Suspiria, le prime proiezioni: lodi dalla critica ma parte del pubblico abbandona la sala

Autore: Simona Vitale ,
Copertina di Suspiria, le prime proiezioni: lodi dalla critica ma parte del pubblico abbandona la sala

Nei giorni scorsi, nel corso di un'intervista, il regista Luca Guadagnino aveva parlato del suo ultimo film, Suspiria, augurandosi che la pellicola potesse rivelarsi per gli spettatori l'esperienza più inquietante possibile.

Presentato in anteprima mondiale al Festival Internazionale del Cinema di Venezia, il remake dell'omonimo cult horror portato al successo da Dario Argento nel 1977 ha colpito non poco il pubblico presente in sala, guadagnandosi lodi da parte della critica e ben 7 minuti di standing ovation.

Advertisement

Tuttavia, sembra esserci stato anche il rovescio della medaglia, dal momento che una parte del pubblico ha abbandonato la sala durante la proiezione del film che vede come protagoniste Dakota Johnson e Tilda Swanton.

Non solo. Alcuni presenti avrebbero addirittura fischiato durante i titoli di coda finale. Come riportato da MovieWeb, alla base delle forti reazioni che hanno diviso il pubblico di Suspiria potrebbe esserci la violenza portata sul grande schermo.

Sembra che Luca Guadagnino, già candidato all'Oscar 2018 con Chiamami col tuo nome, abbia realizzato un film così terrificante da essere capace di suscitare delle vere e proprie emozioni fisiche. Per alcuni il remake di Suspiria può essere considerato il miglior film horror del 2018, altri, invece, non sono affatto d'accordo con tale affermazione.

Secondo Andreas Wiseman di Deadline, la première di Suspiria non ha rivelato grandi sorprese.

In un tweet, l'esperto ha scritto:

[twitter id="1035818160740610048"]

Advertisement

La risposta alla proiezione di Suspiria è stata esattamente quella prevista. Applausi ma anche fischi. Un certo numero di persone con cui ho parlato mi ha detto che gli è piaciuto. 'Pazzesco, interessante, bellissimo, molto diverso dall'originale. Gli altri si sono spenti'. Polarizzante.

Uno spettatore presente alla première di Suspiria ha trovato il film "opaco e incolore", aggiungendo come non sia stato "molto rispettoso" del film originale di Dario Argento, pur non definendolo un "disastro".

Advertisement

Ancora, un altra spettatrice ha scritto su Twitter:

[twitter id="1035820691285786624"]

Così apparentemente #Suspiria ha avuto fischi, applausi, astensioni e altri fischi. Il miglior film di tutti i tempi è arrivato. 

In molti sembrano almeno essere d'accordo sulla brillante interpretazione di Dakota Johnson nei panni di Susie Bannion, con uno spettatore che è arrivato a dire come quella di Suspiria sia l'interpretazione più "gloriosa" dell'attrice, che ha raggiunto la fama mondiale interpretando Anastasia Steele nella trilogia di Cinquanta Sfumature di Grigio.

Ambientato nella città di Berlino nel 1977, Suspiria vede come protagonista la ballerina statunitense Susie Bannion, da poco ammessa in una prestigiosa compagnia di danza. Il suo arrivo, però, coincide con la scomparsa di un'altra ballerina e, mentre inquietudine e misteri sembrano avvolgere cupamente la compagnia di danza, Susie comincia a credere che la scuola possa nascondere degli orribili segreti.

Nel cast della pellicola di Guadagnino, oltre a Dakota Johnson, incontriamo: Chloë Grace-Moretz, Tilda Swinton, Mia Goth, Sylvie Testud, Angela Winkler, Małgosia Bela e Lutz Ebersdorf.

Advertisement

Suspiria arriverà nei cinema statunitensi il 26 ottobre 2018.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...