The Batman, le teoria dei fan secondo cui il logo sulla Batsuit è l'arma di Joe Chill

Autore: Matteo Tontini ,
Copertina di The Batman, le teoria dei fan secondo cui il logo sulla Batsuit è l'arma di Joe Chill

Il regista Matt Reeves ha mostrato per la prima volta il Batman di Robert Pattinson, in un filmato che pone l'attenzione sul costume dell'Uomo Pipistrello. La pellicola in cui reciterà l'ex vampiro di Twilight, intitolata The Batman, uscirà a giugno 2021 e vedrà nel cast anche Zoë Kravitz (Catwoman), Paul Dano (l'Enigmista) e Colin Farrell (il Pinguino).

È bastato poco ai fan per notare una chiara influenza della serie di videogiochi Batman: Arkham sul costume del nuovo film, specie per quanto riguarda la zona toracica. La maschera, invece, sembrerebbe richiamare il Batman di Adam West, con una cucitura lungo il naso. A destare maggiore interesse potrebbe tuttavia essere il simbolo sul petto, che raffigura ancora il pipistrello ma in modo diverso dal solito. A differenza dei costumi precedenti, infatti, in cui i chirotteri avevano stili e dimensioni diverse, quello di Matt Reeves è il più singolare.

Advertisement

Il logo del Batman di Robert Pattinson

Matt Reeves / Twitter
Il simbolo del Batman di Robert Pattinson
Il simbolo del Batman di Robert Pattinson

Come è possibile notare, il simbolo presenta il volatile notturno senza la testa tra le due ali, forse per la prima volta nella lunga storia del supereroe di Gotham. I fan hanno ovviamente iniziato a formulare teorie al riguardo. Che il logo possa essere un utilizzato come gadget? Difficile dirlo, ma molti pensano anche che abbia un significato più profondo.

Sebbene non ci sia nulla di confermato, è possibile che il logo sulla Batsuit sia composto da pezzi di un'arma da fuoco, che vanno a costruire le "ali" del pipistrello. Due metà identiche, che potrebbero essere la compatta cassa di un fucile. Per chi non lo sapesse, la cassa è la parte che unisce le varie componenti e permette la presa, il puntamento e il tiro.

Advertisement

[twitter id="1228143756634984448"]

I fan credono che si tratti dell'arma usata da Joe Chill per uccidere Thomas e Martha Wayne: questo renderebbe la morte dei genitori di Bruce un po' diversa, perché nel fumetto perdono la vita sotto i colpi di una pistola.

Utilizzando quindi un'arma di dimensioni maggiori è possibile che, nella visione di Matt Reeves, Joe Chill abbia eliminato gli Wayne in circostanze differenti e non in una semplice rapina in un vicolo. Non sarebbe la prima volta, a ogni modo, che vedremmo Batman includere nel costume l'arma che ha ucciso i suoi genitori.

Un riferimento nel fumetto

Nel capitolo "Manufacture for Use", all'interno del numero 1000 del fumetto Detective Comics, Bruce Wayne compra la pistola usata da Joe Chill in un squallido banco dei pegni di Gotham. Come è possibile leggere nel tweet riportato di seguito, il protagonista decide allora di fondere il metallo della pistola per dargli la forma di pipistrello e cucirlo alla Batsuit.

Advertisement

[twitter id="1228119293683888130"]

In un monologo straziante, Bruce parla di come "lo stesso metallo che ha ferito il suo cuore da bambino, lo proteggerà da adulto".

Cosa ne pensate del simbolo sul torace del Batman di Matt Reeves? Secondo voi, potrebbe davvero trattarsi dell'arma che ha ucciso i genitori di Bruce?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...