Siberia, Abel Ferrara e Willem Dafoe sono di nuovo insieme in uno dei primi ritorni estivi in sala

Autore: Elisa Giudici ,
Copertina di Siberia, Abel Ferrara e Willem Dafoe sono di nuovo insieme in uno dei primi ritorni estivi in sala

Sembra passata un'era geologica dall'ultima edizione della Berlinale, quando è stato presentato in concorso il nuovo film di Abel Ferrara, un lungometraggio intitolato Siberia. A pochi mesi di distanza il film arriverà nelle sale italiane, a partire dal 20 agosto 2020. Non sarebbe un grande avvenimento, se non fosse che Siberia è una delle primissime novità cinematografiche post pandemia globale a tentare la strada della distribuzione tradizionale. Il film arriva in sala dopo il lock down e nel pieno della difficile ripresa di quella parte del circuito cinematografico italiano che ha riaperto con poche pellicole e nessuna vera novità filmica a disposizione. 

Rai Cinema rompe quindi gli indugi e torna a proporre novità cinematografiche in sala. C'è però qualcosa di estremamente rassicurante e famigliare in Siberia; si tratta infatti dell'ennesima pellicola che vede riunirsi la coppia formata dal regista e sceneggiatore statunitense Abel Ferrara e il suo attore feticcio Willem Dafoe. I due hanno lavorato insieme a molte pellicole come New Rose Hotel, Go Go Tales, 4:44 Last Day on Earth, Pasolini e Tommaso.

Advertisement

Rai Cinema

Dafoe circondato dalla sua muta di cani
Le atmosfere del film ricordano i romanzi di Jack London

Rispetto a quest'ultimo lavoro, Ferrara decide di lasciare alle spalle la concretezza e la dimensione biografica esplorata in Tommaso, tornando a immergersi nelle sue atmosfere oniriche e allusive

In Siberia come Jack London

Siberia infatti racconta l'angosciante viaggio notturno di Clint (Willem Dafoe), un uomo che è già fuggito da tutto, rifugiandosi in mezzo ai ghiacci della regione che dà il titolo al film. La solitudine e il clima rigidissimo però non gli regalano la pace spirituale che sperava. Per sopravvivere l'uomo gestisce un piccolo locale dai rari avventori, ma non riesce a lasciarsi alle spalle i dubbi angoscianti sul senso della sua esistenza e sulla morte.

Advertisement

Così decide di viaggiare con la sua slitta trainata da cani nel mezzo del bianco nulla, alla ricerca del mondo e della vita che si è lasciato alle spalle, sperando di mettere a fuoco il suo vero sé. 

L'idea alla base del film è nata nel 2014, quando Ferrara stava ultimando le riprese del suo progetto dedicato allo scrittore e intellettuale italiano Pier Paolo Pasolini. Il cineasta ha dichiarato che Siberia è solo l'ultimo stadio della cinematografia, che in tanti anni di film e progetti è stata un progressivo avvicinarsi e immergersi sempre più nell'oscurità dell'animo umano

Rai Cinema

Dafoe circordato da piante
Il personaggio di Dafoe attraversa una vera crisi esistenziale

Se l'ambientazione siberiana e l'inquietudine del protagonista Clint vi ha subito fatto venire in mente i romanzi di Jack London, avete fatto centro. Ferrara ha citato l'opera dell'autore di Martin Eden e Zanna Bianca come uno dei principali motivi d'ispirazione del progetto: 

Advertisement

Immagini assurde, a dir poco strane, lontane dalla città, lontane dalla modernità. Le ho lasciate scorrere dentro di me. Un posto, una sorta di universo alla Jack London, mute di cani, una serie di incontri e di soste nel corso di un viaggio, segnati da luoghi e tempi selvaggiamente diversi. [...] Questo non è un addio a quello che ho fatto e abbiamo fatto sino ad ora – è una continuazione. A partire dal mio primo film mi sono immerso sempre più nell'oscurità.

Nel cast oltre a Dafoe ci sono altri volti ricorrenti del cinema di Ferrara come Dounia Sichov, Simon McBurney e Cristina Chiriac. Il film arriverà nelle sale italiane il prossimo 20 agosto 2020, in collaborazione con Nexo Digital.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 3

Benoît Sokal, è morto l'autore della serie Syberia dopo una lunga malattia

All'età di 66 anni, e dopo una lunga battaglia, ci lascia uno dei creatori di videogiochi più amati di tutti i tempi.
Autore: Andrea Guerriero ,
Benoît Sokal, è morto l'autore della serie Syberia dopo una lunga malattia

Gli appassionati di avventure grafiche conoscono bene il nome del fumettista Benoît Sokal. Un vero e proprio maestro che ha fatto di questo genere videoludico la sua massima espressione artistica. E che, purtroppo, è venuto a mancare. 

Il creatore della sontuosa serie di Syberia - e uno dei volti più influenti dell'intero settore - è infatti morto dopo una lunga battaglia con una malattia che purtroppo non gli ha lasciato scampo, presumibilmente tenuta nascosta al pubblico per ragioni di privacy.

Sto cercando altri articoli per te...