The Thief: l'adattamento della saga fantasy di Megan Whalen Turner arriverà su Disney+

Autore: Alessandro Zoppo ,
Disney+
4' 2''
Copertina di The Thief: l'adattamento della saga fantasy di Megan Whalen Turner arriverà su Disney+

Megan Whalen Turner è stata inserita spesso e volentieri nelle liste degli "scrittori fantasy da leggere assolutamente" nell'attesa che George R.R. Martin concluda le Cronache del ghiaccio e del fuoco.

Il potenziale della saga di Queen's Thief (cominciata da Turner nel 1996 e conclusa proprio quest'anno) per un Game of Thrones dal target Young Adult non è sfuggito a Disney.

Advertisement

Il magazine The Hollywood Reporter rende noto che il colosso di Burbank ha opzionato i diritti di The Thief, il primo romanzo della serie, per trasformarlo in uno show destinato ovviamente alla piattaforma streaming Disney+.

L'adattamento porterà la firma di Brian Duffield (il creatore della serie Netflix #La babysitter - Killer Queen, sceneggiatore di #Love and Monsters e #Underwater e già alle prese col mondo YA con #Insurgent) mentre la produzione sarà affidata a Jim Whitaker, veterano di casa Disney da #Il drago invisibile a #Timmy Frana - Qualcuno ha sbagliato.

Ma di cosa parla precisamente The Thief?

La trama

The Thief, pubblicato nel 1996 e inedito in Italia, è il primo libro della saga nota come Queen's Thief.

Candidato alla medaglia Newbery assegnata dalla Association for Library Service to Children, il romanzo racconta la storia di Eugenides, per tutti Gen, un giovane e abile ladro che si "guadagna" da vivere con piccoli furti nel regno di Sounis. Quando Gen ruba il sigillo del Re, finisce in prigione ma riesce ad uscire subito grazie all'intercessione del mago del sovrano.

Lo stregone preleva Gen dalla cella, lo conduce fuori dalla città e comincia un lungo viaggio con lui, gli apprendisti Sophos e Ambiades e il soldato Pol. La loro destinazione è l'Attolia, la regione dove è custodita una pietra preziosa chiamata il Dono di Hamiathes. Il mago vuole che Gen rubi quella gemma per lui: con essa il suo Re potrà rivendicare il dominio sul paese di Eddis. In cambio, il magus offre al ragazzo fama e ricchezze. Tuttavia, se Gem dovesse fuggire o non rispettare i patti, un'enorme taglia sulla sua testa è pronta ad attenderlo.

È così che comincia la missione di Gen tra pericoli, menzogne e macchinazioni politiche.

Advertisement

[twitter id="553309422043557888"]

Chi è Megan Whalen Turner

Classe 1965, Megan Whalen Turner si è laureata in Lingua e letteratura inglese all'Università di Chicago e si è sempre interessata in libri per bambini e ragazzi, sin da quando lavorava per alcune librerie di Chicago e Washington.

Dopo alcuni racconti brevi fantasy, pubblicati nel volume Instead of Three Wishes: Magical Short Stories, Turner ha contribuito con il racconto The Baby in the Night Deposit Box alla raccolta Firebirds: An Anthology of Original Fantasy and Science Fiction.

Advertisement

In un'intervista concessa al sito Shelf Awareness, la scrittrice rivela che i suoi autori preferiti sono Joan Aiken, Diana Wynne Jones, Rosemary Sutcliff, Peter Dickinson e Dorothy Dunnett e che i libri che hanno cambiato la sua vita sono stati Dogsbody di Diana Wynne Jones (la scrittrice inglese de Il castello errante di Howl) e la Guerra del Peloponneso di Tucidide.

Ma il suo libro del cuore quando era una bambina è stato Il principe Caspian di C. S. Lewis, il secondo romanzo nella serie delle Cronache di Narnia.

Le cronache di Narnia - Il principe Caspian Le cronache di Narnia - Il principe Caspian Peter, Edmund, Susan e Lucy a un anno di distanza frequentano la scuola nella Gran Bretagna impegnata nella Seconda Guerra Mondiale. Un giorno il richiamo del corno li proietta nuovamente ... Apri scheda

Advertisement

Turner racconta a Publishers Weekly che l'idea di The Thief arriva da molto lontano.

Ero attratta dallo spunto di un protagonista che viaggia in compagnia di altre persone che lo sottovalutano completamente e non riescono a riconoscere chi sia e cosa sia capace di fare. Ma la storia non è decollata finché non ho trovato l'ambientazione giusta: l'Attolia. Sapevo di volere un paesaggio che non assomigliasse alla Terra di Mezzo, ma che sembrasse ragionevolmente familiare ai lettori.

La scelta è ricaduta sull'antica Grecia "che praticamente studiano tutti i bambini delle scuole elementari degli Stati Uniti".

Ero sicura che un luogo del genere avrebbe acceso la loro immaginazione.

[twitter id="1339338913958293504"]

I libri della saga

The Thief ha conquistato i lettori statunitensi (soprattutto giovani) grazie alla sua formula, che incrocia la tipica narrazione Young Adult con il fascino dell'antica Grecia, i sottogeneri del "colpo grosso" e del "road-movie", una love story dark e romantica e una lotta per il potere degna degli insegnamenti di Machiavelli e Sun Tzu. 

Il ciclo di Queen's Thief include sei libri e si è completato con l'ultimo romanzo, Return of the Thief, pubblicato lo scorso ottobre da Greenwillow Books e diventato best seller del New York Times.

  • The Thief (1996)
  • The Queen of Attolia (2000)
  • The King of Attolia (2006)
  • A Conspiracy of Kings (2010)
  • Thick as Thieves (2017)
  • Return of the Thief (2020)

Sin dall'uscita del primo volume, la saga ha fatto incetta di premi e riconoscimenti prestigiosi.

The Thief è stato inserito negli "Honor Books" della medaglia Newbery e nel 2012 è arrivato al 13esimo posto nella classifica dei Top 100 libri per ragazzi stilata dal School Library Journal.

Prodotto Consigliato 0.00€ da

Cosa ve ne pare di questo fantasy dalla trama così accattivante e promettente?

Con The Thief Disney+ è pronto a lanciare la sfida a Netflix, che con il primo teaser di #Shadow and Bone catapulterà gli spettatori nel GrishaVerse.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

I migliori colpi di scena dei film di M. Night Shyamalan

Scoprite i migliori colpi di scena della filmografia di M. Night Shyamalan, grande utilizzatore di questa consolidata tecnica.
Autore: Max Borg ,
I migliori colpi di scena dei film di M. Night Shyamalan

Quando si pensa a M. Night Shyamalan, viene subito in mente la nozione del colpo di scena, vero e proprio marchio di fabbrica del regista dal 1999, al punto che in alcuni casi, come ad esempio quando è uscito E venne il giorno, parte delle reazioni negative era legata all’assenza di un ribaltamento.

Questi ribaltamenti hanno trasformato Shyamalan in un marchio riconoscibile, anche e soprattutto ai fini del marketing, a volte con applicazioni curiose: nel 2004, uno dei primi trailer di The Village non si limitò a menzionare i film precedenti del cineasta, ma iniziò proprio con delle clip degli stessi, scandendo la cronologia della carriera del regista in seno alla Disney in quegli anni. 

Sto cercando altri articoli per te...