Super Bowl, Raya fa il primo passo e incontra il drago Sisu nel nuovo spot TV del film

Autore: Elisa Giudici ,
Disney+
2' 19''
Copertina di Super Bowl, Raya fa il primo passo e incontra il drago Sisu nel nuovo spot TV del film

Disney si conferma lo studios protagonista di un Super Bowl decisamente dimesso dal punto di vista degli spot dedicati a cinema e serie TV, come da previsioni della vigilia. Complice un buon numero di uscite imminenti da mettere in luce, la Casa del Topo ha approfittato dello scarso interesse di vecchi e nuovi avversari per comprare spot dedicati alle sue prossim uscite, senza osare troppo per titoli e contenuti. Oltre al trailer ironico di The Falcon and the Winter Soldier, è stato realizzato un breve spot di 30 secondi dedicato a Raya e l’ultimo drago. 

Nel lungometraggio animato - il cinquantanovesimo nel canone ufficiale di casa Disney -la protagonista Raya vive nel mondo Kumandra, una realtà fittizia in cui l'umanità è stata sull'orlo dell'estinzione. A salvare tutti gli umani 500 anni prima sono stati i draghi, sacrificando la loro stessa esistenza. Un tempo infatti gli esseri umani e le creature mitologiche convivevano pacificamente, ma i draghi hanno finito per sacrificarsi per salvare tutti da un’incombente minaccia. 

Advertisement

Advertisement

Raya si allena da tutta la vita per diventare la custode della gemma del Drago, ma le sue aspettative vengono disillusie. Questo spot è incentrato sulle divisioni tra esseri umani. La situazione infatti è cambiata: i vari gruppi che abitano i territori di Kumandra sono divisi contro un nemico comune, tanto che l'umanità rischia di nuovo di soccombere e scomparire. Meno incentrato sull’azione e le doti da combattente della protagonista ancora ragazzina, questo spot è più incentrato su Raya da giovane adulta e sul rapporto con Sisu, il drago con il potere dell’acqua (del ghiaccio?) che si unisce a lei per difendere il mondo dagli attacchi del terribile mostro Druun.

Raya e l'impegno per la diversità di Disney

Diretto dal duo Carlos López Estrada e Don Hall e ispirato dalle approfondite ricerche (anche in loco) del team di produzione nelle nazioni asiatiche di Thailandia, Vietnam, Cambogia, Birmania, Indonesia, Filippine e Laos (come spiegato in questo pezzo introduttivo alla pellicola) Raya e l’ultimo drago avrà in originale un cast di doppiatori stellari, a cominciare dalla protagonista e da Sisu, rispettivamente doppiate da Kelly Marie Tran e Awkwafina.

Raya e l'ultimo drago Raya e l'ultimo drago 500 anni fa la nazione di Kumandra univa popoli differenti sotto il pacifico presidio dei Draghi. Finché i Druun, entità malvagie, non si sono diffusi tra gli uomini, agevolati dalla ... Apri scheda

Raya stabilisce anche un importante traguardo: si tratta anche del primo film animato Disney che vede per protagonista una donna originaria del sud est asiatico. Il film d’animazione, ispirato alle culture del sud est asiatico e dalla forte componente action, arriverà in contemporanea su Disney+ e nelle sale cinematografiche se aperte (in Italia e negli Stati Uniti) il 5 marzo 2021

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Golden Globe 2022, le nomination: dominano Succession e Belfast

Sono state rivelate le nomination ai Golden Globe 2021. A dominare le categorie delle serie TV è Succession, mentre per il Cinema i titoli che spiccano per numero di candidature sono Il potere del cane e West Side Story.
Autore: Manuela Greco ,
Golden Globe 2022, le nomination: dominano Succession e Belfast

In diretta da Beverly Hilton, a Beverly Hills, sono state annunciate le nomination ai Golden Globe 2022, la cui cerimonia di premiazione verrà trasmessa il prossimo 9 gennaio. A svelare i nominati Helen Hoehne, presidente della Hollywood Foreign Press Association (HFPA) e il rapper Snoop Dogg.

A dominare Belfast, Il potere del cane e West Side Story per quanto riguarda il cinema, Succession per le serie TV. Tra i candidati alla statuetta per il miglior film straniero anche l'italiano Paolo Sorrentino, con È stata la mano di Dio.

Sto cercando altri articoli per te...