The Last Man On Earth: su FoxComedy una serie da… fine del mondo

Autore: Chiara Poli ,

La prima stagione di #The Last Man On Earth, la serie di e con Will Forte in onda su FoxComedy il martedì alle 22.45, nei panni di un uomo che si trova da solo dopo che un’epidemia ha sterminato la popolazione mondiale, partiva da un principio molto semplice: l’ultimo uomo rimasto sulla Terra era un inetto. Phil Miller è uno che riempie una piscina gonfiabile di superalcolici e ci fa il bagno, mentre beve da una cannuccia. Uno che, ispirandosi al Tom Hanks di Cast Away, crea un’intera squadra di amici fatta di palloni con sopra disegnata una faccia. Uno che non brilla per intelligenza, né inventiva. Uno che, quando incontra l’ultima donna rimasta sulla Terra, si rende conto che è una rompiscatole. E non è una supermodella...

Carol Pilbasian (Kristen Schaal) pretende che Phil rispetti gli stop, alla guida, anche se al mondo non c’è nessun altro. Non accetta di fare sesso con lui - e l’unico scopo nella vita di Will è fare sesso - senza prima sposarlo: devono ripopolare la terra, il loro compito è troppo importante per non essere ufficializzato. Così Will, pur di portarla a letto, accetta di sposarla… Per poi scoprire che ci sono altri sopravvissuti. A cominciare da una bionda mozzafiato, Melissa (January Jones), che Will fa di tutto per circuire.

Advertisement

Advertisement
The Last Man on Earth: il cast
January Jones, Will Forte e Kristen Schaal in The Last Man on Earth

La serie si serve dell’ironia, di un’ironia provocatoria e geniale, per riflettere sulla natura, sui valori e sulle aspirazioni dell’uomo contemporaneo: la fine del mondo non è triste. Non è tragica. Semplicemente, è l’occasione per fare tutto ciò che nessuno ha mai potuto fare prima.

Trasferirsi in una villa con piscina (e usare la suddetta piscina come WC), rubare opere d’arte da appendere alle pareti, mostrare veramente il peggio di sé. Perché un uomo insignificante come Phil Miller è sopravvissuto? Per dimostrare che anche nel mondo 2.0 si può crescere, cambiare, imparare il vero valore della vita. L’imprevedibilità dei personaggi - la cui umanità è il vero punto di forza - è il centro nevralgico di questa commedia.

Ciò che conta davvero è come ci si comporta dopo la fine del mondo. Dopo aver mentito, imbrogliato e cercato perfino di uccidere - il tutto al solo e nobile scopo di fare sesso, naturalmente - Phil viene esiliato. Carol lo raggiunge e insieme iniziano una nuova vita. Lei resta stramba e terribilmente ingenua, e lui continua a far danni, ma cambia. Phil Miller cambia. Goffamente, grottescamente, a modo suo. E alla fine può riunirsi al gruppo. Perché l’amicizia, nel mondo 2.0, potrebbe non essere solo “diventare compagni di bacon”…

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Christian Bale: "Tagliate le scene più estreme di Thor 4"

Scopri cosa ha dichiarato Christian Bale sulle scene del suo personaggio tagliate dalla versione finale di Thor: Love and Thunder.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Christian Bale: "Tagliate le scene più estreme di Thor 4"

Christian Bale ha interpretato Gorr nel film Thor: Love and Thunder, disponibile su Disney+. Molti Marvel fan hanno lodato la sua interpretazione e lo annoverano fra i cattivi più memorabili del Marvel Cinematic Universe (MCU). In una recente intervista a Inverse, l'attore premio Oscar ha svelato che alcune scene che aveva girato sono state tagliate dal montaggio finale, perché troppo forti ed estreme.

Bale non ha svelato precisamente cosa accadeva nelle parti eliminate del film Thor: Love and Thunder. Il famoso interprete ha detto che in alcuni momenti sul set ha improvvisato, portando il suo personaggio di villain a punti tanto estremi che Chris Hemsworth si è preoccupato. Bale ha descritto le eloquenti occhiate del collega, che sembravano voler dire che quelle scene avrebbe reso il film vietato ai minori. Le scene dunque sono state tagliate, ma Bale non si è pentito di averle girate, e ha detto che si è divertito molto a recitarle e che è stata una gioia avere la possibilità di spingere il suo personaggio ai limiti, anche se non c'erano molte possibilità che nella versione finale del film rimanessero le parti in questione.

Nell'intervista viene raccontato anche il momento in cui Christian Bale è stato scelto per interpretate il ruolo di Gorr. L'attore si è preoccupato perché nei fumetti Gorr ha un fisico massiccio e imponente quasi quanto Thor, e non riteneva che il suo fisico fosse paragonabile a quello di Chris Hemsworth, che interpreta Thor nei film MCU. Dunque Christian Bale ha chiesto al regista, Taika Waititi, di adattare Gorr per il mondo cinematografico rendendolo un po' diverso: magro e quasi esile, un personaggio che potesse sembrare venuto da un mondo di ombre. Questa dichiarazione fatta da Bale nell'intervista si accorda a una precedente dell'attore stesso, in cui ha raccontato che aveva preso in esame lo strano costume di Gorr nei fumetti, ed era rimasto preoccupato di proporre un'immagine cinematografica di Gorr in perizoma. Il team al lavoro sul film Thor: Love and Thunder è partito da queste considerazione per elaborare un nuovo look per il villain, che è risultato meno muscoloso e meno svestito, ma sempre molto inquietante. 

Thor: Love and Thunder è disponibile sulla piattaforma streaming Disney+, insieme a uno speciale della serie Assembled che mostra il dietro le quinte del film.

Sto cercando altri articoli per te...