Samsung Galaxy View 2, il maxi-tablet con display da 17,3 pollici

Autore: Pasquale Oliva ,

Forse non sarà uno dei prodotti a marchio Samsung di maggior successo, ma il Galaxy View è tornato sul mercato con la seconda generazione. Il dispositivo rientra nella categoria dei tablet ma può sostituire (con i dovuti limiti) anche una TV.

Accedi rapidamente al divertimento grazie alla TV Mode. Passa dai canali TV in diretta a film e show on demand.

Il dispositivo, svelato dall'operatore statunitense AT&T, ha confermato le caratteristiche tecniche trapelate anzitempo grazie alle consuete fughe di notizie. Il Galaxy View 2 ha un ampio display da 17.3 pollici con risoluzione FullHD, una batteria da 12.000 mAh, quattro altoparlanti Dolby Atmos e connettività 4G LTE, necessaria per godere anche in mobilità dei contenuti che le diverse piattaforme di streaming offrono.

Advertisement

Advertisement
Samsung
Immagine stampa del Samsung Galaxy View 2

Completano la scheda tecnica il processore Exynos 7884 (non proprio il massimo), 3GB di memoria RAM, 64GB di memoria interna (espandibile tramite microSD) e una fotocamera anteriore da 5 megapixel. Proprio come il predecessore (da anni ormai finito nel dimenticatoio), sulla parte posteriore non manca un supporto, che a questo giro consente di posizionare il dispositivo anche ad un'inclinazione di trenta gradi.

Il maxi-tablet ha costo di 740 dollari (circa 665 euro al cambio attuale), ma al momento sembra essere una esclusiva del mercato USA.

Fonte The Verge

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

L'incesto di House of the Dragon paragonato a Ritorno al futuro

Leggi per scoprire che particolari dichiarazioni ha rilasciato Ryan Condal, lo showrunner di House of the Dragon, sulle strane pratiche dei Targaryen.
Autore: Francesca Musolino ,
L'incesto di House of the Dragon paragonato a Ritorno  al futuro

Nei romanzi di George R.R. Martin e in seguito anche nelle due serie TV tratte dai libri, Il Trono di Spade e House of the Dragon, i membri della casata Targaryen in qualità di discendenti del popolo di Valyria, ritengono di avere nelle proprie vene il sangue di drago. Sulla base di questa credenza decidono di combinare i matrimoni solo con altri Valyriani, tra cui i Velaryon. Ma allo stesso tempo, pur di mantenere integra la loro stirpe di sangue puro, sono soliti anche adeguarsi a unioni incestuose tra consanguinei.

Durante un'intervista con Variety, il co-showrunner della serie Ryan Condal nel commentare questa pratica, ha fatto un paragone con il film Ritorno al futuro:

Sto cercando altri articoli per te...