Russell Crowe a Roma per Il Gladiatore: è la volta dell'incontro con Totti

Autore: Simona Vitale ,

Il generale che diventò schiavo, lo schiavo che diventò gladiatore, il gladiatore che sfidò l'imperatore.

Per quei pochi che non lo sapessero, parliamo di Massimo Decimo Meridio, l'indimenticabile protagonista de Il Gladiatore, kolossal diretto nel 2000 da Ridley Scott e interpretato da Russell Crowe.

Advertisement

La pellicola, vincitrice di ben 5 premi Oscar, è oggi diventata una pietra miliare del cinema e ha segnato il trampolino di lancio ufficiale alla straordinaria carriera di Crowe. L'attore è diventato, anche grazie al suo generale Massimo, un vero e proprio sex symbol adorato da milioni di donne in tutto il mondo. 

A distanza di ben 18 anni, Russell Crowe, con tanto di barba incolta e qualche chilo in più ma pur sempre molto affascinante, è tornato a Roma per calpestare la calda sabbia del Colosseo. Non da combattente in cerca di vendetta, quanto come ospite di una straordinaria serata di beneficenza per la Campagna del Rotary 'End Polio Now', un programma che, come ricordato da ANSA, ha lo scopo di eliminare la poliomielite ed è sostenuto dal Rotary International, dalla Fondazione Bill&Melinda Gates, dall'Unicef e dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e dall'OMS.

Questa serata ha visto la partecipazione di 300 invitati illustri, le cui donazioni saranno destinate a End Polio Now. L'evento-anteprima, inoltre, precede le altre due attesissime serate (Il Gladiatore in concerto) aperte al pubblico dell'8 e del 9 giugno al Circo Massimo, nel corso delle quali, l'Orchestra italiana del Cinema, diretta da Justin Freer, eseguirà dal vivo la bellissima colonna sonora de Il Gladiatore, composta da Hans Zimmer e cantata da Lisa Gerrard, in perfetta sincronia con la proiezione della pellicola.

Tra gli ospiti illustri dell'anteprima de Il Gladiatore in concerto ci sono stati: il regista Gabriele Muccino, la bellissima Connie Nielsen (Lucilla, sorella di Commodo, ne Il Gladiatore), Luca Ward (doppiatore di Crowe nel film), Maria Grazia Cucinotta e l'ex capitano della Roma Francesco Totti. Già al suo arrivo nella Capitale, Russell Crowe ha dimostrato la sua simpatia nei confronti della Città Eterna, ed in particolare nei confronti della squadra giallorossa, afferrando la sciarpa di un tifoso e gridando: "Forza Roma!"

Advertisement

[twitter id="1003962695018786817"]

Crowe, però, ha dimostrato anche una certa simpatia, oltre che per la Roma, anche per Francesco Totti. L'attore e l'ex calciatore sono apparsi felici e sorridenti in numerose foto scattate dai fotografi all'evento e l'ex numero 10 dei giallorossi ha voluto omaggiare il gladiatore donandogli una maglietta della Roma con il numero 10 e la scritta Maximus.

Prima della proiezione de Il Gladiatore, Crowe ha anche rilasciato alcune dichiarazioni lusinghiere proprio su Totti, per il quale sembra nutrire profonda stima e ammirazione.

Advertisement

Francesco è fantastico. Ho avuto il privilegio di incontrarlo qui al Colosseo qualche anno fa, abbiamo fatto alcune foto insieme. Ha avuto una carriera gloriosa, nel tempo che ho trascorso con lui è stato una persona stupenda.

Fonte: ANSA

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Will Smith parla degli Oscar e del suo ritorno in Emancipation

Cosa ha dichiarato Will Smith nella sua prima apparizione dopo lo scandalo avvenuto nella notte degli Oscar 2022 con lo schiaffo a Chris Rock.
Autore: Rebecca Megna ,
Will Smith parla degli Oscar e del suo ritorno in Emancipation

Will Smith è pronto a tornare al cinema con il nuovo film Emancipation - Oltre la libertà, ma una parte del pubblico sembra non essere ancora pronto a vederlo di nuovo sulla scena. L'attore in una nuova intervista con il giornalista Kevin McCartthy pubblicata su Instagram ha parlato del film e per la prima volta anche del clamoroso scandalo degli Oscar, durante il quale Will Smith ha schiaffeggiato Chris Rock.

Capisco perfettamente: se qualcuno non è pronto, lo rispetterei assolutamente e gli concederei lo spazio per non esserlo. La mia più grande preoccupazione è per la mia squadra di lavoro. Spero che la forza del film, l’attualità della storia possano aprire il cuore delle persone e permettere loto di riconoscere l’incredibile talento artistico che c’è dietro.

Sto cercando altri articoli per te...