Silence, la recensione: la nuova passione di Cristo di Martin Scorsese

Autore: Elisa Giudici ,
Recensioni
2' 45''
Copertina di Silence, la recensione: la nuova passione di Cristo di Martin Scorsese

Nel 1988 Martin Scorsese presenziò a New York ad una proiezione speciale di L'Ultima Tentazione di Cristo, riservata alle autorità religiose. In quell'occasione, un vescovo gli regalò una copia di Silenzio, il romanzo dell'autore giapponese Shusaku Endo pubblicato nel 1966 e considerato il suo capolavoro. L'autore, che condivide con Scorsese un rapporto tormentato con la fede cristiana, ricostruì il viaggio fittizio di due gesuiti nel Giappone dei Kakase Kirishitan (i cristiani nascosti) alla ricerca del loro mentore, padre Ferreira, costretto dalle persecuzioni e dalle torture ad abiurare la fede. 

In Silence, Gesù appare solo come icona - da calpestare abiurando la fede o da nascondere tra le pieghe degli abiti, per testimoniare di nascosto il proprio credo religioso - eppure sarebbe difficile non inquadrare questo film come la nuova tentazione e passione di Martin Scorsese. Non a caso il protagonista, il giovane e tormentato padre Rodriguez, ha il volto pulito e dolce di Andrew Garfield, che come gesuita portoghese affamato e torturato del XVII secolo è abbastanza improbabile, mentre invece si inserisce alla perfezione nella ricca galleria di Gesù in croce con volti caucasici e gradevoli, da santino. 

Sulla sontuosità degli ambienti e sull'efficacia di una regia ancora più rifinita e compiaciuta del solito non si discute, ma di fronte alla considerevole durata del film (oltre 3 ore) il dubbio è lecito: Silence è troppo lungo? Certo il film pecca di ripetitività e il suo essere incredibilmente incisivo in alcuni passaggi viene diluito e smorzato proprio dalle lunghe scene non essenziali che intercorrono tra gli stessi. Il punto però forse è un altro. Come Pietro rinnegò Gesù tre volte prima del canto del gallo, Scorsese è particolarmente interessato a documentare i corsi e ricorsi di una fede vacillante.

Advertisement

Rodriguez è perennemente in bilico tra ammirazione e invidia verso i contadini e pescatori giapponesi, gente umile capace di immolarsi senza dubbi o ripensamenti per un Dio di cui conosce a malapena i contorni. A consumarlo concorre anche la drammatica consapevolezza che questi cristiani nascosti sono i nuovi martiri di una fede in realtà lontanissima dal Cristianesimo europeo. In un viluppo di autocommiserazione e vanità intellettuale, Rodriguez assiste a una serie tale di torture e violenze da sconfinare nel torture porn, mentre le autorità giapponesi tentano di instillare in lui l'idea, non priva di superbia, che i giapponesi non possano veramente comprendere il cristianesimo come un padre gesuita, che l'evangelizzazione del Giappone sia una causa persa in partenza. 

Advertisement

Difficile non cadere in una sorta di discriminazione intellettuale, date le premesse. Forse il film avrebbe potuto tagliare un po' sulle persecuzioni, sottolineando di più il ruolo ambiguo dei gesuiti in Giappone e gli errori strategici compiuti durante l'evangelizzazione e dettati in parte dalla loro superbia, errori che portarono alle persecuzioni. Non dimentichiamo inoltre che, a differenza di quanto il film finisce per suggerire, quella di Silence è una storia romanzata ispirata solo parzialmente a fatti realmente accaduti, a sua volta rielaborata da un Scorsese alla ricerca di risposte alle domande di sempre.

Silence è un film sontuoso e particolarmente intenso, dove il coinvolgimento personale di Scorsese è evidente. A differenza dei precedenti lavori sceneggiati da Jay Cocks, non risulta così ineccepibile, preda com'è di dubbie priorità che sono umanamente ma non sempre cinematograficamente comprensibili. 

Silence è nelle sale dal 12 gennaio 2017.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Johnny Depp potrebbe tornare in Animali fantastici

Leggi le dichiarazioni di Mads Mikkelsen sul possibile ritorno di Johnny Depp nei panni di Grindelwald, il mago oscuro di Animali fantastici.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Johnny Depp potrebbe tornare in Animali fantastici

Mads Mikkelsen ha ricevuto il premio Honorary Heart of Sarajevo al Sarajevo Film Festival, e ha incontrato il pubblico la mattina del 15 agosto 2022 per l'evento "Coffee With...", come riporta Deadline. Parlando del suo ruolo di Grindelwald in Animali fantastici - I segreti di Silente, il celebre attore ha ammesso che si sentiva intimidito nel rimpiazzare Johnny Depp, che era stato esonerato dalla produzione a causa dello scandalo con la ex-moglie Amber Heard. Ora Depp è tornato a recitare, e il collega Mikkelsen lo sostiene apertamente. L'attore danese ha dichiarato:

Ha vinto la causa in tribunale, quindi stiamo a vedere se tornerà. Potrebbe. Sono un grande fan di Johnny. Penso che sia un attore fantastico, penso che abbia fatto un lavoro fantastico. Detto questo, non avrei potuto copiarlo. Sarebbe stato un suicidio creativo. Quindi, abbiamo dovuto inventarci qualcos'altro, qualcosa che fosse mio, e costruire un ponte tra lui e me.

Sto cercando altri articoli per te...