Samsung non si è arresa con il Galaxy Fold: il pieghevole sul mercato a settembre

Autore: Pasquale Oliva ,
Copertina di Samsung non si è arresa con il Galaxy Fold: il pieghevole sul mercato a settembre

Presentato all'evento Unpacked di febbraio 2019, Samsung Galaxy Fold non è arrivato sul mercato nei tempi stabiliti. Il suo lancio è stato infatti posticipato dopo che le unità inviate alla stampa per le recensioni hanno messo in evidenza le serie problematiche relative al display interno e alla cerniera del dispositivo pieghevole. A distanza di quasi un mese dal mea culpa del CEO dell'azienda sud-coreana, giungono finalmente notizie rassicuranti.

Nonostante la falsa partenza (che ha riportato alla memoria il caso Galaxy Note 7, rimosso dal mercato perché letteralmente esplosivo) Samsung non si è persa d'animo, ha anzi lavorato senza sosta per risolvere le problematiche segnalate dai tester. Il Galaxy Fold arriverà quindi ufficialmente sul mercato a settembre, non senza modifiche all'hardware. Il prezzo resterà invariato, ovvero circa 2mila dollari.

Advertisement

Le novità del Galaxy Fold 2.0 (se così può essere definito) illustrate da Samsung:

Lo strato protettivo dell'Infinity Flex Display è stato esteso oltre la cornice, rendendolo parte integrante della struttura del display, da non rimuovere.

Il Galaxy Fold dispone di ulteriori rinforzi per proteggere meglio il dispositivo da granelli esterni (polvere, briciole...) continuando però a garantire la sua caratteristica esperienza di dispositivo pieghevole.

Le parti superiore e inferiore dell'area della cerniera sono state rafforzate con nuove coperture protettive. Strati aggiuntivi in metallo al di sotto dell'Infinity Flex Display sono stati inclusi per rinforzare la protezione del display. Lo spazio tra la cerniera e il corpo del Galaxy Fold è stato ridotto.

La novità più importante è certamente quella relativa allo strato protettivo, che nella prima versione dello smartphone aveva le sembianze di una classica pellicola. Per tale motivo diversi tester (tra cui l'esperto Marques Brownlee), nel tentativo di rimuoverla, hanno irrimediabilmente danneggiato il display.

Advertisement
Samsung
Immagine stampa del Samsung Galaxy Fold (fronte e retro)
Samsung non ha gettato la spugna con il Galaxy Fold: risolti tutti i problemi con la 'nuova' versione di settembre

Oltre alle modifiche hardware sopracitate, Samsung ha migliorato anche l'interfaccia utente, con più applicazioni e servizi ottimizzati per la UX del pieghevole.

Con Galaxy Fold Samsung, si legge nel comunicato, vuole cambiare per sempre il concetto di smartphone e il modo di interagire con esso delle persone. I test finali sono alle fasi conclusive e l'arrivo sul mercato è programmato per settembre (la data non è stata ancora comunicata) nei mercati selezionati.

Risucirà Samsung a (ri)conquistare la fiducia degli utenti dopo il pericoloso tonfo?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

L'incesto di House of the Dragon paragonato a Ritorno al futuro

Leggi per scoprire che particolari dichiarazioni ha rilasciato Ryan Condal, lo showrunner di House of the Dragon, sulle strane pratiche dei Targaryen.
Autore: Francesca Musolino ,
L'incesto di House of the Dragon paragonato a Ritorno  al futuro

Nei romanzi di George R.R. Martin e in seguito anche nelle due serie TV tratte dai libri, Il Trono di Spade e House of the Dragon, i membri della casata Targaryen in qualità di discendenti del popolo di Valyria, ritengono di avere nelle proprie vene il sangue di drago. Sulla base di questa credenza decidono di combinare i matrimoni solo con altri Valyriani, tra cui i Velaryon. Ma allo stesso tempo, pur di mantenere integra la loro stirpe di sangue puro, sono soliti anche adeguarsi a unioni incestuose tra consanguinei.

Durante un'intervista con Variety, il co-showrunner della serie Ryan Condal nel commentare questa pratica, ha fatto un paragone con il film Ritorno al futuro:

Sto cercando altri articoli per te...