La setta di schiave sessuali di Allison Mack: le attrici coinvolte e gli ultimi sviluppi

Autore: Silvia Artana ,
Copertina di La setta di schiave sessuali di Allison Mack: le attrici coinvolte e gli ultimi sviluppi

[Nota della Redazione, 09/04/2019] Allison Mack si è dichiarata colpevole delle accuse a suo carico. La sentenza è attesa per l'11 settembre 2019: l'approfondimento.

[Articolo originale] L'indagine dell'FBI sulla misteriosa organizzazione NXIVM (che si pronuncia Nexium) ha scoperchiato un agghiacciante vaso di Pandora e i dettagli che emergono sono sempre più inquietanti.

Advertisement

Dopo l'arresto del fondatore, Keith Raniere, sono insistenti le voci che vorrebbero a un passo dalla prigione anche Allison Mack. Come riporta il Daily Mail, la star di Smallville non solo avrebbe avuto un ruolo chiave nel reclutare le schiave sessuali per l'uomo, ma avrebbe preso il suo posto alla guida del gruppo, ora che lui è dietro le sbarre.

Inoltre, l'interprete di Chloe Sullivan nella serie sulle avventure del giovane Clark Kent non sarebbe l'unico volto noto di Hollywood coinvolto nella vicenda. Insieme a lei ci sarebbero altre attrici.

Allison Mack e tutte le attrici coinvolte nello scandalo NXIVM

L'incredibile e terrificante storia della setta DOS (Dominos Obsequious Sororium, ovvero Signori delle donne schiave), sorta all'interno dell'organizzazione per lo sviluppo personale e professionale NXIVM, è diventata di dominio pubblico a ottobre 2017, in seguito a una inchiesta del New York Times.

Il giornale ha rivelato che un sedicente guru, Keith Raniere, reclutava donne belle, ricche e famose con il miraggio di entrare a fare parte di una sorellanza per difendere il mondo dal male e poi le sottoponeva a rituali e lavori umilianti, le costringeva a un regime alimentare affamante e le rendeva sue schiave del sesso. Inoltre, le marchiava a fuoco.

Pochi giorni dopo, il Daily Mail ha rivelato che Allison Mack era il braccio destro di Raniere (che si faceva chiamare Vanguard) e che ha contribuito attivamente a portare numerose donne nella setta. Ma a quanto pare, la star di Smallville non era l'unica attrice a utilizzare la propria fama per attirare nuove adepte.

YouTube

Keith Raniere e Allison Mack parlano in un video per YouTube
Keith Raniere e Allison Mack in una

Nel 2012, il Times Union ha pubblicato un elenco di affiliati e sostenitori a vario titolo di NXIVM e tra loro ci sono diverse attrici. Oltre ad Allison Mack, sono citate Linda EvansNicki Clyne e Kristin Kreuk. Stando a quanto scrive il giornale, la star di Dinasty, l'interprete di Cally Henderson in Battlestar Galactica e quella di Lana Lang in Smallville avrebbero tutte partecipato a corsi e/o seminari dell'organizzazione e le ultime due sarebbero diventate reclutatrici.

Secondo un recente articolo di Artvoice, nel 2008 Nicki Clyne avrebbe smesso di recitare dietro richiesta di Raniere e sarebbe diventata schiava sessuale dell'uomo e di Allison Mack, facendosi marchiare le loro iniziali sulla regione pubica. In seguito, l'attrice canadese sarebbe stata in prima linea per portare nuove donne in DOS e poco tempo fa avrebbe sposato la star di Smallville per aggirare le leggi sull'immigrazione e restare negli USA.

Advertisement

Kristin Kreuk ha negato ogni coinvolgimento nella vicenda, mentre non è chiara la posizione di un'altra attrice, Grace Park, chiamata in causa da Vice.

Stando a quanto scrive Artvoice, anche la stella di Battlestar Galactica e Hawaii-Five 0 avrebbe interrotto la carriera di attrice per compiacere "Vanguard" (come Nicki Clyne e la stessa Allison Mack) e sarebbe diventata una sua fedele discepola, girando per il web delle "conversazioni" con il sedicente guru su questioni etiche e sociali. Dopo lo scandalo, l'attrice avrebbe chiesto a Raniere di rimuovere i video da YouTube (qualcosa è ancora visibile sulla pagina Facebook Keith Raniere Conversations), ma continuerebbe a versare la sua quota associativa a NXIVM. Tuttavia, Park ha negato di fare ancora parte dell'organizzazione.

Kristin Kreuk nega di essere una reclutatrice di schiave

Dopo l'inchiesta del New York Times, NXIVM è finita sotto la lente di ingrandimento e dalle dichiarazioni dell'ex portavoce dell'organizzazione, Frank Parlato, e dagli archivi dei media, è emerso il nome di Kristin Kreuk.

Come ha raccontato Parlato a Vice, l'attrice è entrata a fare parte di NXIVM nel 2006 ed è stata lei a fare conoscere Keith Raniere ad Allison Mack mentre lei e la collega erano impegnate sul set di Smallville. Secondo l'ex portavoce, l'adesione dell'interprete di Lana Lang ha segnato una "svolta importante" per l'organizzazione, perché è stata usata per dimostrare che NXIVM non era un culto.

Advertisement

Parlato, che ha lavorato per Raniere per meno di un anno, ha affermato che Kristin Kreuk non ha solo seguito dei corsi, ma ne ha tenuti lei stessa e ha attribuito all'attrice un peso rilevante nell'organizzazione:

Advertisement

Non aveva un ruolo marginale, era pienamente integrata in NXIVM. E non era solo una studentessa, ma una coach.

La star di Smallville ha lasciato l'organizzazione nel 2012, all'incirca quando Raniere è stato accusato da due giovani donne di avere avuto rapporti sessuali con loro quando erano minorenni (una avrebbe avuto 12 anni). Ma benché non faccia più parte di NXIVM da tempo, non ha potuto evitare il moltiplicarsi delle voci sul suo conto. Anche lei era una reclutatrice di schiave sessuali?

Kristin Kreuk ha negato con forza il suo coinvolgimento nella vicenda con un messaggio su Twitter:

Quando avevo più o meno 23 anni, ho partecipato a un Executive Success Programs/NXIVM 'intensivo', ovvero un percorso di auto aiuto/crescita personale che mi ha insegnato a gestire la mia timidezza. Ragione per cui ho continuato con il programma [di NXIVM, n.d.r.]. Me ne sono andata 5 anni fa e ho mantenuto rapporti minimi con coloro che sono rimasti nell'organizzazione. Le accuse che io facessi parte della "cerchia ristretta" e che abbia reclutato delle "schiave sessuali" sono spudoratamente false. Per tutto il tempo in cui sono stata in NXIVM, non ho avuto esperienza di attività illegali o efferate. Sono inorridita e disgustata dalla vicenda di DOS.

L'attrice ha concluso dicendo di ammirare le donne che hanno denunciato Raniere:

Grazie a tutte le donne coraggiose che si sono fatte avanti per condividere le loro storie e svelare l'esistenza di DOS. Non posso che immaginare quanto sia stato difficile. Provo profondo disturbo e imbarazzo per essere stata associata a NXIVM. Spero che le indagini permettano a tutte le vittime di ottenere giustizia.

Gli ultimi sviluppi del caso

In attesa di scoprire se sarà spiccato un mandato d'arresto anche per Allison Mack, Keith Raniere ha iniziato a fare i conti con la giustizia. Come riporta il Daily  Mail, "Vanguard" è comparso davanti a un tribunale federale venerdì 13 aprile 2018 e il giudice Steven L. Tiscione gli ha negato la libertà su cauzione. L'uomo è accusato di traffico sessuale e di riduzione in schiavitù.

In aula c'era una ex fidanzata Raniere, Barbara Boucher, che ha lasciato il sedicente guru nel 2009 e da allora è stata perseguitata da lui e dai suoi adepti in ogni modo:

Mi sento al sicuro per la prima volta da anni. Mi sento libera.

All'udienza era presente anche l'attrice Catherine Oxenberg, che è diventata il volto della battaglia contro NXIVM da quando la figlia India è entrata a fare parte dell'organizzazione. La giovane è una dei fedelissimi che sono rimasti al fianco di Raniere anche dopo l'arresto, insieme ad Allison Mack e Nicki Clyne.

Come è emerso dalle indagini, NXIVM ha finanziato gran parte della propria attività attraverso le donazioni (stimate nell'ordine di 200 milioni di dollari) delle sorelle Sara e Clare Bronfman, eredi di quella che era considerata la più grande compagnia di distillazione al mondo, la Seagram Company Ltd, attualmente di proprietà di PepsiCo, Diageo e Pernod Ricard.

Ma l'inchiesta è in corso e la situazione evolve di giorno in giorno. Restate sintonizzati per conoscere tutte le novità.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Perché Marvel si è presa il disturbo di cambiare il titolo che appare nella sigla di Jessica Jones, appena caricato su Disney+?
Autore: Elisa Giudici ,
Jessica Jones e il mistero del titolo cambiato su Disney+

Problemi contrattuali o una mossa a lungo, lunghissimo raggio che non abbiamo ancora modo di comprendere? Non è dato sapere, però un fatto è certo: Disney ha alterato il titolo di Jessica Jones, la serie Marvel con protagonista Krysten Ritter. 

Ve l'avevamo anticipato: Disney+ ha aggiunto al suo catalogo tutte e sei le serie TV originariamente prodotte da Marvel Television, una costola dell'universo produttivo Marvel ora assorbita dai Marvel Studios. Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist, The Defenders e The Punisher sono in sestetto di serie originariamente prodotte da Marvel e lanciate da Netflix sulla sua piattaforma. Correva l'anno 2015 e la Casa del Topo ancora non aveva una sua piattaforma di streaming. 

Sto cercando altri articoli per te...