Di chi è quel sangue? Rivelazioni nel quarto episodio di The Passage

Autore: Chiara Poli ,

Il quarto episodio di #The Passage ha toccato tematiche importanti, che hanno messo in luce nuovi aspetti caratteriali - e morali - dei personaggi.

Innanzitutto #Anthony Carter: sebbene lo scorso episodio ci avesse raccontato le ragioni che avevano spinto Shauna Babcock ad assassinare la madre e il patrigno, la ragazza era colpevole. Ma con Carter le cose sono diverse. Carter era nel braccio della morte per un crimine che non aveva commesso. Condannato alla pena capitale per la morte della donna che amava, poco dopo aver scoperto che lei gli aveva mentito.

Advertisement

Il nostro legame emotivo con i Dodici inizia a crearsi.

Ma è con Amy, con Wolgast e con i primi sintomi del cambiamento nella bambina che abbiamo creato un legame vero.

Amy è la nostra bambina

Siamo tutti genitori, per Amy: la guardiamo attraverso gli occhi di Wolgast. Vogliamo proteggerla, come lui, aiutarla, assicurarci che resti al sicuro (e vogliamo scoprire se il cambiamento di Amy, il soggetto più giovane del test, sarà come quello degli altri).

#Brad Wolgast è il nostro eroe, oltre che l’eroe di Amy: incarna tutte le virtù che vorremmo vedere in un personaggio. E la sua umanità, la sua imperfetta umanità, lo contrappone in maniera netta agli uomini e alle donne del Progetto Noah.

A cominciare da Clark Richards: il suo ex commilitone e amico è l’esatto opposto di Wolgast. Spietato, crudele, dedito agli ordini senza farsi domande.  Ecco perché Babcock ha scelto proprio lui: entrando nella sua mente, mette in crisi tutte le certezze che l’hanno sempre guidato nella vita.

Advertisement

Il dottor Lear

20th Century Fox Television
Il dottor Jonas Lear
Il dottor Jonas Lear

C’è un uomo che rappresenta un’eccezione fra il personale del Progetto Noah: il dottor Jonas Lear sa benissimo di essere dalla parte sbagliata e, al contrario dei suoi colleghi, è pronto a cambiare schieramento e ad aiutare Wolgast. Lear è il volto umano della ricerca, quello che si pone dei dubbi e che - meglio tardi che mai - ammette che ci sono dei limiti invalicabili.

Advertisement

Nonostante l’episodio resti concentrato sull’azione che ruota attorno alle azioni di Paulson, l’umanità - o la sua mancanza - dei personaggi rimane sempre al centro della narrazione

Il primo: Zero

Tim Fanning è il primo, il capostipite di una nuova specie. Il paziente zero dal cui sangue sono stati creati tutti gli altri. Fanning è il leader, il più potente, il più pericoloso. Le azioni di Paulson sono influenzate da lui, Fanning l’ha scelto, ma non aveva fatto i conti con la sua coscienza.

Il disertore vuole semplicemente smettere di essere parte del Progetto Noah, di ciò che sta annientando la sua mente e che minaccia l’intera umanità. Purtroppo, potrà farlo solo nel peggiore dei modi, senza cambiare il destino del mondo.

Ora, però, non è del mondo che ci preoccupiamo. Ora, vogliamo solo una risposta alla domanda che la dottoressa Sykes rivolte a Lear: di chi è quel sangue? Ora vogliamo solo sapere se Lear è stato infettato da Carter, e se anche lui si trasformerà…

Lo scopriremo lunedì prossimo, alle 21.50 con The Passage, solo su FOX!

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Christian Bale: "Tagliate le scene più estreme di Thor 4"

Scopri cosa ha dichiarato Christian Bale sulle scene del suo personaggio tagliate dalla versione finale di Thor: Love and Thunder.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Christian Bale: "Tagliate le scene più estreme di Thor 4"

Christian Bale ha interpretato Gorr nel film Thor: Love and Thunder, disponibile su Disney+. Molti Marvel fan hanno lodato la sua interpretazione e lo annoverano fra i cattivi più memorabili del Marvel Cinematic Universe (MCU). In una recente intervista a Inverse, l'attore premio Oscar ha svelato che alcune scene che aveva girato sono state tagliate dal montaggio finale, perché troppo forti ed estreme.

Bale non ha svelato precisamente cosa accadeva nelle parti eliminate del film Thor: Love and Thunder. Il famoso interprete ha detto che in alcuni momenti sul set ha improvvisato, portando il suo personaggio di villain a punti tanto estremi che Chris Hemsworth si è preoccupato. Bale ha descritto le eloquenti occhiate del collega, che sembravano voler dire che quelle scene avrebbe reso il film vietato ai minori. Le scene dunque sono state tagliate, ma Bale non si è pentito di averle girate, e ha detto che si è divertito molto a recitarle e che è stata una gioia avere la possibilità di spingere il suo personaggio ai limiti, anche se non c'erano molte possibilità che nella versione finale del film rimanessero le parti in questione.

Nell'intervista viene raccontato anche il momento in cui Christian Bale è stato scelto per interpretate il ruolo di Gorr. L'attore si è preoccupato perché nei fumetti Gorr ha un fisico massiccio e imponente quasi quanto Thor, e non riteneva che il suo fisico fosse paragonabile a quello di Chris Hemsworth, che interpreta Thor nei film MCU. Dunque Christian Bale ha chiesto al regista, Taika Waititi, di adattare Gorr per il mondo cinematografico rendendolo un po' diverso: magro e quasi esile, un personaggio che potesse sembrare venuto da un mondo di ombre. Questa dichiarazione fatta da Bale nell'intervista si accorda a una precedente dell'attore stesso, in cui ha raccontato che aveva preso in esame lo strano costume di Gorr nei fumetti, ed era rimasto preoccupato di proporre un'immagine cinematografica di Gorr in perizoma. Il team al lavoro sul film Thor: Love and Thunder è partito da queste considerazione per elaborare un nuovo look per il villain, che è risultato meno muscoloso e meno svestito, ma sempre molto inquietante. 

Thor: Love and Thunder è disponibile sulla piattaforma streaming Disney+, insieme a uno speciale della serie Assembled che mostra il dietro le quinte del film.

Sto cercando altri articoli per te...