Scissor Seven: 5 motivi per guardare l'anime proveniente dalla Cina ora su Netflix

Autore: Silvio Mazzitelli ,
Netflix
5' 47''
Copertina di Scissor Seven: 5 motivi per guardare l'anime proveniente dalla Cina ora su Netflix

Netflix nel suo catalogo nasconde diverse piccole perle, che, nel mare di contenuti che ogni mese vengono aggiunti alla piattaforma di streaming, rischiano di venire messe in secondo piano. Tra queste vi è la divertente serie animata realizzata in Cina chiamata Scissor Seven.  Questa serie animata è di recente giunta alla terza stagione, uscita proprio ai primi di ottobre, dopo essere arrivata in esclusiva su Netflix lo scorso anno. Scissor Seven in origine era chiamato Killer Seven e la serie animata è stata realizzata completamente da Xiaofeng He, che ha scritto e diretto tutti gli episodi. La prima apparizione dell’anime di origini cinesi è avvenuta nel web nel 2018, soltanto in Cina, per poi essere portata al prestigioso Festival Internazionale del Film di Animazione di Annecy, dove è stata notata da Netflix che ne ha poi acquistato i diritti per la pubblicazione in tutto il mondo.

Così da gennaio 2020 la serie cambia nome per problemi di copyright in Scissor Seven, e arriva ufficialmente su Netflix. Già a maggio 2020 arriva la seconda stagione, e la serie, grazie anche a uno stile d’animazione particolare, conquista un bel po’ di pubblico anche nel resto del mondo. Giunti alla terza stagione possiamo dire che la serie animata ha continuato a migliorare, sia nella storia che nelle animazioni, di puntata in puntata, e sarebbe un peccato non prenderla in considerazione soprattutto se si amano i classici anime shonen d’azione e d’umorismo. Dunque, se non siete ancora convinti, ecco 5 motivi per guardare Scissor Seven su Netflix.

Advertisement

Indice

La storia

La trama di Scissor Seven ha per protagonista Seven, un maldestro assassino addestrato da Dai Bo, un grosso pollo parlante. Su consiglio di Dai Bo, Seven decide di diventare un assassino a pagamento per fare un sacco di soldi, nel frattempo come copertura fa il parrucchiere grazie alla sua abilità con un paio di forbici speciali, che riesce a comandare con il pensiero. In realtà Seven è troppo buono o troppo sfortunato per assassinare qualcuno, e la prima stagione si presenta principalmente come una serie episodica in cui in ogni puntata vediamo Seven alle prese con un nuovo tentativo di assassinio.

La prima stagione ci introduce soprattutto ai personaggi principali e ai comprimari, ossia gli abitanti dell’Isola dei Polli, dove la serie è inizialmente ambientata. Sin dalla fine della prima stagione però si inizia a intravedere una trama più complessa e d’ampio respiro: Seven infatti in realtà ha perso la memoria e la sua vera identità si inizierà a capire andando avanti con la serie. La terza stagione è infatti molto incentrata sul passato di Seven e, in realtà, già dalla seconda stagione, la trama episodica inizia ad essere sempre più articolata e avvincente, inserendo sempre più personaggi e situazioni interessanti, senza dimenticare gli spettacolari combattimenti.

Personaggi

Netflix

Scissor Seven personaggi

Altro punto di forza della serie sono i personaggi. Seven è un protagonista ingenuo e di buon cuore, molto propenso a cacciarsi nei guai e spesso molto sfortunato quando prova a fare il furbo. Il suo carattere affascina soprattutto quando entrerà in contrasto con la sua vecchia personalità, prima che perdesse la memoria. I comprimari poi non sono da meno, a cominciare dal pollo blu Dai Bo, che è un po’ il padre adottivo di Seven e del piccolo pollo Xiao Fei, fino a Thirteen, assassina che tenterà di uccidere Seven e di cui il protagonista inizierà a provare una certa attrazione verso di lei.

Advertisement

Tutti i personaggi dell’Isola dei Polli poi non saranno monodimensionali, ma ognuno di essi avrà il suo momento di gloria e nasconderà sorprese inaspettate. Anche i nemici che Seven affronterà sono molto variegati, andando da alcuni estremamente seri e pericolosi, ad altri molto più ironici. Il cast di Scissor Seven non delude mai, e anzi continua a migliorare puntata dopo puntata.

Combattimenti

Netflix

Seven Thirteen Netflix

Advertisement

Scissor Seven è un anime che riesce a bilanciare bene il suo lato umoristico con quello più d’azione. Se i primi combattimenti della serie erano incentrati più sull’umorismo, andando avanti diventano sempre più spettacolari e complessi, con delle animazioni che riescono a dare allo spettatore quel senso di dinamicità che serve a degli scontri fatti bene. Chiaramente l’azione si rifà ai classici shonen giapponesi come Dragon Ball, Naruto e One Piece, con anche delle citazioni evidenti proprio a queste famose serie (in una puntata viene addirittura sparata una sorta di Kamehameha). Con il passare delle puntate le battaglie tra personaggi diventano un punto sempre più centrale della storia, e per questo motivo si nota un evidente miglioramento sia nella qualità delle animazioni che nelle coreografie messe in scena, che siamo sicuri non deluderanno gli amanti dell’azione pura.

Umorismo

Netflix

Scissor Seven anime

Uno dei pregi migliori di Scissor Seven è il suo umorismo, che non viene mai abbandonato anche quando la storia si fa più seria. Alcuni personaggi riescono a essere a volte drammatici e a volte divertenti in modo naturale, come ad esempio Dai Bo, il pollo blu mentore di Seven, che è il personaggio che sa regalare momenti epici sia in chiave più seriosa che umoristica. Lo stesso Seven è sempre pronto a tirar fuori qualche gag anche nei momenti più tesi, per non parlare poi dei tanti comprimari dell’Isola dei Polli, come il bodyguard professionista He Dachu in grado di usare una tecnica di bloccaggio sull’avversario, che lo tiene incollato per tre giorni al malcapitato senza poterla sciogliere, ovviamente il malcapitato sarà Seven. Di momenti ironici come questo lo show ne è pieno, riuscendo a gestire bene sia i tempi comici che i momenti più seri o d’azione, in modo che l’equilibrio tra questi diversi aspetti della serie sia sempre mantenuto con grande maestria.

Animazioni

Netflix

Scissor Seven Dai Bo

A prima vista alcuni potrebbero storcere il naso di fronte alle animazioni piuttosto semplici dello show, ma basta guardare qualche episodio per rendersi conto che è uno stile voluto che si adatta bene allo stile narrativo dello show. Notiamo infatti che nei momenti più comici i disegni si fanno più colorati e meno precisi proprio per enfatizzare meglio la scena, mentre nei momenti più seri, specialmente quando si parla del passato di Seven, questi si fanno più precisi e cupi. Lo stile d’animazione dunque enfatizza al meglio ogni momento dello show, e considerando che dietro a questa serie animata non ci sia un budget stratosferico, c’è da rimanere sorpresi per quanto siano realizzate con cura le scene di combattimento, solitamente le più complesse da realizzare.

Le tre stagioni di Scissor Seven attualmente presenti su Netflix sono una piccola perla nascosta nel grande catalogo del colosso americano dello streaming. Nonostante sia meno conosciuto di molti altri anime famosi, la serie cinese non ha nulla da invidiare a nomi più blasonati. Grazie a una trama avvincente e piena di azione e umorismo, siamo sicuri che la serie animata riuscirà a conquistare molti nuovi fan che non vedranno l’ora di vedere la quarta stagione prima o poi.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 2

The War of the Rohirrim: l'anime de Il Signore degli Anelli

Pubblicati logo, data e una prima immagine di questo prequel del Signore degli Anelli dal titolo The War of the Rohirrim.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
The War of the Rohirrim: l'anime de Il Signore degli Anelli

La fanbase di J.R.R. Tolkien si è piuttosto divisa dopo aver visto il primo teaser trailer della serie TV live-action di Amazon Studios Gli Anelli del Potere, andato in onda durante il Super Bowl 2022. Adesso, è il momento di dare un primo sguardo a un altro progetto, del tutto differente ma sempre ambientato nell'affascinante Terra di Mezzo.

Si tratta di The Lord of the Rings: The War of the Rohirrim ovvero un lungometraggio in stile anime per il quale Variety ha pubblicato la prima concept art ufficiale. È importante specificare che l'immagine è stata realizzata in fase di pre-produzione ed è utile al regista e al suo team per immaginare quello che potrebbe essere il prodotto finale. Non si tratta quindi di una immagine del film.

Sto cercando altri articoli per te...