Star Wars: la nuova mappa ufficiale mette ordine nella Galassia

Autore: Giuseppe Benincasa ,
Copertina di Star Wars: la nuova mappa ufficiale mette ordine nella Galassia

Grazie alla prossima riapertura del parco a tema Star Wars Galaxy’s Edge, dove ci si sente a casa tra Jedi e droidi, adesso si può osservare nel dettaglio la nuova disposizione dei pianeti della Galassia lontana lontana.

Da quando Disney ha acquisito Lucasfilm e ha prodotto nuovi film di Star Wars ha anche introdotto nuovi pianeti, soprattutto nella trilogia sequel composta da #Il risveglio della Forza, #Gli Ultimi Jedi e #L'ascesa di Skywalker.

Advertisement

Alcuni pianeti fondamentali per queste nuove storie, come Jakku, Kijimi o D’Qar non avevano ancora una collocazione precisa nel firmamento e ora, nella mappa qui sotto, si può osservare meglio al loro dislocazione.

Lo scopo della mappa è quello di mostrare la location di Batuu (il nome è scritto in un carattere più grande), porto per le navi che devono fare rifornimento. Avamposto ai confini della galassia era, un tempo, un incrocio trafficato lungo le vecchie rotte commerciali ma con l'incremento dei più veloci viaggi nell'iperspazio, Batuu è diventato presto un porto fiorente per i contrabbandieri, i commercianti disonesti e gli avventurieri che viaggiano tra la frontiera e lo spazio inesplorato. 

Questo è il pianeta scelto per le attrazioni del Galaxy's Edge.

Lucasfilm/Disney
I pianeti della Galassia di Guerre Stellari segnati in una mappa
La mappa di Star Wars Galaxy’s Edge

Come si può notare, la Galassia è strutturata in Orli, colonie e centri nevralgici, oltre ad avere uno spazio gestito dagli Hutt.

Advertisement

Jakku, per esempio, è una delle colonie (area arancione), la città sacra di Jedha vista in #Rogue One: A Star Wars Story è situata nell'Orlo centrale alla vostra sinistra.

Scarif, mostrato sempre in Rogue One per la battaglia finale del film, è sull'Orlo esterno, non lontanissimo da Tatooine.

Nella parte sinistra in alto, è anche segnata la zona in cui stazionava la Starkiller Base del Primo Ordine, che è bene ricordare era un pianeta modificato dalle forze del male, al fine di poter essere un'arma molto più potente della Morte Nera.

Advertisement

Chi avrebbe voluto scoprire la location di Exegol, dove Palpatine ha vissuto nel corpo di un clone e si è manifestato in Episodio IX, resterà deluso, poiché la mappa non mostra la postazione ultra segreta di questo posto.

Chi vuole approfondire la geografia di Star Wars può procurarsi il libro illustrato Star Wars: Galactic Atlas (visibile qui sotto), che mostra più di una semplice, narrando le storie di quei pianeti e la loro flora.

Prodotto Consigliato 47.99€ da Amazon Fortune, Emil

Che la Forza sia con voi!

Via Reddit

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Il regista di Gremlins accusa: "Baby Yoda? Rubato e copiato senza vergogna"

Joe Dante, il regista del primo film cult Gremlins, ha parole forti contro i creatori di Baby Yoda, accusandoli di aver copiato Gizmo!
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Il regista di Gremlins accusa: "Baby Yoda? Rubato e copiato senza vergogna"

Joe Dante, il regista del primo storico capitolo della saga di Gremlins, non ha risparmiato accuse contro Lucasflm e il duo di creatori di The Mandalorian Jon Favreau e Dave Filoni.

L'oggetto della discussione è Baby Yoda, il cui nome si è scoperto essere Grogu. Questo piccolo essere verde ha conquistato tutti con la sua dolcezza e la sua simpatia, un po' come aveva fatto Gizmo, ossia il primo Gremlins nel film di Joe Dante.

Sto cercando altri articoli per te...