Schwarzenegger, Clark Gregg e LeBron James tra le star evacuate a causa degli incendi in California

Autore: Giulia Greco ,

La California è stata colpita dall'ennesimo incendio. Lo chiamano Getty Fire ed è divampato lungo l'autostrada 405.

Le fiamme nella regione a nord di San Francisco, che minacciano anche il Getty Center di Los Angeles, sono state alimentate da forti venti paragonati a uragani. Le autorità hanno dato ordine che le zone a rischio venissero immediatamente evacuate e le scuole chiuse.

Advertisement

Fino a ora sono circa 200mila le persone che hanno abbandonato le loro case, in cerca di un posto più sicuro. Fra gli evacuati ci sono Arnold Schwarzenegger, la stella basket LeBron James, Clark Gregg e il creatore di Sons of Anarchy, Kurt Sutter.

LeBron ha ammesso di aver lasciato la propria abitazione insieme alla famiglia e di aver cercato a lungo e invano una stanza d'albergo in cui passare la notte.

[twitter id="1188770703438278657"]

Le fiamme a Los Angeles non sono uno scherzo. Ho dovuto lasciare la mia casa e ho cercato una stanza per me e la mia famiglia. Finora non ho avuto fortuna.

La star dell'NBA ha successivamente aggiunto di aver finalmente trovato un posto per la notte, ma che era stata una "serata folle".

[twitter id="1188775253876473857"]

Clark Gregg, il Phil Coulson della serie Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D., ha raccontato in un tweet di essere stato stato coinvolto nelle fasi di evacuazione e di essere riuscito a scampare al'incendio.

Advertisement

Sono al sicuro in una stanza d’albergo insieme alla mia famiglia e ai miei cani. Siamo stati svegliati ed evacuati grazie all’efficiente sistema di allarme dei vigili del fuoco di Los Angeles. Sono molto riconoscente.

[twitter id="1188797221082296320"]

Schwarzenegger, ex governatore della California, ha scritto un post su Twitter in cui ha detto di aver lasciato la sua abitazione intorno alle 3:30 del mattino e ha sollecitato altri a fare lo stesso.

Advertisement

Se vi trovate in una zone di evacuazione, non perdete tempo. Andatevene. Subito.

[twitter id="1188841034047844354"]

Ha poi aggiunto:

In questo momento sono grato perché possiamo contare sui migliori pompieri del mondo, sono veri eroi che si fiondano nel pericolo per proteggere i loro compagni californiani.

Intanto, il nord della California è stato scosso anche da due piccoli terremoti, proprio nelle zone i cui i vigili del fuoco stanno lottando per contenere le fiamme.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Breaking Bad 15 anni dopo: cos'’è rimasto della serie cult?

Scoprite cosa ci ha lasciato Breaking Bad, che esordiva 15 anni fa sul piccolo schermo negli Stati Uniti sul canale AMC.
Autore: Max Borg ,
Breaking Bad 15 anni dopo: cos'’è rimasto della serie cult?

Sono passati poco più di quindici anni dal debutto di Breaking Bad, che esordì il 20 gennaio 2008 su AMC, che è oggi nel 2023 un canale importante nell’ambiente via cavo americano. All’epoca però AMC era ancora un contenitore di vecchi film americani che aveva appena iniziato a scommettere sulla programmazione originale (Mad Men era arrivato pochi mesi prima). E proprio come quel canale, lo show ideato da Vince Gilligan era qualcosa che era facile sottovalutare a prima vista. 

Furono diversi, infatti, i rifiuti da parte di vari canali televisivi, inclusa la HBO, all’epoca meta privilegiata per progetti ambiziosi con protagonisti moralmente ambigui (o, come disse Gilligan per riassumere l’arco narrativo della sua creazione, “Mr. Chips che diventa Scarface”, ossia la trasformazione di un mite insegnante in un temibile gangster).

Sto cercando altri articoli per te...