The Happy Prince, il trailer dell'ultimo ritratto di Oscar Wilde

Autore: Claudio Rugiero ,

Dopo Stephen Fry (che lo aveva interpretato nel 1997 in Wilde di Brian Gilbert), un altro attore britannico - peraltro ben più affermato - affronta la figura del celebre autore de Il ritratto di Dorian Gray.

L'attore in questione è Rupert Everett, impegnato questa volta nel doppio ruolo di interprete e regista del biopic The Happy Prince - L'ultimo ritratto di Oscar Wilde

Advertisement

Il film arriverà nelle sale italiane il prossimo 12 aprile distribuito da Vision Distribution. Per Everett si tratta dell'esordio alla regia.

Poster italiano di The Happy Prince di e con Rupert Everett

Come potete vedere nel trailer italiano all'inizio di questo articolo, The Happy Prince non si limiterà alla semplice esaltazione del genio letterario di Wilde (definito come "il genio della commedia, il poeta del romantico e il maestro della tragedia"), ma cercherà di scavare ben oltre la figura comunemente acclamata e universalmente conosciuta. 

Ben fotografato da John Conroy (già autore della fotografia di diverse serie TV quali #Luther e Penny Dreadful), il film traccia un ritratto inedito del lato più intimo di un genio che visse e morì per amore. 

"Io devo amare ed essere amato, qualunque sia il prezzo da pagare" si sente dire nel trailer, una frase che riassume molto bene la travagliata vita di Wilde e che presagisce la lettura proposta da Everett di uno dei più celebri personaggi della letteratura britannica e internazionale.

Advertisement

Il cast di The Happy Prince include Rupert Everett nel ruolo di Oscar Wilde, il premio Oscar Colin Firth, Edwin Thomas, Colin Morgan, Emily Watson e Tom Wilkinson.

The Happy Prince, la trama ufficiale

Durante i suoi ultimi giorni di vita, Oscar Wilde si trova a ripensare alle passioni che l’hanno travolto e alla sete d'amore che ha dominato gran parte della sua giovinezza.

Tra i ricordi che affiorano: la sua relazione con Lord Alfred Douglas, le sue fughe attraverso l’Europa, ma soprattutto il rimorso nei confronti della moglie Constance, segnata dallo scandalo seguito dall’ingiusta condanna dell'omosessualità dello scrittore.

Advertisement

Gallery: The Happy Prince - L'ultimo ritratto di Oscar Wilde

Ad accompagnarlo in questo ultimo viaggio l’amore del critico letterario Robbie Ross, che gli resterà accanto fino alla fine, e l’affetto del suo più caro amico Reggie Turner.

Il confronto con una figura reale e unanimemente osannata è sempre una grande sfida, ma guardando le immagini e il trailer di The Happy Prince la qualità non sembra certo mancare.

Che ne pensate? Lo andrete a vedere?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Leggi per scoprire le nuove rivelazioni, in merito al polverone che i dipendenti VFX hanno alzato contro Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Da oltre un decennio attraverso il Marvel Cinematic Universe, ci siamo appassionati nel vedere anche sullo schermo i supereroi di carta, che da sempre ci hanno regalato grandi emozioni con le loro storie a fumetti.
Tanti racconti diversi, su quelle che da semplici persone comuni, per svariati motivi da un giorno all'altro si sono ritrovate ad avere superpoteri e abilità particolari.
Ed ecco quindi che possiamo vedere Iron Man sfrecciare nel cielo con le sue armature, Thor mentre si teletrasporta da un mondo all'altro, Wanda che altera la realtà costruendo scenari immaginari e Wasp che si rimpicciolisce o ingrandisce ogni volta che una situazione lo richiede.
Ma affinché tutto questo sia possibile, dietro c'è un grande lavoro fatto da altri tipi di eroi: gli eroi invisibili.

Come spettatori, siamo da sempre abituati a ricevere il prodotto finito, giudicando solo ciò che vediamo sullo schermo.
Ma poche volte ci soffermiamo a domandarci quante persone, quante ore di lavoro, quanti sacrifici siano stati impiegati su ogni singolo pixel; perché un puzzle, per essere completo, ha bisogno di ogni suo pezzo al posto giusto.
Questa è una regola che vale in ogni ambiente e in ogni contesto. Ma purtroppo l'era del consumismo ci ha abituati a essere troppo superficiali; e con la scusante de "il cliente ha sempre ragione", valutiamo soltanto i contenuti finali, senza mai fare un percorso a ritroso per capire la storia che c'è dietro a quel contenuto. 
Ed è proprio sul binomio domanda-offerta che ruotano il mondo dell'economia e di tutti i settori annessi, incluso quello dell'intrattenimento. Perché è chiaro che se il consumatore non ottiene ciò che vuole, si rischia un flop; e di conseguenza, va sempre accontentato.

Sto cercando altri articoli per te...