The Walking Dead 9: anticipazioni su Negan. E sì, ci sarà la Fiera!

Autore: Chiara Poli ,

La fonte è più che autorevole: Angela Kang, la showrunner di #The Walking Dead, ha parlato delle novità per la seconda parte della stagione 9 - su FOX dall’11 febbraio - durante un’intervista a Entertainment Weekly 

Dopo aver parlato del vuoto al potere lasciato da Jesus - che verrà colmato in parte da Tara, fidato braccio destro del leader di Hilltop - la Kang ha confermato la presenza di diversi flashback per raccontare specifici eventi passati utili a comprendere chi siano i personaggi e perché sono diventati come sono.

Advertisement

Ma la domanda più scottante è quella sulla Fiera (the Harvest Festival - il raccolto - in originale, l’evento che i lettori del fumetto conoscono fin troppo bene).

Sì, vedremo la Fiera. Diventa parte della storia per la seconda metà della stagione nove. Ci siamo davvero immersi nell’idea di cosa questo festival rappresenti per i nostri personaggi. Le origini di questo tipo di fiere del commercio derivavano da comunità lontane che avrebbero intrapreso un viaggio per scambiare beni utili perché non tutte le comunità avevano ogni singola cosa di cui necessitavano. È un posto in cui le persone possono imparare nuove abilità e raccogliere le cose di cui hanno bisogno. È anche una possibilità, per loro, di legare fra comunità diverse. In questo contesto vedremo veramente cosa rappresenta ogni comunità e come sta affrontando l’idea stessa di questa fiera, perché è stata oggetto di discussione fra il Regno e Alexandria. Questa sarà la storia che vedremo nella seconda metà della stagione.

Importante anche le anticipazioni relative #Negan nei prossimi episodi: assisteremo alla sua libertà fin dall’inizio e lo vedremo vivere una nuova avventura personale.

Advertisement

Sottolineando come, nel fumetto, Negan decida di restare in cella pur trovando la porta aperta, la Kang racconta la ragione che ha spinto gli autori a esplorare una versione diversa nella serie TV.

(Negan) si sente come se potesse essere qualcosa di più in questo mondo, perciò si mette alla prova per dimostrare che è davvero possibile. Quello che trova è un mondo molto interessante e diverso, là fuori, rispetto al tempo in cui è entrato in prigione. Perché se ci pensiamo, per lui sono passati così tanti anni mentre la nostra gente si è adattata al mondo che cambiava e lui è rimasto in cella tutto il tempo. Imparerà delle cose piuttosto interessanti mentre è fuori. Penso che sarà grandioso vedere Jeffrey fare quello viaggio in stile western, che credo sarà divertente per i fan di Negan.

A questo punto fra Sussurratori, nuovi inizi e fiere, non resta che fare il conto alla rovescia: mancano meno di due settimane al ritorno di The Walking Dead su FOX!

[QUIZ]

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Leggi per scoprire le nuove rivelazioni, in merito al polverone che i dipendenti VFX hanno alzato contro Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Da oltre un decennio attraverso il Marvel Cinematic Universe, ci siamo appassionati nel vedere anche sullo schermo i supereroi di carta, che da sempre ci hanno regalato grandi emozioni con le loro storie a fumetti.
Tanti racconti diversi, su quelle che da semplici persone comuni, per svariati motivi da un giorno all'altro si sono ritrovate ad avere superpoteri e abilità particolari.
Ed ecco quindi che possiamo vedere Iron Man sfrecciare nel cielo con le sue armature, Thor mentre si teletrasporta da un mondo all'altro, Wanda che altera la realtà costruendo scenari immaginari e Wasp che si rimpicciolisce o ingrandisce ogni volta che una situazione lo richiede.
Ma affinché tutto questo sia possibile, dietro c'è un grande lavoro fatto da altri tipi di eroi: gli eroi invisibili.

Come spettatori, siamo da sempre abituati a ricevere il prodotto finito, giudicando solo ciò che vediamo sullo schermo.
Ma poche volte ci soffermiamo a domandarci quante persone, quante ore di lavoro, quanti sacrifici siano stati impiegati su ogni singolo pixel; perché un puzzle, per essere completo, ha bisogno di ogni suo pezzo al posto giusto.
Questa è una regola che vale in ogni ambiente e in ogni contesto. Ma purtroppo l'era del consumismo ci ha abituati a essere troppo superficiali; e con la scusante de "il cliente ha sempre ragione", valutiamo soltanto i contenuti finali, senza mai fare un percorso a ritroso per capire la storia che c'è dietro a quel contenuto. 
Ed è proprio sul binomio domanda-offerta che ruotano il mondo dell'economia e di tutti i settori annessi, incluso quello dell'intrattenimento. Perché è chiaro che se il consumatore non ottiene ciò che vuole, si rischia un flop; e di conseguenza, va sempre accontentato.

Sto cercando altri articoli per te...