Star Wars: nuovi dettagli sulla serie su Obi-Wan (e le bugie forzate di Ewan McGregor)

Autore: Marcello Paolillo ,
Disney+
2' 38''
Copertina di Star Wars: nuovi dettagli sulla serie su Obi-Wan (e le bugie forzate di Ewan McGregor)

Sin dall'annuncio dei primi spin-off cinematografici della serie A Star Wars Story (che ha dato alla luce i due film antologici Rogue One e Solo), i fan hanno iniziato a fantasticare circa un eventuale progetto dedicato al personaggio di Obi-Wan Kenobi, interpretato da Ewan McGregor nella trilogia prequel.

L'attore si è infatti dimostrato più che disponibile a tornare nel ruolo del cavaliere Jedi che ha addestrato Anakin Skywalker nei primi episodi della saga, nonostante la conferma ufficiale sia arrivata solo nel corso alla convention D23 Expo che si è tenuta questa estate ad Anaheim, in California: Obi-Wan tornerà in una serie TV dedicata al personaggio.

Advertisement

Stando alle informazioni rilasciate nel corso di una puntata dello Star Wars Show su YouTube, il ciclo di episodi sarà ambientato ben 8 anni dopo Episodio III: La Vendetta dei Sith, raccontando gli eventi successivi alle terribili guerre dei cloni che hanno visto la fine dei cavalieri Jedi della Repubblica Galattica.

Ora, lo stesso McGregor - intervistato da Men's Journal e come riportato da Cinemablend - ha rivelato nuovi dettagli sulla serie, tra cui il fatto di aver dovuto mentire ai fan per ben quattro anni (ossia il lasso di tempo necessario per permettere a Lucasfilm di decidere cosa fare con il personaggio).

È un enorme sollievo. Perché per quattro anni ho dovuto mentire alla gente al riguardo.

La serie avrà una durata complessiva di sei ore, il che significa che la prossima avventura di McGregor nei panni di Obi-Wan sarà sicuramente piuttosto ricca di eventi.

La trama si colloca tra Episodio III ed Episodio IV. L'Ordine Jedi stava cadendo a pezzi. Sarà interessante prendere un personaggio che conosciamo in un certo modo e mostrarlo nuovamente. Il suo arco narrativo sarà piuttosto interessante, specie affrontando il fatto che tutti i cavalieri Jedi furono massacrati alla fine di Episodio III. Si tratta di un evento drammatico da superare.

McGregor ha anche aggiunto di essere entusiasta di interpretare finalmente una versione del personaggio che i fan della trilogia originale di Star Wars conoscono bene.

Voglio avvicinarmi sempre più a come si sentiva Obi-Wan mentre Alec Guinness lo interpretava. Mi sento più simile a lui in termini di età, quindi sarà più facile farlo.

Ricordiamo che alla fine di Episodio III Obi-Wan decide di portare il piccolo Luke su Tatooine, presso i suoi zii Owen Lars e Beru Whitesun, e affida Leia alle cure del senatore Bail Organa, sovrano di Alderaan. Successivamente, il destino del maestro Kenobi non è noto, perlomeno prima degli eventi di Una Nuova Speranza (1977), nel quale Luke - ormai cresciuto - si mette sulle tracce di Obi-Wan (interpretato da Alec Guinness).

Molto probabile quindi che la storia della serie dedicata a Obi-Wan si intrecci col filo narrativo di Solo: A Star Wars Story (ambientato 11 prima di Episodio IV), svelando quindi le imprese di Kenobi sul pianeta Tatooine e includendo magari anche la misteriosa organizzazione chiamata Alba Cremisi, oltre a Darth Maul, Qi'Ra (Emilia Clarke) e Dryden Vos (Paul Bettany), visti nel film diretto da Ron Howard.

Ricordiamo infine che la prima serie dedicata a Star Wars e attesa su Disney+ sarà The Mandalorian, prevista in uscita sul servizio streaming negli Stati Uniti il 12 novembre prossimo.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Nostalgia: perché il cinema italiano è Favino-dipendente?

Nostalgia di Martone è l'ennesimo film che si affida al talento di Pierfrancesco Favino: perché il cinema italiano non riesce a fare a meno di lui?
Autore: Elisa Giudici ,
Nostalgia: perché il cinema italiano è Favino-dipendente?

Già nel 2007 la serie Boris fotografava la dipendenza del cinema italiano da Pierfrancesco Favino. La "fuoriserie italiana" non a caso è un grande specchio del mondo culturale e cinematografico italiano: ha dimostrato in innumerevoli occasioni di prevedere il futuro con precisione stupefacente, rivelandosi sempre più amaramente attuale ogni anno che passa. 

Nella terza stagione di Boris, il personaggio del comico Martellone spiega di non essere riuscito a ottenere alcuna parte di rilievo in tempi recenti a causa di Pierfrancesco Favino, che fagociterebbe tutte le parti importanti e interessanti a disposizione. Quindici anni dopo questa scena di Boris è più attuale che mai. Basta pensare che due dei ruoli maschili più ficcanti e di pregio presenti nei film italiani inviati al Festival di Cannes nelle ultime edizioni - quello di Felice in Nostalgia di Mario Martone e quello di Tommaso Buscetta nel film di Marco Bellocchio Il traditore (2019) - sono interpretati proprio da Favino.

Sto cercando altri articoli per te...