Sweet Tooth, il fumetto post-apocalittico DC diventerà una serie TV per Netflix

Autore: Giuseppe Benincasa ,
Netflix
1' 34''
Copertina di Sweet Tooth, il fumetto post-apocalittico DC diventerà una serie TV per Netflix

Robert Downey Jr, il Tony Stark del Marvel Cinematic Universe, produrrà insieme alla moglie Susan l'adattamento della serie a fumetti Sweet Tooth per Netflix.

I fumetti di Sweet Tooth, però, non sono targati Marvel bensì DC Comics sotto l'etichetta Vertigo.

Advertisement

La storia di Sweet Tooth raccontano di Gus, un ragazzo ibrido uomo/animale che vive in un'epoca post-apocalittica.

Prodotto Consigliato 13.95€ da Amazon 13.95€ da VERTIGO HITS

Gus è cresciuto in isolamento a causa di una pandemia che ha colpito gli Stati Uniti d'America (suona familiare?) ma, quando muore il padre, decide di partire all'avventura in un mondo che non conosce. Durante il suo cammino incontrerà diversi personaggi con i quali cercherà di scoprire cosa ha causato tutto ciò.

L'annuncio della serie TV su Netflix è stato dato sul proprio profilo Instagram dall'attore Robert Dwoney Jr., come si può vedere qui sotto:

Advertisement

Come riporta il sito Deadline, l'attore James Brolin (sì, il papà di Josh) sarà il narratore dello show, che potrà contare tra i suoi interpreti su Christian Convery (già visto in #Beautiful Boy), Nonso Anozie (#Panama Papers), Adeel Akhtar (#Les Misérables) e Will Forte (#The Last Man on Earth).

Netflix ha ordinato 8 episodi da un'ora per la prima stagione.

La sceneggiatura sarà affidata a Jim Mickle e allo showrunner della serie TV #Arrow, Beth Schwartz. I due, inoltre, saranno entrambi showrunner e produttori. Mickle sarà il regista.

Advertisement

Quest'ultimo in passato ha firmato la regia di film come #Cold in July - Freddo a luglio nel 2014 e del fantascientifico #All'ombra della Luna nel 2019.

Il fumetto di origine, pubblicato tra il 2009 e il 2012 negli Stati Uniti, ha già concluso la sua storia con il 40esimo volume. Jeff Lemire ha curato sia la storia che i disegni.

Precedentemente opzionato dal servizio streaming americano Hulu, l'adattamento per il piccolo schermo di Sweet Tooth doveva avvenire nel 2018 ma, per qualche ragione non rivelata, la serie non è mai veramente entrata in produzione.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

Altre 300 persone hanno perso il lavoro a causa della crisi Netflix, che comunque continua a investire su prodotti originali.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

È la stessa azienda ad annunciarlo. Netflix ha purtroppo licenziato altri 300 dipendenti, dopo averne "mandati a casa" 150 il mese scorso. Si tratta di un nuovo taglio del personale pari al 3% della forza lavoro dell'azienda che conta circa 11 mila dipendenti.

La dichiarazione di un portavoce di Netflix ha fatto sapere che:

Sto cercando altri articoli per te...