Star Wars 9: Richard E. Grant anticipa un colpo di scena incredibile

Autore: Giuseppe Benincasa ,
Copertina di Star Wars 9: Richard E. Grant anticipa un colpo di scena incredibile

Richard E. Grant, che in Star Wars: L'Ascesa di Skywalker interpreta il Generale Pryde del Primo Ordine, ha avuto la possibilità di vedere il capitolo finale della saga di Guerre Stellari ed è rimasto così impressionato che non ha potuto non pubblicare la sua reazione sui social.

L'attore, protagonista anche in Logan - The Wolverine nei panni del cattivo, ha pubblicato su Twitter un video dove loda il lavoro del regista J. J. Abrams e preannuncia un incredibile colpo di scena (davvero impensabile).

Advertisement

Ho appena visto la proiezione per il cast di Star Wars: L'Ascesa di Skywalker. Ciò che [il film] raggiunge, intreccia e risolve [a livello narrativo], è un totale crollo emotivo e una resurrezione per lo spirito. Bravo a J. J. Abrams e al suo sorprendente cast e al suo team creativo.

Da come potete vedere dal video, Grant è visibilmente emozionato e parlando con i fan dice che niente può prepararli a quello che vedranno.

Advertisement

Poi, intervistato dal sito Yahoo! Entertainment, ha parlato di un grande colpo di scena che scioccherà tutti i fan. Ovviamente non ha rivelato esattamente quale sarà e chi coinvolgerà ma ha anticipato che riguarda un grande personaggio.

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Il primo pensiero va a uno dei due grandi protagonisti, ovvero Rey (interpretata da Daisy Ridley) e Kylo Ren (interpretato da Adam Driver): Rey passerà al Lato Oscuro della Forza? Sarà Kylo Ren ad aiutare la resistenza e a uccidere Palpatine? O ancora: il grande colpo di scena riguarda lo Skywalker del titolo?

Dal canto suo, Grant ha detto di aver trovato sorprendente il fatto che si è riusciti a giungere a una conclusione di una saga iniziata nel 1977. Ovviamente, ha detto, il finale rischia di avere un "effetto alla Game of Thrones", perché non c'è modo di soddisfare ogni singolo fan, dato che ognuno di essi ha una propria visione della storia.

L'attore però ha assicurato che, quando scorreranno i titoli di coda, i fan proveranno un senso di shock, dovuto proprio ad alcuni colpi di scena impossibili da prevedere. Il pubblico, ha detto, sussulterà, riderà e piangerà.

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Sul suo personaggio, Grant ha detto che apparirà anche in alcune scene finali del film. Qui sotto, potete vederlo in un'immagine ufficiale:

Dopo queste dichiarazioni, non resta che spostare la lancetta dell'hype ancora più su e aspettare il 18 dicembre, quando Star Wars: L'Ascesa di Skywalker sarà nelle sale italiane, anche in 3D.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Il film nascosto di Tim Burton che forse non conosci [GUARDA]

Scopri qual è il film nascosto di Tim Burton di cui si parla poco ma che è stato molto importante per rendere il famoso autore quello che conosciamo ora.
Autore: Agnese Rodari ,
Il film nascosto di Tim Burton che forse non conosci [GUARDA]

Tim Burton è un regista, produttore e sceneggiatore che riesce a stregare il pubblico grazie a uno stile inconfondibile, che unisce fantasy e grottesco con un carattere sempre originale. Molti conoscono Burton grazie al cupo film Edward mani di forbice (di cui potete leggere il nostro articolo temi e significato di Edward mani di forbice) o al più recente La fabbrica di cioccolato, entrambi con la partecipazione dell’attore Johnny Depp.

Non tutti però sanno dell’esistenza di un mediometraggio di Burton molto particolare, che è stato trasmesso una sola volta per l'occasione di Halloween su Disney Channel americano, il 31 ottobre 1983, per poi sparire nel nulla. Il film in questione si intitola Hansel and Gretel, tratto dall’omonimo racconto dei celebri fratelli Grimm ma che presenta una rivisitazione in stile giapponese, dato il fascino che il Paese del Sol Levante esercitava su Burton all’epoca. Proprio dal Giappone Burton riprese la tecnica della stop motion (già usata per molti film su Godzilla). Questa consiste nell'usare oggetti inanimati che vengono mossi e fotografati ad ogni loro piccolo cambio di posizione, di modo che una volta unite le fotografie in sequenza, nel risultato finale sembrino muoversi in maniera autonoma.

Sto cercando altri articoli per te...