Rogue City, tutto quello che c'è da sapere sul poliziesco Netflix

Autore: Alessandro Zoppo ,
Netflix
4' 1''
Copertina di Rogue City, tutto quello che c'è da sapere sul poliziesco Netflix

Rogue City, il sesto lungometraggio scritto e diretto dall'ex "sbirro" Olivier Marchal, promette di regalare un'indagine di polizia degna della migliore tradizione dei polar francesi.

Il trailer ufficiale, che potete vedere in apertura di questo articolo, lascia intendere atmosfere cupe e toni violenti.

Advertisement

Bronx (questo il titolo originale) è sospeso tra thriller e poliziesco: le sequenze anticipate da Netflix, che distribuisce il film in tutto il mondo, tengono davvero sospeso il respiro dello spettatore.

La trama

L'intreccio di Rogue City è essenziale, anche se il tessuto della trama s'infittisce nel corso degli eventi. La storia è ambientata a nord di Marsiglia, dove gli intrighi fra criminalità, politica e imprenditoria sono all'ordine del giorno.

Tutto comincia quando il clan Bastiani, un potente sodalizio operante sul territorio della città, orchestra una tremenda carneficina. Due poliziotti vengono incaricati dell'indagine per individuare i responsabili del massacro.

Richard Vronski, flic dai metodi poco ortodossi a capo della squadra anticrimine, si ritrova a dover collaborare con i "rivali" della BRB, la Brigade de répression du banditisme guidata da Mario Costa, un collega dai modi  altrettanto discutibili.

Mika Cotellon / Netflix

Kaaris, Stanislas Merhar, Lannick Gautry e David Belle in una scena del film Rogue City
La squadra anticrimine di Marsiglia

Un nuovo direttore, il commissario Ange Leonetti, arriva in città per mettere ordine tra i reparti e controllare i "cani pazzi" della polizia di Marsiglia.

La situazione precipita quando un testimone chiave viene assassinato mentre si trova in custodia degli agenti dell'anti gang e scoppia una sanguinosa guerra tra i marsigliesi e i corsi.

Advertisement

Per salvarsi la pelle Vronski e i suoi uomini saranno costretti a fare delle scelte estreme. L'unico modo per frenare il crimine e ristabilire l'ordine è combattere la malavita con la violenza e le stesse dinamiche di potere?

Il cast

Prodotto da Gaumont, Rogue City coinvolge un cast stellare.

Richard Vronski è interpretato da Lannick Gautry, "le beau gosse" del cinema francese lanciato da #Se sposti un posto a tavola e da allora presente in tanti film e serie di successo, da La Cage dorée a Le Tueur du lac.

Gli agenti della squadra di Vronski sono tre attori davvero particolari.

Advertisement

Bronx segna l'esordio al cinema di uno dei rapper francesi più famosi: Kaaris. L'autore di Or noir è Max Beaumont.

Willy Kapellian ha il volto di Stanislas Merhar, l'attore premiato con il César al film di debutto, Nettoyage à sec di Anne Fontaine.

Merhar è stato protagonista di – tra gli altri – Furia di Alexandre Aja, Adolphe di Benoît Jacquot, La Folie Almayer di Chantal Akerman e All'ombra delle donne di Philippe Garrel.

Il quarto e ultimo flic dell'unità anticrimine è Zach Damato.

Il poliziotto è interpretato da David Belle, ex pompiere e militare nonché fondatore del Parkour insieme al gruppo Yamakasi e a Sébastien Foucan.

Il veterano Jean Reno è il commissario Ange Leonetti; Barbara, la figlia di Ange, è interpretata da Barbara Opsomer. Gérard Lanvin è Paul Maranzano, Moussa Maaskri indossa la divisa del capo della BRB Mario Costa.

Nel resto del cast, sono presenti anche Claudia Cardinale, Patrick Catalifo, Catherine Marchal, Francis Renaud, Erika Sainte e Jeanne Bournaud.

Il regista

Olivier Marchal è uno specialista assoluto del poliziesco: ne conosce le regole alla perfezione ed ogni suo film è capace di stravolgerle per sorprendere il pubblico.

Il merito è da rintracciare nel suo passato: classe 1958, Marchal è stato un poliziotto, in servizio alla Brigade Criminelle di Versailles e poi alla sezione anti terrorismo.

Dopo aver esordito da attore soprattutto in diverse serie televisive, debutta alla regia con il cortometraggio Un blon flic (1999) e con il cupo e intricato polar Gangsters (2000).

Marchal raggiunge il successo internazionale grazie a 36 Quai des Orfèvres (2004), violento e originale noir d'azione con tre volti amatissimi del cinema d'oltralpe: Danieul Auteuil, Gérard Depardieu e André Dussollier.

Da allora il regista è una figura di spicco del cinema di genere francese. Produce e recita in numerosi neo-polar, lancia le serie TV #Braquo e #Section Zéro, si conferma dietro la macchina da presa con #L'ultima missione (2008), #Gang Story (2011) e #La truffa del secolo (2017).

Gli abbonati e le abbonate che fossero incuriosite dalla visione di Rogue City devono solamente attendere il 30 ottobre 2020, giorno dell'inserimento nel catalogo dei contenuti in streaming di Netflix.

Marchal, che ha anche concluso le riprese della terza stagione di Les rivières pourpres, ha definito Bronx "un thriller puro", sullo stile di 36 e Braquo.

Bronx Bronx Quando si trova nel mirino di gang marsigliesi in guerra e agenti corrotti, un onesto poliziotto deve prendere in mano la situazione per proteggere la sua squadra. Apri scheda

Il regista francese è instancabile: Rogue City non è ancora arrivato sugli schermi e Marchal ha rivelato al sito Les Chroniques de Cliffhanger di star preparando il suo prossimo film.

Un remake di Police Python 357, classico del polar diretto da Alain Corneau nel 1976 con Yves Montand, François Périer e Simone Signoret.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Stranger Things 4: il tempo è la parola chiave (recensione)

Leggi la recensione senza spoiler dei primi sette episodi di Stranger Things 4, che debutta su Netflix in streaming dal 27 maggio.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Stranger Things 4: il tempo è la parola chiave (recensione)

Questa recensione del volume uno di Stranger Things 4 non contiene spoiler, quindi per discutere nel dettaglio delle scelte dei protagonisti, della trama e del grande piano del cattivo Vecna avremo tempo. Adesso è il momento di fare un bilancio di questi primi 7 episodi della quarta stagione di Stranger Things, che hanno una durata pari a quella di un lungometraggio: non c'è infatti un episodio inferiore ai 63 minuti.

La lunga durata degli episodi è giustificata dal fatto che i fratelli Duffer, creatori di Stranger Things, si sono voluti prendere il loro tempo per raccontare una storia, che almeno all'inizio sembra davvero frammentata e divisa su più fronti. Da come si evince nei vari trailer (e ne sono usciti parecchi) i ragazzi e le ragazze di Hawkins sono divisi tra la California e Hawkins, mentre Jim Hopper è imprigionato in Russia. Tutto accade nel 1986, quasi un anno dopo la strage dello Starcourt Mall (la morte di Billy e la sconfitta del Mind Flyer). Adesso i protagonisti sono sempre più grandi, frequentano il liceo e affrontano i classici problemi che ne derivano: questioni di cuore e di popolarità.

Sto cercando altri articoli per te...