I momenti epici di The Walking, N.14: quando il trucco non funziona

Autore: Chiara Poli ,

Fin dal secondo episodio, #The Walking Dead ci ha mostrato il trucco per aggirarsi in mezzo agli zombie. Molti personaggi l’hanno usato: Rick, Glenn, Michonne, Carol… In questa sequenza della sesta stagione è l’unica via d’uscita per lasciare Alexandria, invasa dai morti viventi. L’unica via di salvezza, però, prevede anche il rispetto dell’unica regola necessaria a servirsi del trucco della mimetizzazione: restare calmi.

E non si può chiedere a un ragazzino pauroso come Sam - nella cui mente risuonano le terrificanti parole di Carol, perché in The Walking Dead tutto torna - di farlo. Non tutti i ragazzini sono com’era Carl. Lui aveva mantenuto la calma, nascosto sotto un’auto mentre una mandria di zombie gli passava accanto…Ma Carl rappresentava un’eccezione: Sophia era dovuta scappare via e, ora, Sam si fa prendere dal panico.

Advertisement

Terrorizzato, Sam perde il controllo quando vede un bambino zombie più piccolo di lui. Si paralizza, come spesso succede quando il panico prende il sopravvento. Nemmeno le parole di sua madre, di Rick e di suo fratello sono in grado di sbloccarlo. Allo stesso modo, Jessie si fa prendere dal panico quando Sam viene attaccato dagli zombie. Non riesce a lasciare la sua mano. Non riesce a sbarazzarsi del panico. Si blocca, a sua volta. Sotto lo sguardo sconvolto di Rick, Carl e Ron.

Advertisement

Jessie grida, attirando su di sé gli zombie. E trasformandosi in una trappola mortale per Carl, trattenuto dalla sua mano. A questo punto, ancora una volta, Rick Grimes dimostra che lui non si blocca, mai. Nemmeno nei momenti più spaventosi e scioccanti. Ci sono persone che si fanno prendere dal panico, e muoiono.

E poi ci sono i Grimes, che sopravvivono perché il panico hanno imparato a dominarlo: ancora una volta, il nuovo mondo si divide in due. Vivi e morti. Vivi e condannati alla morte. Dopo la messa in onda di questo episodio, una parte del pubblico si è lamentato per la banalità della morte di Jessie e Sam. In realtà si tratta di una sequenza realistica, costruita per mostrarci come basti poco per infrangere l’unica regola fondamentale per sopravvivere: mantenere il controllo. Superando l’orrore. Affrontando la morte, faccia a faccia.

Giorno, dopo giorno, dopo giorno…

[QUIZ]

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Kevin Feige su Kang: "È un villain diverso da tutti"

Scopri le dichiarazioni illuminanti di Kevin Feige, presidente di Marvel Studios, sul ruolo di Kang il Conquistatore come villain del Multiverso!
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Kevin Feige su Kang: "È un villain diverso da tutti"

Alcune recenti dichiarazioni di Kevin Feige gettano una nuova luce su Kang il Conquistatore, ovvero il villain del nuovo film Marvel Cinematic Universe Ant-Man and the Wasp: Quantumania. La pellicola è diretta da Peyton Reed e uscirà nelle sale cinematografiche italiane il 15 febbraio 2023.

Kevin Feige ha parlato di Kang come di un tipo completamente nuovo di villain e un personaggio che combatte non solo i supereroi, ma anche le varianti di sé stesso! Ecco cosa ha dichiarato il presidente di Marvel Studios alla rivista Empire Magazine:

Sto cercando altri articoli per te...