The Last Duel, la recensione: il femminismo (pasticciato ma spettacolare) dei cavalieri di Ridley Scott

Autore: Elisa Giudici ,
Recensioni
4' 20''
Copertina di The Last Duel, la recensione: il femminismo (pasticciato ma spettacolare) dei cavalieri di Ridley Scott

Per le scene d’azione, gli scontri, l’arme e i cavalieri si può sempre contare su sir Ridley Scott, che a 81 anni si dimostra ancora un regista di grande dinamismo e capacità di narrare l’azione per immagini con chiarezza e spettacolarità: il suo gusto in fatto di sceneggiature non è propriamente fine (almeno negli ultimi anni), ma è un nome inossidabile della vecchia guardia, che sa sempre portare a casa il risultato dal punto di vista registico. 

In The Last Duel al centro della storia c’è una delle componenti cinematografiche che meglio gli riescono: il combattimento, lo scontro corpo a corpo. Il duello del titolo è quello che si consuma in apertura tra due cavalieri a cavallo impegnati a disarcionarsi a vicenda a singolar tenzone. Non si tratta di giostre di cavalleria: in ballo c’è la vita dei contendenti e l’onore di una dama. 

Advertisement

The Last Duel The Last Duel 1386. Dopo essere tornato dalla guerra, il cavaliere Jean de Carrouges (Matt Damon) scopre che sua moglie Marguerite (Jodie Comer) è stata violentata dallo scudiero e suo amico Jacques Le ... Apri scheda

La trama di The Last Duel

Dopo aver assistito alle prime, concitate fasi dello scontro tra i due cavalieri, il film entra nel novero del perché i due si stiano scontrando. Esistono tre versioni della storia, tre verità discrepanti non tanto su cosa sia successo, ma sull’interpretazione da dare ai fatti. Fatti che si sono svolti nella Francia medioevale del 1386, in cui una nobildonna sposata ebbe il coraggio di denunciare presso la corte un cavaliere che le aveva usato violenza in assenza del marito. Lui - Matt Damon, lei - Jodie Comer, l’altro - Adam Driver: il film triangola la storia raccontandoci quanto avvenuto dal punto di vista di tutti e tre.

Nel mezzo ci sono vari personaggi minori, tra cui un Ben Affleck ironico (ridicolo?) che interpreta un conte dai capelli biondo ossigenati che parteggia per lo scudiero invaghitosi della donna convolata a nozze con l’ex amico; tra i due protagonisti ci sono stati parecchi dissapori di carattere economico e personale, che complicano ulteriormente la vicenda. 

Disney

Matt Damon e Jodie Comer
Le stesse scene vengono spesso ripetute per rileggerle alla luce dei sentimenti di diversi protagonisti

The Last Duel segna infatti il ritorno dei migliori amici di Hollywood, gli inseparabili Matt Damon e Ben Affleck, che dopo tanti anni indossano di nuovo le vesti di sceneggiatori, affiancati da Nicole Holofcener. L’appeal di questa storia è evidente. È presumibile che "l’ultimo duello di Dio" legittimato dalla legge francese dieci anni fa sarebbe stato raccontato come uno scontro tra inseparabili amici divisi da una bega amorosa piantata dalla moglie di uno dei due e divenuta seme della tragedia. Dopo il #MeToo la storia di Marguerite de Carrouges è invece quella di una donna coraggiosa, che sfida il giudizio della corte (e mette in pericolo la sua stessa vita) per ottenere giustizia. 

Femminismo dell’ultima ora

Intenzione lodevolissima, quella di The Last Duel, se il tempismo e le modalità con cui viene presentata non fossero tanto sospette. Cinque, dieci anni fa un film di questo tipo sarebbe stato dirompente: una pellicola che tra i tre contendenti dà pari se non maggior dignità alla voce di una donna offesa e che ha subito violenza, costretta a essere giudicata virtuosa o bugiarda in base all’esito di un duello. Il modo in cui il film si proclama spudoratamente dalla parte della sua eroina, tratteggiando la sua verità come unica possibile in quanto sua, suona eccessivamente partigiano e fasullo. Non che non sia credibile - anzi, è scoraggiante notare i tanti punti in comune tra quella vicenda e quelle di sette secoli più tardi - ma non è mettendo la protagonista su un piedistallo (e lasciandola a margine della vicenda sino alla parte conclusiva del film) che si diventa femministi. 

Disney

Jodie Comer a cavallo
Jodie Comer e Adam Driver si rivelano interpreti credibili nei panni di francesi medioevali ed eccellenti

The Last Duel sembra terribilmente concentrato a farsi inserire nella lista dei buoni, a non essere quel tipo di film anche se parla di quel tipo di uomini. Le sue buone intenzioni però risultano in scelte pasticciate e goffe. L’intera ricostruzione medioevale di una certa qual pregevolezza rischia sempre d’incrinarsi di fronte a un’eroina che ha battute e atteggiamenti che sembrano troppo moderni. Le sue battute sembrano tweet. Per mia ignoranza mi sono ritrovata a chiedere se una nobildonna impeccabilmente educata sin da giovanissima età avrebbe per esempio usato una parola come “rape” (stupro) nella Francia medioevale.

Advertisement

Amo molto quando un film mostra una modernità e una certa qual spregiudicatezza che non assoceremmo mai a determinate epoche storiche (principalmente per nostra scarsa conoscenza e pregiudizi), ma The Last Duel non fa nulla per fugare nello spettatore il dubbio che la sua protagonista parli così perché è il linguaggio utilizzato dalle “donne forti” nell’era post #MeToo. 

The Last Duel: promossi e bocciati

Al contrario di Benedetta di Paul Verhoeven, le cui scene più spregiudicate sono prese parola per parola dai documenti storici dell’epoca, The Last Duel sembra spesso piegato alle logiche attualissime di chi vuole assicurarsi di stare dalla parte giusta. Per fortuna tra questi “riparatori” non si annovera Ridley Scott, a cui viene messa tra le mani una pellicola ricolma di scene di battaglia e che culmina in un lunghissimo, cruento duello: passaggi che controlla alla perfezione

Disney

Adam Driver in The Last Duel
Adam Driver in The Last Duel interpreta lo scudiero accusato di stupro

Se come temuto Matt Damon e Ben Affleck non sono gli interpreti più credibili e capaci nei panni di cavalieri medioevali francesi, Adam Driver e Jodie Comer sono così convincenti (e talentuosi) da controbilanciarli alla perfezione. 

70
Da The Last Duel a uscirne meglio è Ridley Scott, che si ritrova per le mani una pellicola ricca di combattimenti e scene action dove il regista ritorna in grande spolvero. Il resto è pasticciato.
Tag correlati
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Venezia 2021 sarà eccezionale: 5 cose da sapere e meritevoli di hype sulla Mostra del cinema

La Mostra del cinema di Venezia scopre le sue carte e promette un'edizione davvero eccezionale: il programma, i film da non perdere e i titoli da tenere d'occhio annunciati oggi in conferenza stampa.
Autore: Elisa Giudici ,
Venezia 2021 sarà eccezionale: 5 cose da sapere e meritevoli di hype sulla Mostra del cinema

Dopo essere stata l'unico grande Festival a non rinunciare alla kermesse nel pieno della pandemia, Venezia è tornata e ha deciso di non fare prigionieri. Per nulla impressionata dal dispiegamento di forze dell'edizione estiva di Cannes, la Mostra ha annunciato oggi 26 luglio 2021 il suo ricchissimo programma, decisa ad insidiare il primato francese di "festival cinematografico più prestigioso al mondo". 

Basta scorrere la lista dei film in corsa per il Leone d'Oro e in anteprima mondiale per capire che il direttore Alberto Barbera vuole lanciare un messaggio forte e chiaro al mondo cinematografico ancora in corso di assestamento e ridefinizione: la 78esima edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia sarà una vetrina irrinunciabile e un passaggio obbligato per i cinefili di tutto il mondo. Dopo qualche tentennamento, sia la vecchia Hollywood sia Netflix e gli altri grandi produttori "streaming" sono tornati a giocarsi i film migliori della stagione al Lido. 

Sto cercando altri articoli per te...