The Last of Us serie TV, ecco la prima differenza con il videogame (confermata dal creatore)

Autore: Gianluca Ceccato ,
News
2' 18''
Fonte
Copertina di The Last of Us serie TV, ecco la prima differenza con il videogame (confermata dal creatore)

Craig Mazin, che è il co-creatore della serie TV HBO The Last of Us, ha rivelato tramite un'intervista per ComicBook la prima differenza tra il videogioco e la sua trasposizione televisiva.

La serie TV HBO The Last of Us, disponibile in Italia su Sky e Now dal 16 gennaio 2023, contiene un cambiamento sostanziale nel veicolo di contagio, che nella serie TV HBO non avverrà più tramite delle spore. Craig Mazin a tal riguardo ha dichiarato:

Advertisement

Nel gioco ci sono questi momenti in cui incontri le spore e devi indossare una maschera antigas. Nel mondo che stiamo creando, se mettiamo le spore nell’aria, sarebbe abbastanza chiaro che si diffonderebbero ovunque e tutti dovrebbero indossare sempre una maschera e probabilmente tutti sarebbero completamente infettati. Quindi, ci siamo sfidati a trovare un nuovo modo interessante per diffondere il fungo, ma soprattutto penso che ci siamo semplicemente connessi con l’anima e lo spirito del gioco. Neil Druckmann, come creatore del gioco, e io, come fan del gioco, ci siamo presi cura di tutti i fan ma anche di tutte le persone che non hanno giocato al gioco e che hanno bisogno di un’esperienza televisiva.

Nel videogioco di Naughty Dog The Last of Us, il fungo di cui parla Mazin è chiamato Cordyceps, questo fungo a causa di una mutazione è diventato in grado di diffondere una gravissima infezione.

L'infezione causata dal fungo Cordyceps colpisce il cervello, facendo diventare gli infettati dei mostri simili a zombi (che potete osservare nelle immagini più belle del trailer HBO di The Last of Us). Questa infezione nel videogioco può essere trasmessa attraverso il morso di un individuo infetto o da spore generate da persone infette morte.

Advertisement

La prima differenza tra la serie TV HBO The Last of Us e il videogioco è quindi quella che coinvolge l'eliminazione del veicolo aereo di contagio, ovvero le spore Cordyceps. Tenendo conto delle parole del co-creatore della serie TV Craig Mazin, supportato dal creatore del videogioco di The Last of Us Neil Druckmann, le spore sono state eliminate per non intaccare la credibilità della vicenda narrata.

Nella serie TV HBO di The Last of Us sarebbe infatti difficile pensare che queste spore mortali non contagino tutti, usando come protezione soltanto delle maschere antigas.

La rimozione del contagio attraverso le spore potrebbe, a mio parere, ridurre la tensione all'interno della serie TV HBO The Last of Us che sarà anche meno violenta del gioco, ma Craig Mazin (reduce dal grandissimo successo di Chernobyl) avrà sicuramente trovato un nuovo modo di raccontare l'epidemia. 

Non resta che aspettare il 16 gennaio 2023 per scoprire se la serie TV The Last of Us sarà all'altezza del videogioco cult da cui è tratta.

Prodotto Consigliato 67.5€ da Amazon

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

The Last of Us, la serie TV introduce i Cacciatori

Leggi per scoprire chi sono i nuovi antagonisti presenti nella serie televisiva The Last of Us introdotti dall'omonimo videogioco con delle interessanti novità.
Autore: Francesca Musolino ,
The Last of Us, la serie TV introduce i Cacciatori

La serie TV The Last of Us tratta dall'omonimo videogioco survival di Naughty Dog, con la messa in onda del suo quarto episodio trasmesso su Sky e NOW TV in contemporanea con HBO, ha introdotto delle novità. In tale episodio fanno il loro ingresso i Cacciatori, personaggi che nel videogame sono soltanto di passaggio fungendo da "ostacoli" lungo la strada. Nella serie TV di The Last of Us invece i Cacciatori non solo hanno una leader con un suo braccio destro, ma sono tutt'altro che semplici comparse.

Nonostante la serie TV punta a mantenere fede alla trama originale del videogame di The Last of Us, ci sono state diverse modifiche finora nel corso della storia sul piccolo schermo. I produttori Neil Drackmann e Craig Mazin hanno già anticipato che la serie TV di The Last of Us offre nuove prospettive, che in un videogioco non è possibile approfondire più di tanto. Come è stato per esempio con la storia di Frank e Bill comparsi nel terzo episodio della serie TV di The Last of Us. Un tipo di scelta che è stata fatta anche con i Cacciatori. 

Sto cercando altri articoli per te...