Taika Waititi realizzerà due serie animate Netflix su La fabbrica di cioccolato

Autore: Matteo Tontini ,
Netflix
1' 57''
Copertina di Taika Waititi realizzerà due serie animate Netflix su La fabbrica di cioccolato

Taika Waititi sta realizzando per Netflix due serie animate tratte dalle storie di Roald Dahl: una sarà incentrata sui personaggi di Charlie e La fabbrica di cioccolato, l'altra sul mondo degli Umpa Lumpa. La notizia è stata data dal profilo Twitter ufficiale del colosso dello streaming.

Advertisement

Waititi non sarà riuscito a vincere l'Oscar al miglior film con il suo Jojo Rabbit, ma si è comunque portato a casa la statuetta alla Migliore sceneggiatura non originale ai recenti Academy Awards e adesso si gode la possibilità di lavorare per Netflix. Una prospettiva che sembra allettante, soprattutto perché il servizio streaming ha deciso di dargli totale libertà: il regista neozelandese non solo dirigerà, ma produrrà e scriverà anche entrambe le serie animate.

Dal romanzo di Roald Dahl, Charlie and the Chocolate Factory, sono stati tratti due adattamenti cinematografici: Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, film del 1971 diretto da Mel Stuart; e La fabbrica di cioccolato, pellicola del 2005 diretta da Tim Burton (con Johnny Depp come interprete principale). In entrambe le produzioni fanno la loro comparsa gli Umpa Lumpa, minuscoli ometti con la passione per il canto che lavorano come operai nella fabbrica di Willy Wonka. Sono indigeni molto fedeli e vengono pagati in fave di cacao.

Advertisement

A proposito del progetto, Netflix ha dichiarato:

Gli show manterranno lo spirito e il tono della storia originale, costruendo per la prima volta un mondo e dei personaggi che vanno ben oltre le pagine del libro di Dahl.

Il gigante dello streaming ha rivelato inoltre che la collaborazione con Taika Waititi a queste due serie segna l'inizio di una "partnership più ampia" con The Roald Dahl Story Company, attraverso cui saranno re-immaginate molte delle storie di Dahl, tra cui Matilde, Il GGG, Gli Sporcelli e altri ancora. A distanza di trent'anni dalla sua morte, Dahl rimane uno degli autori di romanzi per bambini più venduti al mondo, con oltre 300 milioni di copie di libri venduti.

A proposito di Taika Waititi, Marvel ha confermato il regista per dirigere un quarto film dedicato a Thor, dal titolo Thor: Love and Thunder (che scriverà anche). Nel 2020 dovrebbe uscire inoltre il suo film Next Goal Wins, basato sulla vita dell'allenatore di calcio Thomas Rongen.

"Taika Waititi" by Gage Skidmore is licensed under CC BY-SA 2.0 

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza surreale [RECENSIONE]

Leggi la recensione del lungometraggio Blonde dedicato alla vita di Marilyn Monroe, disponibile su Netflix dal 28 settembre 2022.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza surreale [RECENSIONE]

La prima cosa da sapere prima di guardare su Netflix Blonde è che questo è in tutto e per tutto un film e non un documentario sulla vita di Marilyn Monroe. Quindi i fatti, narrati dallo sceneggiatore e regista Andrew Dominik e basati sul romanzo omonimo di Joyce Carol Oates, "prendono in prestito" dalla vita della bionda più famosa del cinema alcuni momenti di vita personale e pubblica. Su di essi è stata costruita una storia drammatica e in parte sconvolgente, soprattutto per chi si è sempre fermato all'abbagliante immagine di Marilyn Monroe senza documentarsi oltre.

Blonde ha lo scopo di portare alla luce la doppia vita di Marilyn: la star bella e appariscente e la donna estremamente fragile che le ha dato vita. Marilyn Monroe nasce come Norma Jeane ma le due personalità sono completamente all'opposto, separate da pensieri, atteggiamenti e parole. Norma è una bambina cresciuta senza un padre e con una madre rancorosa, lei è sempre stata una donna sola mentre Marilyn è sempre stata circondata da ammiratori, fotografi e amanti. Norma Jeane non ha mai avuto un vero e proprio disturbo dissociativo della personalità, o almeno non le è mai stato diagnosticato, ma il distacco emotivo vissuto da Norma verso Marilyn è stato sempre più forte e forse decisivo anche nella sua dipartita.

Sto cercando altri articoli per te...