I momenti epici di The Walking Dead. N.5: Carl uccide Shane

Autore: Chiara Poli ,

Era piccolo, terrorizzato ma anche consapevole di doverlo fare. Mentre Rick, che non capiva cosa stesse succedendo, gli chiedeva di abbassare la pistola, Carl prendeva la mira. Il suo amico Shane, colui che l'aveva salvato quando il mondo era impazzito e il suo papà giaceva in un letto d'ospedale - morto, secondo quanto raccontato dallo stesso Shane - era diventato uno zombie.

Da tempo era fuori controllo, ma Carl era troppo piccolo - sebbene non certo incapace di accorgersene - per comprendere le dinamiche di ciò che accadeva fra Lori, Shane e Rick. Ciononostante, Carl voleva bene a #Shane.

Advertisement

Era convinto che gli avesse salvato la vita, procurando a Hershel il necessario. Shane aveva raccontato la sua versione dei fatti, ma noi sapevamo che le cose erano andate diversamente. Conoscevamo la verità sulla morte di Otis.

Carl, invece, aveva solo un elemento su cui basarsi: Shane era diventato uno zombie. E si avvicinava minaccioso a suo padre. Nel penultimo episodio della seconda stagione di #The Walking Dead.

Advertisement
AMC
The Walking Dead: Carl sta per sparare a Shane
The Walking Dead: Carl mira a Shane

Quel ragazzino che Rick voleva imparasse a usare le armi per difendersi, contro il parere della madre, non ha sbagliato il colpo.

Nonostante il buio, la paura e il rischio di colpire suo padre, Carl Grimes ha dimostrato di saperlo fare, di sapersi difendere. E di saper difendere le persone che ama. Anche nel fumetto è Carl, piccolo come lo è Chandler Riggs in TV in questa scena, a uccidere Shane... Ma in circostanze completamente diverse (e molto prima di quanto accada in TV).

Il triangolo Lori-Rick-Shane è stato sfruttato a lungo dagli sceneggiatori per indagare le dinamiche del potere: Shane voleva la vita di Rick. Sua moglie, suo figlio, ma soprattutto il suo ruolo di leader indiscusso del gruppo.

Ci pensa un bambino, insieme a tutte le terribili azioni di Shane e al suo piano per ammazzare Rick, a porre fine alla sua ossessione. Un bambino che, da questo momento in poi, non sarà più lo stesso. Un bambino che sta crescendo in un mondo al contrario, e che dovrà premere quel grilletto ancora molte, molte altre volte...

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Anche Robert Downey Jr. replica alle accuse di Tarantino

Leggi per sapere che cosa ha replicato Robert Downey Jr. in merito alle dichiarazioni che Quentin Tarantino ha fatto sui titoli prodotti da Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
Anche Robert Downey Jr. replica alle accuse di Tarantino

Alcune dichiarazioni di Quentin Tarantino sui titoli prodotti da Marvel Studios hanno finito per alzare un polverone. Per questo motivo diversi attori che fanno parte del Marvel Cinematic Universe (MCU) si sono sentiti chiamati in causa e hanno voluto dire la loro in merito. 

Il primo che ha replicato a Tarantino è stato Simu Liu in qualità di protagonista del film Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli. Mentre in seguito anche Samuel L. Jackson che nell'MCU interpreta Nick Fury ha risposto alle parole pronunciate dal regista. Questa volta è il turno di Robert Downey Jr. attore che è conosciuto per il ruolo di Iron Man sempre all'interno dell'Universo Marvel.

Sto cercando altri articoli per te...