Star Trek 4 senza Chris Pine? Per i produttori gli attori non contano, le storie sì

Autore: Dan Cutali ,
Copertina di Star Trek 4 senza Chris Pine? Per i produttori gli attori non contano, le storie sì

Recentemente alcuni dei più grandi franchise cinematografici di Hollywood hanno attraversato forti turbolenze. 007, Guardiani della Galassia e Star Trek, per esempio. A riguardo di quest'ultimo, il quarto film della serie reboot ha incontrato un intoppo quando Chris Pine e Chris Hemsworth hanno parlato di tagli alle paghe dei protagonisti dopo che Paramount  ha conteggiato le perdite subite da Star Trek: Beyond.

Paramount Pictures
Mezzobusto di Chris Hemsworth nei panni di George Kirk, padre del più famoso Capitano Kirk
Hemsworth prima di Thor è stato anche membro della Flotta Stellare di Star Trek

Hemsworth sarebbe ritornato al franchise nei panni di George Kirk, padre del famoso Capitano, a seguito del suo breve ruolo nel primo film del 2009. Chris Pine però è uno dei protagonisti assoluti della serie, dal momento che interpreta proprio James T. Kirk, e qualcuno si domanda se possa funzionare o se addirittura ci potrà essere uno Star Trek senza di lui. Secondo il produttore Adi Shankar, la mancanza di Chris Pine nel cast potrebbe essere una cosa buona:

La perdita di Pine e Kirk potrebbe non essere un disastro, anzi potrebbe essere anche una cosa positiva. Sono le storie raccontate che hanno importanza, non gli attori che le interpretano. Questo universo di Star Trek presenta molte opportunità di fare le cose in modo diverso e andare con coraggio dove nessuna uniforme è mai giunta prima.

Sebbene alcuni fan non siano d'accordo con le dichiarazioni scottanti di Shankar, esse sono un punto di vista interessante. Il produttore vedrebbe la perdita di Pine quasi come una benedizione in quanto forzerebbe la produzione a creare una nuova storia differente e possibilmente più fresca e audace che mai. Crede che la forza principale di un film sia una buona storia e tecnicamente un soggetto per Star Trek 4 potrebbe non avere bisogno di Chris Pine e del suo Capitano Kirk.

Quello di Adi Shankar potrebbe essere un ottimo punto di vista a riguardo in quanto una larga maggioranza di pubblico andrebbe a vedere un film di Star Trek perché è una storia di Star Trek, non per gli specifici attori coinvolti. Per contro, però, uno Star Trek 4 senza Chris Pine significherebbe di conseguenza nessun Capitano Kirk e sono anche i personaggi che fanno il franchise, specialmente se è uno di quelli principali.

Advertisement

Paramount Pictures
Chris Pine con un'espressione sorniona osserva il retro di un modellino dell'astronave U.S.S. Enterprise del Capitano Kirk
Chris Pine è a rischio sulla poltrona di Capitano della sua astronave

Ci sono stati molti film e serie TV senza James Tiberius Kirk perciò i precedenti ci sono e anche di ottima qualità. Star Trek non è Harry Potter senza il protagonista del titolo, è un intero universo di avventure come dimostrano ben 6 serie TV con cast completamente diversi tra loro, anche se talvolta interconnessi. Rimuovere, però, il Capitano Kirk nel bel mezzo della linea temporale Kelvin sarebbe quantomeno stridente, soprattutto se tornasse tutto il resto del cast e a meno che gli sceneggiatori non si inventino qualche altro sconvolgimento temporale o un escamotage narrativo per tenerlo fuori dai giochi.

Per esempio nella vecchia continuity Bermaniana, nel film Star Trek: Generazioni che nel 1994 divenne il passaggio di testimone ideale tra la Serie Classica e The Next Generation del Capitano Picard, il James Kirk interpretato storicamente da William Shatner muore definitivamente (per poi ritornare magistralmente nei romanzi scritti dallo stesso Shatner). Potrebbe essere realizzabile se gli sceneggiatori e la produzione decidessero di affrontare una sfida così grande. Ovviamente sarebbe da cambiare anche la storia in cui James Kirk incontra suo padre George andando indietro nel tempo. Mal di testa da paradossi a parte, già il solo pensarlo diventa eccitante per gli appassionati.

Paramount Pictures
William Shatner e Patrick Stewart a cavallo, nelle loro uniformi di James Kirk e Jean-Luc Picard
Il passaggio di testimone per il quale Kirk scomparve avvenne nel 1994 in Star Trek: Generazioni

Tutte queste ipotesi cadrebbero nel nulla se Paramount e Chris Pine scendessero a patti e l'attore tornasse in Star Trek 4. Se non accadesse, però, tutto il franchise dovrebbe affrontare un dilemma importante e si troverebbe di fronte a un bivio non indifferente. Oppure, se le parole di Adi Shankar trovassero un qualche fondamento facendo andare le sceneggiature là dove nessun'altra è mai giunta prima, Paramount dovrebbe semplicemente trovare un sostituto di Chris Pine e sperare che il pubblico lo accetti.

Advertisement
Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Kevin Feige su Kang: "È un villain diverso da tutti"

Scopri le dichiarazioni illuminanti di Kevin Feige, presidente di Marvel Studios, sul ruolo di Kang il Conquistatore come villain del Multiverso!
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Kevin Feige su Kang: "È un villain diverso da tutti"

Alcune recenti dichiarazioni di Kevin Feige gettano una nuova luce su Kang il Conquistatore, ovvero il villain del nuovo film Marvel Cinematic Universe Ant-Man and the Wasp: Quantumania. La pellicola è diretta da Peyton Reed e uscirà nelle sale cinematografiche italiane il 15 febbraio 2023.

Kevin Feige ha parlato di Kang come di un tipo completamente nuovo di villain e un personaggio che combatte non solo i supereroi, ma anche le varianti di sé stesso! Ecco cosa ha dichiarato il presidente di Marvel Studios alla rivista Empire Magazine:

Sto cercando altri articoli per te...