 figli (Theodora e Charlton), Robbie Williams è il prototipo della rockstar che - dopo una gioventù all'insegna degli eccessi - ha messo la testa a posto. Ma nonostante appaia felice nei panni di marito e padre, sembra che provi un po' di nostalgia per i tempi che furono, dal momento che non perde occasione per ricordarli.

Così, dopo aver raccontato al The Graham Norton Show un'incredibile avventura a luci rosse occorsagli durante un tour, in una nuova intervista ha commentato le voci sulla sua presunta omosessualità, dichiarando con il solito candore irriverente che gli piacerebbe essere gay ma... non ci riesce.

Advertisement

Come riporta il Mirror Online, citando la rivista Attitude, il cantante ha affermato di provare attrazione per il suo stesso sesso, ma di avere una "fobia" che gli impedisce di andare oltre:

La verità per quanto riguarda me e i gay è che non riesco a superare la cosa dell'u******. Ho avuto delle cotte. Delle grandi cotte per maschi. Un bel po'. Un sacco di cotte. Ma il c**** è proprio un problema. Non riesco neppure a guardare il mio troppo a lungo. Quindi è una cosa che non posso prendere in considerazione.

Attitude
Robbie Williams sulla copertina di Attitude
Robbie Williams nudo sulla copertina di Attitude

Con la consueta schiettezza ai limiti del politicamente scorretto, Robbie ha ammesso che vorrebbe essere omosessuale per poter frequentare chi vuole, come e quando vuole: 

Se potessi [essere gay, n.d.r.], mi piacerebbe esserlo perché amo il sesso. Mi piacerebbe fare sesso ogni volta che ne ho voglia.

Ma oltre le dichiarazioni a effetto, il cantante si è soffermato a riflettere sui pregiudizi che affliggono la società attuale e sulle conseguenze che hanno sui giovani:

Advertisement

Sono cresciuto in un contesto dove "gay" era le cosa peggiore che si potesse dire a qualcuno per ferirlo. [...] A causa dell'omofobia che c'è là fuori, quando avevo 21 anni pensavo: 'Io non odio i gay... questo vuol dire che anch'io lo sono? Deve significare che sono un po' gay, in qualche modo'.

L'intervista con Attitude è stata anche l'occasione per Robbie per spiegare perché nel 2005 ha citato in giudizio il giornale inglese The People, che aveva diffuso false voci sulla sua omosessualità.

All'epoca, la decisione era stata letta come una forma di intolleranza, ma il cantante ha dichiarato di aver reagito non perché si fosse sentito "offeso" per essere stato definito gay, ma perché era stanco di sentir raccontare storie non vere sul suo conto:

Venivano diffuse di continuo falsità e menzogne ed ero davvero frustrato. Così ho scritto il libro Feel: Robbie Williams, dove sono stato onesto al 100%. Ma nello stesso giorno in cui è uscito, è saltato fuori un ragazzo che ha raccontato che ero a Manchester, abbiamo parlato un po', l'ho portato sul naviglio e gli ho succhiato l'u******. Il mio problema allora è stato che non era vero e che avevo proprio scritto un libro dove raccontavo come stavano le cose. Mi ha fatto male e mi ha sconvolto. [...] Non ha niente a che vedere con la questione gay, semplicemente stavano mentendo.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

The Walking Dead 11, dove eravamo rimasti [RIASSUNTO]

Leggi per ricordare in che modo si era conclusa la seconda parte della stagione undici di The Walking Dead, che ritorna su Disney+ per il gran finale.
Autore: Francesca Musolino ,
The Walking Dead 11, dove eravamo rimasti [RIASSUNTO]

La serie TV di The Walking Dead è giunta alla sua conclusione con la stagione undici, di cui sono già state trasmesse le prime due parti. Dal 3 ottobre 2022 su Disney+ sarà disponibile anche la terza e ultima parte con cui terminerà sia la stagione in corso che la serie. Visto che ci sono state due pause nel mezzo e diversi mesi di distanza tra un blocco di episodi e l'altro, può essere utile fare mente locale sugli eventi principali dei primi sedici episodi già trasmessi e su dove si era momentaneamente conclusa la trama.

Premessa

  • La decima stagione di The Walking Dead è incentrata sulla guerra contro i Sussurratori: negli episodi finali fa il suo ritorno Maggie, che viene avvisata del pericolo che incombe sul gruppo, tramite una lettera scritta da Carol dopo il terribile evento delle picche. Tutte le comunità unite, con l'aiuto anche di Negan e di Maggie con il suo nuovo gruppo, alla fine vincono la battaglia. 
  • Su un altro frangente il trio composto da Eugene, Yumiko ed Ezekiel è in viaggio per raggiungere Stephanie, la misteriosa donna che Eugene ha conosciuto via radio e di cui si è invaghito. Lungo la strada incontrano Principessa, un'eccentrica ragazza che da molto tempo vive da sola e fa quindi di tutto per farsi accettare dal trio e unirsi al loro viaggio. Una volta giunti tutti insieme sul luogo dell'appuntamento, si ritrovano accerchiati da alcuni soldati in armatura che dopo averli catturati, li conducono da chi di dovere per essere sottoposti a degli interrogatori.
  • Dopo che Michonne parte alla ricerca di Rick, in quanto trova delle sue tracce nei pressi dell'isola in cui vive un uomo di nome Virgil, quest'ultimo decide di tornare ad Oceanside, il luogo del loro primo incontro. Durante il tragitto si imbatte in Connie, sopravvissuta all'esplosione nella grotta di Alpha, alla quale presta soccorso.

Stagione undici: dove eravamo rimasti

Sto cercando altri articoli per te...